Concerti per pianoforte n.1, n.2 - CD Audio di Johannes Brahms,Carlo Maria Giulini,Claudio Arrau,Philharmonia Orchestra

Concerti per pianoforte n.1, n.2

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johannes Brahms
Direttore: Carlo Maria Giulini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: EMI
Data di pubblicazione: 22 maggio 2003
  • EAN: 0724357532624

€ 9,12

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Concerto pour piano & orchestre n.1 - Maestoso
2
Concerto pour piano & orchestre n.1 - Adagio
3
Concerto pour piano & orchestre n.1 - Rondo (Allegro non troppo)
4
Concerto pour piano & orchestre n.1 - Ouverture tragica
Disco 2
1
Concerto pour piano & orchestre n.2 - allegro non troppo
2
Concerto pour piano & orchestre n.2 - allegretto appassionato
3
Concerto pour piano & orchestre n.2 - andante
4
Concerto pour piano & orchestre n.2 - allegretto grazioso
5
Concerto pour piano & orchestre n.2 - variations sur un theme da Haydn op.56a
  • Johannes Brahms Cover

    Compositore tedesco.La formazione e l'incontro con Schumann. I rudimenti di musica impartitigli dal padre, suonatore di contrabbasso, e lo studio del pianoforte, effettuato con F.W. Cossel, gli permisero presto di guadagnarsi la vita in orchestrine locali. Approfondiva intanto, sotto la guida di E. Marxsen, lo studio della composizione. A vent'anni, nel corso di una tournée (accompagnava al pianoforte il violinista R. Reményi) conobbe J. Joachim che, già celebre, lo introdusse nei più influenti circoli musicali tedeschi. Se l'incontro con Liszt a Weimar (1853) lo lasciò indifferente, decisivo per la sua formazione fu quello con Schumann a Düsseldorf. Vedendo in B. una sorta di antidoto alla corrente «progressista» rappresentata da Liszt e Wagner, Schumann segnalò al pubblico il giovane musicista,... Approfondisci
  • Carlo Maria Giulini Cover

    Direttore d'orchestra. Allievo di B. Molinari, si è dedicato al repertorio operistico e sinfonico classico e romantico, affermandosi in campo internazionale per il rigore, il gusto raffinato e il dinamismo lirico delle sue interpretazioni, spesso paragonate a quelle di Toscanini. Dal 1973 al '76 ha diretto stabilmente l'Orchestra sinfonica di Vienna, dal 1978 all'85 la Filarmonica di Los Angeles. Fra le sue incisioni si segnalano un Don Giovanni e altre opere di Mozart e Verdi (Trovatore, Don Carlos), sinfonie di Schubert e Bruckner. Approfondisci
  • Claudio Arrau Cover

    Pianista cileno. Esordì a cinque anni e si perfezionò con una borsa di studio al conservatorio Stern di Berlino, con M. Krause (1911-18); nel 1927 vinse il concorso internazionale di Ginevra e iniziò la carriera concertistica. Dopo aver eseguito in una memorabile serie di concerti a Berlino (1935) tutta l'opera pianistica bachiana, rinunciò a suonare Bach ritenendo inappropriata l'esecuzione al pianoforte, e si dedicò interamente al repertorio romantico. Nel 1941 si trasferì a New York. La sua fama si basa sull'interpretazione di Chopin, Liszt, Schumann, Brahms e, soprattutto, di Beethoven, di cui presentò più volte l'integrale delle sonate. Dotato di una tecnica virtuosistica, tendeva tuttavia a dissimularla, spesso scegliendo tempi eccezionalmente lenti in modo da far trasparire, attraverso... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali