La città delle bestie - Isabel Allende - copertina

La città delle bestie

Isabel Allende

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Elena Liverani
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 242 p., Brossura
  • EAN: 9788807818950

Età di lettura: Young Adult

Salvato in 4 liste dei desideri

€ 9,00

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Alex ha quindici anni. La malattia della madre lo costringe a lasciare una tranquilla cittadina californiana per seguire l'eccentrica nonna Kate, reporter di professione, in una spedizione nel centro dell'Amazzonia. Bisogna cercare una Bestia mostruosa e gigantesca che paralizza con il suo odore chi la incontra. Alex si trova così ad affrontare eventi e situazioni eccezionali, dalle banali punture d'insetti all'incontro con animali feroci, come l'affascinante giaguaro. Nel gruppo della spedizione c'è anche Nadia, figlia tredicenne della guida: è nata nella foresta e si muove in perfetta armonia con la natura selvaggia. Questo è il primo romanzo di una trilogia pensata per gli adolescenti, ma adatta anche al pubblico adulto della scrittrice.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,22
di 5
Totale 18
5
11
4
3
3
1
2
3
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ange

    11/12/2012 19:48:42

    Molto bello. Storia travolgente e ricca di fantasia.

  • User Icon

    dalia

    08/07/2011 10:29:00

    Letto molto a fatica anche se brevissimo. Carina la storia, carina l'idea ma troppe inutili digressioni. Eccessivo nell'assurdità delle cose raccontate e dei personaggi coinvolti. Forse un racconto più "reale" di una cultura comunque lontana dalla nostra sarebbe stato più appropriato.

  • User Icon

    Valerio

    13/09/2008 11:33:39

    Il libro, come tutta la trilogia è ben fatto e merita un voto alto; sono critico con chi da il voto basso solo perchè da Isabel Allende si attendeva di più: certo, non è "La casa degli spiriti", ma ogni signolo libro va valutato a sè stante, soprattutto se di genere completamente diverso come questi tre. Consiglio comunque di leggere "La somma dei giorni" dove la Allende spiega e racconta la scrittura di tutti i suoi libri, tra cui anche questa trilogia.

  • User Icon

    antonella

    17/04/2008 10:20:33

    Bel libro, per ragazzi ma anche per adulti. Certamente poco verosimile, anzi, direi a tratti assurdo, che esula completamente da un'analisi anche solo in parte logica. Personaggi impossibili, incoerenti, un quindicenne già uomo, una nonna per cui ci si chiede come abbia fatto ad essere madre, una bambina lontana dall'essere tale. Ma è proprio questo che fa sognare, anche se a volte sorridere, è proprio questo che rapisce e spinge a leggere anche i due romanzi successivi che ho comprato all'istante.

  • User Icon

    Andrea

    22/03/2008 20:15:46

    Semplicemente meraviglioso... con atmosfere davvero fantastiche. Leggetelo!

  • User Icon

    Federico

    17/02/2008 21:07:49

    Devo dire che- pur non conoscendo bene Isabel Allende come scrittrice, questo libro (che in fondo va oltre al genere per ragazzi) mi è piaciuto, soprattutto per le riflessioni che- credo- siano caratteristiche dell'autrice, nel senso che non credo che lesini in ogni sua opera la "fatica" (si può definire) da parte del lettore nel fornire una sua critica in merito a tali riflessioni, sulla vita, sulla religione, sulla condizione umana ed i veri valori della prima. Il tutto contornato da un'avventura che anche i più scettici potrebbero gradire. Dopotutto non sono molti i libri (per ragazzi, soprattutto) da essere degnamente chiamati tali a presentare un'"avventura" nel posto che ormai molti hanno dimenticato, teatro di un pericolo nascosto dietro ad un sipario che una volta aperto mostra una tragedia prossima a non essere più finzione. Voglio finire la mia critica constatando una bellissima analogia con l'opera di Pullman "Queste oscure materie", gradita anche dall'Allende stessa (chissà, magari è stata proprio influenzata dalla trilogia): i daimon e gli animali totemici e se proprio non si vuole considerare questo aspetto guardiamo almento alla simpatica scimmietta Borobà, contrapposta all'antagonista daimon della Signora Coulter. Un aspetto coincidente mica piccolo e trascurabile.

  • User Icon

    saroanna

    02/07/2007 11:00:08

    Cara isabell allend, questo suo lavoro fa eccezione fra gli altri .Anche QUESTI ULTIMI sono eccezzionalmente belli, ma "La citta delle bestie" ha una luce tutta sua che fa emozionare il lettore e lo fa distaccare dal mondo reale per immergersi in un ' avventura straordinaria e senza paragoni saluti Saroanna

  • User Icon

    Ky

    03/02/2007 11:45:32

    Purtroppo, nonostante io sia una fan della Allende, non posso fare altro che dare un voto basso a questo libro. Un racconto che pur avendo un'ottimo spunto, si perde in risvolti ridicoli e assurdi, totalmente fuori luogo. L'ammbientazione è di per sè fantastica: natura selvaggia e una civiltà poco conosciuta dall'uomo, i cui caratteri sono di per sè già straordinari, senza doverci aggiungerci ridicolaggini come enomi pipistrelli ciechi a guardia di tesori o spiriti di dubbia provenienza galleggianti qua e là! Che bisogno c'erà di queste aggiunte, quando anche solo un breve excursus su di una cultura così diversa dalla nostra, sarebbe risultata affascinante e coinvolgente? Una buona occasione persa. un libro che sconsiglio ad un pubblico che sia sopra gli 11 anni.... ma l'Allende della "casa degli spiriti" rimane sempre una delle mie autrici preferite

  • User Icon

    Alessandro

    24/12/2006 19:11:33

    Un romanzo d'avventura ambientato in Amazzonia che presenta magnifiche descrizioni e una non sempre esauriente caraterizzazione dei personaggi. Alcuni di questi infatti come Carias, Ariosto, Cesar, la dottoressa Torres sembrano delle macchiette.

  • User Icon

    Mònica

    27/09/2006 19:34:08

    Questo libro è semplicemente stupendo!!!!!!!!!!!!! Io l'ho letto anche in spagnolo avendo mia madre originaria di Madrid!!!!

  • User Icon

    Smaug

    15/09/2006 19:24:38

    Romanzo avventuroso bello e molto educativo.

  • User Icon

    flavia

    09/09/2006 12:11:19

    questo racconto mi ha dato la possibilita di uscire dal mondo per tre gorni,è ricco di descrizioni e dettagli cosi accurati che danno la possibilita al lettore di provare l'emozione di trovarsi in una foresta ricca di suoni e profumi forti. isabel allende in questo racconto mette da parte quella forte spiritualita presente in ogni suo racconto,sostituendola con il sentimento piu importante che nei nostri tempi sta perdendo valore:l'AMORE. è ricorrente nel libro la frase "ascoltare col cuore",dando piu peso ad ogni azione perchè fatta col cuore,l'attore principale,Alex,un ragazzo americano,riesce a poter comunicare ed esprimersi con una tribu di indigeni, a trasformarsi nel suo animale totem e a sconfiggere le sue paure. egli affronta l'avventura nella citta delle bestie con nadia,una ragazza pratica del posto e sua nonna con il gruppo del national geographic.la storia è incentrata sui due ragzzi che sono legati da un profondo sentiimento di amicizia,insieme risolveranno l'enigma delle morti di molte tribu.

  • User Icon

    Massimo

    02/09/2006 18:29:40

    Isabel Allende con questa trilogia a fatto conoscere a chi ha avuto l'emozione di leggere questi tre libri,la forza che può sprigionare il nostro cuore. Come diceva Alex a Nadia il nostro talismano e dentro di noi. Tre libri che portano chi li legge ha conoscere le nostre origini e la forza spirituale dei nostri credo. I libri sono belli perché mi hanno fatto piangere, ridere, riflettere. Ho viaggiato in paesi fantastici con i ragazzi e le loro scoperte. La Allende a saputo scrivere con il cuore

  • User Icon

    valentina

    28/08/2006 15:46:11

    mi dispiace ma non è il mio genere di libro anche se molti miei amici me lo Hanno consialiato credo proprio che non mi piacerà mai... proverò a leggere un altro dei tuoi libri magari mi piacerà!!! ciao ciao

  • User Icon

    MARY

    24/07/2006 20:56:54

    MI FAREBBE PIACERE SE ISABEL ALLENDE CONTINUASSE A SCRIVERE LIBRI DI QUESTO GENERE. HO LETTO LA CITTA' DELLE BESTIE,IL REGNO DEL DRAGO D'ORO E OGGI HO TERMINATO ANCHE LA FORESTA DEI PIGMEI.BELLISSIMI!!!!STUPENDI!MI SEMBRAVA DI ESSERE LI'.

  • User Icon

    Massimo Rotta

    29/06/2006 23:45:59

    E' un libro molto bello. Si legge tutto d'un fiato. Tratta di problemi sociali in modo molto delicato, e nello stesso tempo è avvincente e d'avventura. Vale veramente la pena di leggerlo.

  • User Icon

    Hermione Ginny

    17/04/2006 10:50:15

    Mescola magia antica con la magia dell'adolescenza...questa è la vera Isabel Allende!!!

  • User Icon

    antonella

    02/03/2006 14:32:06

    Un bel libro, era molto che non mi capitava di leggerne di questo genere, devo dire che mi ha fatto ritornare indietro negli anni quando leggevo da bambina i libri d' avventura di Salgari. Per qualche giorno sono stata anch'io nella foresta amazzonica, ho incontrato indigeni e scoperto luoghi sconosciuti...con la fantasia....,e i libri servono anche a questo!!!!!

Vedi tutte le 18 recensioni cliente
  • Isabel Allende Cover

    Scrittrice e giornalista cilena. Dopo aver terminato gli studi a Santiago del Cile, lavora dapprima per la FAO, quindi si dedica a un giornalismo impegnato, scrivendo anche per il cinema e la televisione. Nipote di Salvador Allende, vive in esilio dal 1973, anno del golpe organizzato dal generale Augusto Pinochet Ugarte, al 1988, anno della caduta di Pinochet.In esilio scrive il primo romanzo, La casa degli spiriti (1982; ebbe una trasposizione cinematografica nel 1993).Ha scritto romanzi basati sulle sue esperienze di vita, ma ha anche parlato delle vite di altre donne, unendo insieme mito e realismo. In Italia è pubblicata da Feltrinelli.Tra le prime scrittrici latinoamericane a raggiungere fama mondiale, continua la sua esplorazione del tema politico e di quello personale nei... Approfondisci
Note legali