Concerti per pianoforte e orchestra

Interpreti: Xiayin Wang
Supporto: SuperAudio CD ibrido
Numero dischi: 1
Etichetta: Chandos
Data di pubblicazione: 15 settembre 2016
  • EAN: 0095115516720
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 22,90

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Piotr Ilic Ciaikovsky (1840-1893): Concerto n. 2 in sol maggiore op. 44 (versione originale) Aram Khachaturian (1903-1978): Concerto in re bemolle maggiore per pianoforte e orchestra op. 38

Dopo un anno di assenza dalle sale da concerto, la grande specialista del repertorio romantico Xiayin Wang ritorna con un disco comprendente due concerti per pianoforte e orchestra relativamente poco eseguiti, vale a dire il Concerto n. 2 in sol maggiore op. 44 di Piotr Ilic Ciaikovsky, nella sua brillantissima ma quasi sconosciuta versione originale, e il Concerto in re bemolle maggiore op. 38 di Aram Khachaturian. Questo disco vuole anche celebrare il 125° anniversario della fondazione della Royal Scottish National Orchestra, per l’occasione guidata con polo e molto buon gusto dal suo nuovo direttore Peter Oundjian. Realizzato dagli stessi interpreti che avevano firmato il disco dedicato ai concerti per pianoforte e orchestra di compositori americani uscito qualche tempo fa, questo titolo è stato registrato dopo il concerto tenuto alla Usher Hall di Edimburgo, definito dal critico del quotidiano The Scotsman «un impressionante sfoggio di virtuosismo». Composti a oltre mezzo secolo di distanza l’uno dall’altro, con ogni probabilità questi concerti hanno in comune una cosa sola, cioè la meravigliosa grandiosità con cui si aprono i rispettivi primi movimenti. Eppure, mentre il concerto scritto da Ciaikovsky nel 1879, in uno dei momenti più felici della carriera dell’autore della Patetica, contrasta l’ostentato splendore della corte zarista con un gran numero di elementi che sembrano preparare il terreno per opere più sperimentali e post imperiali come il Concerto n. 2 di Sergei Prokofiev, il carattere popolaresco a metà strada tra la tradizione armena e quella georgiana dell’opera di Khachaturian rappresenta uno dei tratti salienti di uno stile elevato e più cerimonioso.