Categorie
Interpreti: Eugene Ugorski
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Import
Data di pubblicazione: 28 aprile 2014
  • EAN: 0034571179902

€ 19,90

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Con il quindicesimo volume della straordinaria serie The Romantic Violin Concerto la Hyperion ci porta in Polonia in compagnia di un direttore di quella nazione, per ascoltare due concerti di Emil Mlynarski e due opere per violino e orchestra di Aleksander Zarzicki, un nome – quest’ultimo – che suonerà sicuramente familiare a chi conosce bene la serie The Romantic Piano Concerto. Nato nel territorio corrispondente all’attuale Lituania, Emil Mlynarski – che tra le altre cose fu il suocero del grandissimo Artur Rubinstein – fu nominato nel 1900 direttore dell’Orchestra Filarmonica di Varsavia. Mlynarski portò avanti una brillante carriera concertistica, che lo vide applaudito protagonista sul podio della London Symphony Orchestra, della Scottish Orchestra e della Grand Opera di Philadelphia. Nel 1897 Mlynarsky scrisse per Leopold Auer il Concerto n. 1 in re minore per violino e orchestra op. 11, un’opera di scintillante bellezza che si aggiudicò un importante riconoscimento al Concorso di Composizione Ignaz Paderewski. Per questo lavoro, Mlynarski si ispirò agli stili virtuosistici di Vieuxtemps e di Wieniawski, aggiungendo di suo un’atmosfera intrisa di lirismo e di freschezza giovanile. Sorprendentemente, visto il grande successo ottenuto in occasione della sua prima esecuzione, questo concerto cadde subito nell’oblio e fu riproposto solo nel 2011 da Piotr Plawner. Il Concerto n. 2 fu invece tenuto a battesimo nell’aprile del 1920 dal celebre virtuoso Pawel Kochanski accompagnato dall’Orchestra Filarmonica di Varsavia diretta dallo stesso Mlynarski. Al contrario dell’opera precedente, questo concerto non uscì mai dal repertorio dei violinisti polacchi. Come molti altri compositori del suo paese, compresi Chopin e lo stesso Mlynarski, Aleksander Zarzycki compose diversi brani in forma di krakowiak, una vivace danza popolare in due quarti originaria della regione di Cracovia, che si affermò a Vienna con il nome di Krakauer e a Parigi con quello di Cracovienne. L’Introduzione e Cracovienne in re maggiore per violino e orchestra op. 35 godette di una notevole fortuna tra i violinisti contemporanei di Zarzycki, ma incredibilmente fu registrata per la prima volta solo dopo l’avvento del CD. Al contrario, la Marzurka in sol maggiore per violino e orchestra op. 26 è l’opera di gran lunga più famosa del compositore polacco ed è stata incisa da diversi solisti di alto livello, primo tra tutti il grandissimo David Oistrakh.