Clarinet Quintet - CD Audio di Johannes Brahms

Clarinet Quintet

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Johannes Brahms
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Harmonia Mundi
Data di pubblicazione: 6 maggio 2013
  • EAN: 3149020215227

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


L'implacabile autocritica di Brahms perviene al suo apice nella musica da camera: il compositore era già quarantenne quando produsse il suo secondo Quartetto, dopo dieci anni di lavori che non reputava soddisfacenti. La sua perfezione formale e il suo lirismo sono sorprendenti. Nel caso del Quintetto op.115 fu l'incontro con il clarinettista Mühlfeld che lo ispirò ad uscire dal suo ritiro volontario per comporre questo testamento musicale, con un forte carattere nostalgico, cinque anni prima della morte. Al rinomato Jerusalem Quartet si unisce la clarinettista israeliana Sharon Kam, la quale dopo la vittoria al Concorso ARD di Monaco nel 1992, ha collaborato con le orchestre più prestigiose e ha iniziato una carriera come solista.

Da anni protagonista del panorama concertistico internazionale, il Jerusalem Quartet si distingue per il suo affascinante suono d’insieme e per la capacità di esprimere l’essenza più intima di tutte le opere del suo vastissimo repertorio.
  • Johannes Brahms Cover

    Compositore tedesco.La formazione e l'incontro con Schumann. I rudimenti di musica impartitigli dal padre, suonatore di contrabbasso, e lo studio del pianoforte, effettuato con F.W. Cossel, gli permisero presto di guadagnarsi la vita in orchestrine locali. Approfondiva intanto, sotto la guida di E. Marxsen, lo studio della composizione. A vent'anni, nel corso di una tournée (accompagnava al pianoforte il violinista R. Reményi) conobbe J. Joachim che, già celebre, lo introdusse nei più influenti circoli musicali tedeschi. Se l'incontro con Liszt a Weimar (1853) lo lasciò indifferente, decisivo per la sua formazione fu quello con Schumann a Düsseldorf. Vedendo in B. una sorta di antidoto alla corrente «progressista» rappresentata da Liszt e Wagner, Schumann segnalò al pubblico il giovane musicista,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali