Cloudspotting. Una guida per i contemplatori di nuvole - Gavin Pretor-Pinney - copertina
Salvato in 29 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Cloudspotting. Una guida per i contemplatori di nuvole
15,68 € 16,50 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
Cloudspotting. Una guida per i contemplatori di nuvole 160 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Nome prodotto
15,68 €
Chiudi
Cloudspotting. Una guida per i contemplatori di nuvole - Gavin Pretor-Pinney - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Cloudspotting. Una guida per i contemplatori di nuvole Gavin Pretor-Pinney
€ 16,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Cosa c'è di più bello di un cielo azzurro? Gavin Pretor-Pinney non ha dubbi: un cielo pieno di nuvole. Perché le nuvole sono movimento e teatralità, universo cangiante di forme e colori in continua evoluzione, scenografia sempre diversa, minaccia all'orizzonte ma anche rifugio e oggetto di fantasie infantili. E lui, maestro dei contemplatori di nuvole, ce le descrive con leggerezza e competenza, in tutto il loro fascino e la loro bellezza: spiegandone la genesi e la formazione, descrivendone le caratteristiche e le tipologie (dai cumuli agli strati, dai cumulonembi ai cirri), ma anche raccontando storie e aneddoti di uomini che le hanno amate o studiate o temute. Come il tenente colonnello William Rankin, che ha attraversato, precipitando dal suo aereo in avaria, il ventre oscuro di un cumulonembo in piena attività temporalesca; o come i grandi pittori del Rinascimento italiano, da Piero della Francesca al Mantegna, che nei loro dipinti hanno sempre ritratto sullo sfondo nuvole enigmatiche e suggestive. Alternando fotografie e disegni a una scrittura ricca e divertente, dal passo narrativo, Pretor-Pinney ci conduce nel mondo dei contemplatori di nuvole, un mondo che ha già un sito web tra i più popolari di tutta la rete e che è fatto da chi, come lui, non si è accontentato della "tirannia del cielo azzurro".
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2006
9 novembre 2006
345 p., ill. , Brossura
9788882469764

Valutazioni e recensioni

2,5/5
Recensioni: 3/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Federico
Recensioni: 4/5

Sono un appassionato di meteorologia.Ho potuto quindi constatare che il testo, pur sviluppando un'idea non originale (o forse proprio per questo),risulta comunque un ottimo contributo alla divulgazione della meteorologia e una lettura godibile sia per i lettori esperti che per i semplici curiosi.Questi ultimi potranno rendersi decisamente più consapevoli dei meravigliosi fenomeni che si manifestano chilometri al di sopra delle nostre teste nonché apprendere il perché di tali fenomeni e i meccanismi del loro sviluppo grazie ad un linguaggio simpatico e a metafore particolarmente azzeccate (si veda il fenomeno della rifrazione). Gli esperti invece potranno chiudere un occhio su un certo difetto di sistematicità e sulla superficialità con cui vengono trattate certe questioni (ad es. il concetto di saturazione e quello di stabilità dell'aria) per via della ricchezza di riferimenti alla mitologia, storia e all'arte pittorica che l'autore introduce per mantenere il giusto equilibrio tra nozionismo scientifico e cultura umanistica. In sintesi, un'ottima opera di divulgazione che come tale non può essere perfetta per tutti i lettori, ma che risulta senz'altro gradevole alla maggior parte di essi. Sulle critiche sollevate dalla recensione che mi ha preceduto, dissento decisamente: a mio parere,l'autore mantiene in modo chiaro ed esplicito un profilo di condanna e preoccupazione per il proliferare delle scie di condensazione artificiali e risulta anche piuttosto aggiornato sulle spesso contradditorie comunicazioni scientifiche che si accavallano in materia (e NON commette l'errore imputatogli sulla temperatura di condensazione delle scie, almeno non nella edizione che ho letto io...). Anzi, Pretor-Pinney riesce a mantenere un equilibrio encomiabile,a cavallo tra sano scetticismo,saggia preoccupazione e disillusa contemplazione della bellezza di ogni fenomeno celeste si manifesti nell'atmosfera,qualsiasi ne sia la causa. In sintesi, un libro divertente e senz'altro raccomandabile.

Leggi di più Leggi di meno
Antonio
Recensioni: 1/5

Il testo si può considerare pregevole, sebbene per nulla originale, ma, come giustamente si ripete, in cauda venenum, un veleno vero e proprio, non metaforico, perché lo scienziato (?) dedica l’appendice del libro alle scie velenose, spacciate, però, come innocue e “bellissime” (sic) scie di condensazione: con una sfacciataggine che solo i ricercatori asserviti al sistema possono esibire, impreziosisce la menzognera disquisizione di dati scientifici falsi o alterati. Ad esempio, afferma che la temperatura che consente alle contrails di formarsi, è pari a meno 30 gradi centigradi, invece che meno 40. Sui valori dell’umidità (70 per cento circa) e sulle quote in cui incrociano gli aerei che creano o possono creare le scie di condensa, per ora, non mente, facendo riferimento ad altitudini superiori agli 8500 metri. Tuttavia, con incommensurabile ed ignominiosa attitudine a mistificare, introduce nel testo fotografie in bianco e nero raffiguranti aerei chimici anche in formazione, reticoli, croci di Sant’Andrea etc., strisce a forma di “fusilli”, che sono il risultato di diaboliche operazioni di avvelenamento, chiosando il tutto con affermazioni destituite di qualsiasi fondamento empirico e scientifico. Con simulato candore, Pretor-Pinney ammette che gli studiosi non sanno spiegarsi per quale motivo certe scie assumano forme tortili. Poverino… dobbiamo spiegargli che non sono sottili nubi di vapore acqueo, ma scie contenenti metalli che tendono a ricadere al suolo. Insomma, la solita congerie di menzogne e di mezze verità in stile N.A.S.A., un’accozzaglia di balordaggini scritte e ripetute dai vari Pecoraro e dalle pecore (“scienziati”, “giornalisti”, “uomini politici”…) che belano le sciocchezze dettate dai potenti. Sono grullerie che non occorre neanche confutare, perché si confutano da sole. Patetico è il disegnino che è premesso al capitolo sulle scie chimiche: si può ammirare un paesaggio bucolico sovrastato da un cielo sfregiato da x. L’illustrazione la dice lunga sulla mala fede dell’autore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

2,5/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore