La circolazione della moneta fiduciaria a Napoli nel Seicento e nel Settecento (1587-1805)

Francesco Balletta

Anno edizione: 2009
In commercio dal: 31 marzo 2009
Pagine: 308 p.
  • EAN: 9788849518047
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
In questo numero della collana si analizza la evoluzione del mercato delle fedi di credito, una moneta fiduciaria emessa dagli Otto banchi pubblici napoletani - Banco della Pietà, Banco dell'Annunziata, Banco del Popolo, Banco dello Spirito Santo, Banco di Sant'Eligio, Banco di S. Giacomo e Vittoria, Banco dei Poveri e Banco del Salvatore - nei due secoli compresi fra il 1587 e il 1805. L'analisi è stata effettuata dividendo il periodo in undici cicli, ciascuno dei quali trova un punto di svolta in un momento di crisi politico-militare, monetaria, demografica ed economico-finanziaria. L'autore vuole dimostrare che le crisi esaminate - considerate le più profonde del periodo - se furono superate, senza sconvolgere profondamente le relazioni economiche e finanziarie del Regno, fu merito della fiducia che i napoletani riposero nei banchi e nella cartamoneta che emettevano. Tale fiducia trova le radici nelle caratteristiche delle fedi di credito, nelle riserve metalliche che i banchi possedevano e nel loro consistente patrimonio di beni immobili e rendite (fiscali e arrendamenti).

€ 30,00

Venduto e spedito da IBS

30 punti Premium

Disponibile in 10 gg

Quantità: