La città elementare

Paola Viganò

Editore: Skira
Anno edizione: 2000
In commercio dal: 1 maggio 2002
Pagine: 208 p., ill.
  • EAN: 9788881186426
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Bianchetti, C. L'Indice del 2000, n. 09

Saggio sofisticato nel progetto grafico come nella costruzione dei riferimenti, difficilmente ascrivibile a un solo genere: per metà affermazione di un punto di vista sulla città contemporanea, per metà illustrazione di un'attività professionale ampia, piegata a dimostrare quell'affermazione poiché si è sviluppata nel tempo in cui essa prendeva corpo e ne ha permesso la precisazione. L'affermazione concerne l'utilità di osservare città e territorio come composti di materiali. Una mossa decostruttiva con una lunga storia (dalle avanguardie artistiche dei primi del Novecento, ai situazionisti e al decostruttivismo in architettura): una strategia per tornare a osservare la città, descriverla, nominarne gli elementi, ricomporli entro nuovi esercizi progettuali. L'angolazione adottata permette di rileggere buona parte della letteratura urbanistica (quella che si occupa di civic art e site planning) ritrovandovi importanti suggestioni, ma anche discostandosi da essa, laddove si afferma che un'osservazione dei materiali urbani permetterebbe di superare il problema della forma e affrontare quello della costruzione. Affermazione cruciale che rimane però nell'ordine di un enunciato, mentre sono considerati in profondità i modi con i quali la città contemporanea, così ripensata, può rinnovare il progetto a partire da alcuni grandi temi: il vuoto, la composizione di oggetti discontinui, la modellazione del suolo. A ciò è dedicata tutta la seconda parte del testo, la cui fondamentale ambizione è quella di consolidare le ragioni di una prospettiva elementarista all'interno dell'urbanistica contemporanea.

(C.B.)