Concerti per flauto e flautino - CD Audio di Antonio Vivaldi

Concerti per flauto e flautino

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Antonio Vivaldi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Data di pubblicazione: 14 dicembre 2012
  • EAN: 8015203102644

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Concerti per flauto RV 441, 442, 108; Concerti per flautino RV 444, 445, 443
La dolcista Mitsuko Oka - che dopo aver studiato a Tokyo si è perfezionata a Milano con Pedro Memelsdorf - ha coronato il suo sogno con una registrazione dei Concerti di Vivaldi maturata dopo una stretta collaborazione con Michele Benuzzi e l'Elnsemble Arcomelo. Per tale traguardo i due musicisti si sono posti il problema dell'edizione da usare, adottando infine una copia del manoscritto autografo: questo ha rivelato delle particolarità interessanti che Mitsuko Oka non ha lasciato cadere, come l'esecuzione di una parte cancellata di alcuni soli del flauto nel Concerto RV 441 e un frammento di 8 battute, completato dalla stessa solista, nel Concerto RV 442.

Dopo aver studiato a Tokyo, la flautista giapponese Mitsuko Ota si è trasferita a Milano per perfezionare i suoi studi con alcuni dei migliori solisti del mondo, tra cui Pedro Memelsdorff, con il quale ha approfondito il repertorio barocco.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Antonio Vivaldi Cover

    Compositore e violinista.La vita. Suo padre, Giovanni Battista, era violinista della cappella di San Marco; Antonio studiò con lui e forse, per breve tempo, con G. Legrenzi. Ordinato sacerdote nel 1703 (e subito denominato, per la sua capigliatura, «il prete rosso»), fu dispensato dal celebrare la messa per le cattive condizioni di salute. Entrò come insegnante di violino nel conservatorio della Pietà, dove rimase sino al 1740; era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza (per lo più gratuita) orfani, figli illegittimi, malati. V. vi ricoprì di volta in volta, con interruzioni per viaggi, le cariche di maestro di cappella, maestro di coro, maestro dei concerti, dapprima alle dipendenze di F. Gasparini e poi (dal 1713) in... Approfondisci
Note legali