La clemenza di Tito - CD Audio di Antonio Caldara

La clemenza di Tito

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Antonio Caldara
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Bongiovanni
Data di pubblicazione: 6 settembre 2004
  • EAN: 8007068236022

€ 41,50

Punti Premium: 42

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Introduzione
2
Ma che! Sempre l'istesso
3
Deh, se piacer mi vuoi
4
Amico ecco il momento
5
Serbate, o dèi custodi
6
Te della patria il padre
7
Serbate, o dei custodi
8
Basta, basta, o Quiriti
9
Del più sublime soglio
10
Eccola, o dei
11
Ah perdona al primo affetto
12
Io consorte d'Augusto
13
Amo te solo
14
Che mi rechi in quel foglio?
15
Parto, ma tu, ben mio
16
Vedrai, Tito, vedrai
17
Quando sara' quel di
18
O dei, che smania è questa
19
Sia lontano ogni cimento
Disco 2
1
Chi per pietà m'addita
2
Come potesti, o dio
3
Grazie, o numi crudeli!
4
Tu, infedel, non hai difese
5
E pur, dolce mia sposa
6
Non odo gli accenti
7
(E Sesto no favella?)
8
Ch'io parto reo, lo vedi
9
Posso alfine o crudele
10
Se mai spirarti sul volto
11
Gia' de' pubblici giochi
12
Tardi s'avvede
13
Annio, che rechi?
14
Pietà, signor, di lui
15
Che orror! Che tradimento
16
Vo' disperato a morte
17
E dove mai s'intese
18
Se all'impero, amici dèi
19
Publio ascolta
20
Che del ciel, che degli dei
21
Pria che principio a' lieti spettacoli
22
Che del ciel, che degli dèi
  • Antonio Caldara Cover

    Compositore. Forse allievo di G. Legrenzi a Venezia, fu cantore e violoncellista in San Marco, maestro di cappella del duca di Mantova (1701-07), compositore di camera di re Carlo iii a Barcellona (1709), musico al servizio del principe Ruspoli a Roma (1709-11); dopo un breve soggiorno a Vienna, risiedette ancora a Roma e a Bologna, stabilendosi infine, definitivamente, a Vienna, dove ricoprì la carica di vicemaestro della cappella di cui era titolare J.J. Fux. Scrisse moltissimo, sintetizzando nel proprio stile la tradizione veneziana madrigalistica e concertante di Monteverdi e Cavalli, il melodismo appassionato di A. Scarlatti e della scuola napoletana, lo strumentalismo dei bolognesi e di Corelli. Se tale somma di esperienza finì per appesantire un poco la sua produzione teatrale (78 lavori... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali