Salvato in 1 lista dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
I compianti
11,40 € 12,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
12,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
12,00 € + 5,49 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
I compianti - Maria Pia Quintavalla - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

I compianti Maria Pia Quintavalla
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Attraverso le stanze della casa paterna, di una strada di una piazza di una città, si svolge il rito del compianto sulla morte del padre. I fondali di scena sono testimoni, come nella pittura e nel teatro, delle voci impegnate a dialogare fino all'ultimo, di un padre e di una figlia, nell'intimità dei loro affetti, unica guida al viaggio; ma gli affetti hanno un corso sinuoso e ritorni, come i versi. Del montaggio delle voci sono garanti i luoghi, che si fanno coro. Come nel mito l'eroe deve discendere agli inferi per poi ascendere al paradiso, un "Gesù convinto di parole". In appendice compaiono scritti di lui, scampato alla morte nel campo di prigionia, Stalag XVII A, quando si fa strada il sentimento della speranza, nella riscrittura de "Il Rigoletto", dove rivive la sua voce di suggeritore di scena, e la "canzone del prigioniero, che incensurata si scolpiva nel cuore".
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2013
13 novembre 2013
106 p., Brossura
9788897648239

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
alida airaghi
Recensioni: 4/5

Nella postfazione, Bianca Garavelli sottolinea un elemento aggiuntivo rispetto alla precedente ricerca letteraria dell'autrice: “una dolcezza riflessiva” determinata quasi certamente dall'argomento trattato in questi versi. Il libro infatti è interamente dedicato alla figura del padre della poetessa, Piero Quintavalla, “Caro padre/ dal cappello e cappotto infagottato, come un uomo dell'ultima guerra/ che fu soldato, maestro povero,/ poi deportato...”. Vita e morte di un uomo molto amato e raccontato nelle tappe fondamentali della sua esistenza, e poi dell'agonia e della morte, in un omaggio che mantiene lo stile classicheggiante di notissimi Compianti scultorei e pittorici del nostro Rinascimento. Le sette sezioni del volume, corredate da testimonianze scritte dal padre sulla sua esperienza di prigioniero in un lager austriaco e da numerose fotografie su luoghi e protagonisti descritti nei versi, prende le mosse dall'ambiente in cui Piero Quintavalla nacque e fu educato, per soffermarsi poi sul suo matrimonio, sui suoi studi e sulla guerra, alludendo con tenerezza anche a tratti più personali (“il naso lungo/ le mani belle, il fisico da sano contadino”; “il gesto delle mani nelle tasche”). L'autrice ricorda le naturali incomprensioni tra genitore e figlia, gli allontanamenti e le riconciliazioni; ma soprattutto si commuove nel ripercorrere la malattia e la morte del padre, narrata con devota partecipazione al suo sofferto e crudele calvario (Io l'ho tenuto in braccio,/ gorgogliava entro la testa il sangue”). All'asciutta disperazione provata durante una visita al cimitero-sepolcro (“Ma di carta il tuo avello, o padre/ nel cemento spalmato dai ragni,/ su fiorami tra la polvere e il vetro/ ti trovai,/ allineato dal fondo e da stagioni,/ sotto spessa carta già celato il nome,/ mi chinai e non vidi”) segue tuttavia una constatazione consolatoria: “Padre che non sei mai partito affatto”.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore