Concerto alla maniera italiana - CD Audio di Girolamo Frescobaldi,Bernardo Pasquini,Davide Pozzi

Concerto alla maniera italiana

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Interpreti: Davide Pozzi (organo)
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: MV Cremona
Data di pubblicazione: 26 maggio 2017
  • EAN: 8032632230205

€ 17,50

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

FRESCOBALDI:
Secondo libro di toccate (1627) Toccata I
PASQUINI:
Toccata con lo scherzo del cucco
Concerto grosso op 6 n.8 (trasc.per organo 1790)
Suite per organo II HWV 427
Concerto del Sigr. Tomaso Albinoni appr.all'organo
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Girolamo Frescobaldi Cover

    Compositore. Allievo di Luzzaschi, all'età di vent'anni si trasferì a Roma, dove, nel 1607, ebbe la nomina a organista in S. Maria in Trastevere. Nello stesso anno seguì il suo protettore, il cardinale Bentivoglio, nelle Fiandre. Esordì come compositore pubblicando ad Anversa una serie di madrigali (Il primo libro de madrigali a cinque voci). In seguito sarebbe tornato raramente alla musica vocale (si ricordano i due libri di Arie musicali a una-tre voci con clavicembalo o tiorba, 1630), che non gli era congeniale. È infatti nel campo della musica strumentale che F. rivelò la sua grandezza e conquistò fama europea. Nel 1608, al ritorno dalle Fiandre, pubblicò a Milano un libro di Fantasie a quattro che, pur rivelando ancora palesemente la derivazione dai modelli polifonici vocali, già mostra... Approfondisci
  • Bernardo Pasquini Cover

    Compositore, organista e clavicembalista. Trasferitosi appena dodicenne a Roma, fu allievo di L. Vittori e A. Cesti; dal 1661 operò come organista presso varie chiese e oratori, entrando verso il 1669 al servizio del principe Borghese come clavicembalista da camera. Apprezzato come concertista da Cristina di Svezia, da Ferdinando de' Medici, dall'imperatore Leopoldo i, si esibì anche all'estero, tra l'altro alla corte di Luigi xiv. La sua produzione più notevole è quella per strumento a tastiera; in questo campo egli curò stilisticamente la toccata, contribuendo a renderla complementare alla fuga, e fu tra i primi autori di sonate, preannunciando D. Scarlatti. Compose 24 toccate, 18 partite, 11 suites, concerti, sonate per uno e per due clavicembali; ma coltivò anche il genere teatrale con... Approfondisci
Note legali