Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Concerto per pianoforte / Fantasia Wanderer D760 (Serie Original) - CD Audio di Antonin Dvorak,Franz Schubert,Sviatoslav Richter,Carlos Kleiber,Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese

Concerto per pianoforte / Fantasia Wanderer D760 (Serie Original)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Carlos Kleiber
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Plg
Data di pubblicazione: 28 aprile 2015
  • EAN: 0724356689527
Salvato in 8 liste dei desideri
Disco 1
1
Dvorak Piano Concerto in G minor, op. 33; 1. Allegro agitato
2
Dvorak Piano Concerto in G minor, op. 33; 2. Andante sostenuto
3
Dvorak Piano Concerto in G minor, op. 33; 3. Allegro con fuoco
4
F. Schubert Fantasie, D.760 "Wanderer; Allegro con fuoco ma non troppo ...
5
F. Schubert Fantasie, D.760 "Wanderer; Adagio
6
F. Schubert Fantasie, D.760 "Wanderer; Presto
7
F. Schubert Fantasie, D.760 "Wanderer; Allegro
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marco

    29/10/2019 13:05:14

    Forse la migliore versione del concerto di Dvorak insieme a quella di Firkusny/Somogyi. \nRichter esegue in maniera impeccabile sia il concerto che la Fantasia.\nQualche piccolissima riserva sull'orchestra, dovuta probabilmente alla qualità della registrazione. \nSul piano sonoro l'orchestra risulta infatti leggermente in ombra rispetto al pianoforte e si apprezza con difficoltà la qualità degli orchestrali guidati in maniera superlativa dal grande Carlos Kleiber.\nComunque un'esecuzione assolutamente da consigliare.

  • Antonin Dvorak Cover

    Compositore ceco.Dagli esordi all'affermazione internazionale. Fu avviato agli studi musicali dal padre, un locandiere dilettante di musica che gli fece studiare il violino e poi il pianoforte e l'organo. Nel 1857, grazie all'aiuto finanziario di uno zio, poté essere inviato a Praga, dove studiò regolarmente alla scuola di organo. Nel 1873, dopo aver fatto parte per una decina d'anni come violinista dell'orchestra del Teatro Nazionale, ebbe la nomina di organista nella chiesa di S. Adalberto; dal 1874, grazie agli interventi di Hanslick e di Brahms, fruì di una borsa di studio del governo austriaco; poté così concentrarsi nella composizione, acquistando presto notorietà europea: dapprima con le Danze slave, poi con lo Stabat Mater che, eseguito a Londra nel 1883, è all'origine della straordinaria... Approfondisci
  • Franz Schubert Cover

    Compositore austriaco.Gli anni di formazione e i primi lavori. Figlio di un maestro originario della Slesia, trascorse tutta la sua esistenza, tranne qualche giro turistico e due brevi periodi di insegnamento in Ungheria, a Vienna e nei suoi immediati dintorni. Nel 1808, grazie al suo talento musicale, poté entrare a far parte del coro della cappella della corte imperiale. Come fanciullo cantore frequentò anche il seminario imperiale, dove ricevette una buona istruzione. Nel 1813, respinta l'offerta di un'altra borsa di studio, lasciò la scuola per far pratica come insegnante, studiando nel frattempo la composizione con Antonio Salieri, che già aveva notato il suo talento. Durante i tre anni successivi S. visse con la famiglia e insegnò nella scuola del padre, componendo intanto i suoi primi... Approfondisci
  • Sviatoslav Richter Cover

    Pianista ucraino. Autodidatta, si perfezionò con H. Neuhaus a Mosca, debuttando nel 1942 con sonate di Prokof'ev. A partire dal 1960 si affermò anche in Occidente come uno dei maggiori pianisti del secolo. Affrontò un repertorio vastissimo, da Bach al primo Novecento, sia solistico sia con orchestra e cameristico (spesso suonando con D. Ojstrach, O. Kagan, M. Rostropovic, il Quartetto Borodin, Fischer-Dieskau e la Schwarz­kopf) ma espresse la sua genialità soprattutto nella musica del primo Ottocento. Capace di «piegare» la tastiera alle più sottili sfumature timbrico-dinamiche, ha saputo imprimere alle sue interpretazioni una gamma espressiva che va dall'introversione con cui ha reso i prediletti Schubert e Schumann (e in certi casi anche Beethoven), all'oscura inquietudine (Liszt), dall'arguzia... Approfondisci
Note legali
Chiudi