Salvato in 4 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La colpa
8,00 €
;
LIBRO USATO
Dettagli Mostra info
La colpa Venditore: Bibliografia Moderna + 4,63 € Spese di spedizione Solo una copia disponibile
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Bibliografia Moderna
8,00 € + 4,63 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Memostore
7,90 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Bibliografia Moderna
8,00 € + 4,63 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Memostore
7,90 € + 5,00 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
La colpa - Lorenza Ghinelli - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Estefan nasconde un segreto inconfessabile, un macabro ricordo d'infanzia che lo perseguita. Forse si è macchiato di un crimine atroce, oppure è vittima di una memoria bugiarda, che distorce la realtà. Ma nella realtà, qual è la colpa per cui sua madre e suo padre hanno smesso di amarlo? Anche Martino, il suo migliore amico, custodisce un terribile segreto, una verità sconvolgente che nessuno deve conoscere. Il male che condividono li ha resi complici. Il male che condividono li ha uniti in un legame indissolubile. Non si confidano, chiusi in un silenzio che saranno costretti a infrangere solo quando il passato minaccerà di tornare. Finché un giorno la strada di Estefan si incrocia con quella di Greta, una bambina di appena nove anni che ha perso entrambi i genitori. Cresciuta in campagna, circondata da una decadente periferia industriale, vive come prigioniera nella casa del nonno. Il loro incontro, figlio dell'ennesimo episodio violento, sarà il primo passo verso la redenzione. "La colpa" è un romanzo graffante e diretto che parla del dolore dell'infanzia ignorato dal mondo adulto e della possibilità di riscattarsi, nonostante tutto.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2012
241 p., Rilegato
9788854135291

Valutazioni e recensioni

3,29/5
Recensioni: 3/5
(31)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(9)
4
(6)
3
(6)
2
(5)
1
(5)
ferruccio
Recensioni: 2/5

Una storia che squarcia l'anima, spezza il pensiero e si insinua in maniera catastrofica nell'interiorità; i fatti narrati, purtroppo, accadono, anche se non vorremmo mai venirne a conoscenza e, tanto meno, leggerli; uno stile narrativo straziante che non fa sconti; una terminologia tagliente e invasiva...ma non è assolutamente il mio genere di lettura.

Leggi di più Leggi di meno
Alessia
Recensioni: 1/5

Scusatemi per la sincerità, ma credo che questa autrice sia semplicemente un "macellaio" con una penna in mano. Concordo pienamente con chi critica il suo stile di scrittura alternativo ma assolutamente mal gestito, e ci aggiungerei pure che lascia trapelare il gusto per il sadismo volgare della scrittrice (a me ha dato l'impressione che si divertisse ad essere cruenta e anche un po' patetica). Questo volerla premiare per forza, mi fa venire in mente quando in quinta superiore il consiglio dei professori decideva una o due persone per classe da far uscire con 100 e lode, anche nelle classi dove non c'era nessuno che lo meritava.

Leggi di più Leggi di meno
Anna
Recensioni: 2/5

Di quest'autrice ho letto anche l'altro libro e continuo a non essere convinta neanche un pò. L'argomento è profondo ma lo stile di scrittura post moderno - che io amo solo in determinati autori grandissimi- non gli rende giustizia e non lascia emozioni profonde come dovrebbe, data la delicatezza dei temi trattati. La storia di uno dei due ragazzi protagonisti poi è completamente lasciata in sospeso e non ha un degno finale, mentre la storia dell'altro si interrompe bruscamente. Il libro da quindi un fastidioso senso di non concluso e inconcludente. Non consigliato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,29/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(9)
4
(6)
3
(6)
2
(5)
1
(5)

La recensione di IBS

Finalista Premio Strega 2012. A sorpresa finalista dell'edizione 2012 del Premio Strega - ha battuto autori come Giorgio Manacorda o Giovanni Greco, già vincitore del Calvino 2011 - il romanzo di Lorenza Ghinelli racconta il disagio e il dolore tra infanzia e adolescenza, in un'età in cui la vita dovrebbe essere solo spensierata e felice, ricca di affetti e sostegni.
Non ambientato in ambiti sociali marginali e borderline, ma in famiglie "normali", borghesi, regolari (che nascondo tuttavia grandi problemi) il segreto de La colpa è nella forma della narrazione, diretta, spontanea, ma al tempo stesso estremamente costruita. Una narrazione del dolore, della perdita dell'ingenuità, della violazione dell'infanzia, dello smarrimento e della ricerca di un equilibrio nuovo, diverso, apparentemente impossibile da raggiungere. La narrazione di un senso di colpa ossessionante che nella mente dei protagonisti si trasforma in incubi e allucinazioni.
Estefan ha 19 anni, "qualcosa di parassita, da qualche parte, prolifica nel suo cervello". Martino ha 18 anni, "asciutti e nevrili". Greta ha 9 anni. "È nata presto. È nata male. È nata sola". Qualcosa li accomuna: delle ferite profonde che forse non potranno mai rimarginarsi. Ma hanno anche una realtà positiva che li unisce: si sono incontrati. Martino "ha occhi da bestia braccata e ferita", e non potrebbe essere diversamente. In un attimo, molti anni fa, una persona di cui si fidava, che pensava fosse come un Dio, "senza un amen ha sfregiato per lui tutti i domani del mondo".
Estefan ha visto qualcosa che "basterebbe alla rovina totale, al crollo, allo sperdimento della ragione. Ma un orrore si scaccia solo con un orrore più grande" che la sua memoria però non riesce a mettere a fuoco. Greta vive in campagna, è "una bambina selvatica. Orfana. Con nonni contadini. Greta è bella come le cose non addomesticate" ma anche nel suo cervello ricorre un pensiero di colpevolezza.
"Nei miei libri non parlo solo di dolore - ha dichiarato Lorenza Ghinelli in un'intervista - perché questo per me non è interessante. Il dolore è qualcosa che tutti possiamo sperimentare, ma non è quello a rendere preziose le nostre vite. Quello che mi interessa è esplorare delle strade che ci permettano di dare un senso a quel dolore."
Si fatica a ritrovarlo in queste dolenti pagine, nell'angoscia della scrittura, tra le parole di dialoghi concitati. Ma un senso c'è, e forse anche una speranza.

A cura di Wuz.it

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Lorenza Ghinelli

1981, Cesena

È diplomata in grafica pubblicitaria, fotografia, web design e montaggio digitale. Laureata in Scienze della Formazione, ha conseguito presso la Scuola Holden di Torino il Master in "Tecniche della narrazione". Autrice di vari racconti, opere teatrali e cortometraggi, ha scritto Francis degli specchi, un romanzo disegnato da Mabel Morri. Nel 2010, insieme a Simone Sarasso e Daniele Rudoni, ha pubblicato J.A.S.T. (Marsilio). Vive a Roma dove lavora come editor e sceneggiatrice per la Taodue.Il suo primo romanzo è Il Divoratore (2011). La colpa (2012) è entrato nella cinquina dei finalisti del Premio Strega 2012. L'anno successivo sono usciti Sogni di sangue e Con i tuoi occhi. Nel 2014 il suo racconto "Un diavolo per capello" appare nell'antologia Delitti di Capodanno....

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore