Concerto per pianoforte n.20 & n.26 - CD Audio di Wolfgang Amadeus Mozart,Friedrich Gulda,Münchner Philharmoniker

Concerto per pianoforte n.20 & n.26

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: ADA UK
Data di pubblicazione: 9 agosto 2019
  • EAN: 0787099974152
I Münchner Philharmoniker hanno selezionato alcune fra le migliori incisioni storiche con i più grandi direttori d’orchestra, del XX secolo e di questa prima parte del XXI. Per questo CD Friederich Gulda è nel doppio ruolo di direttore e solista al pianoforte.
Disco 1
1
I Allegro (Concerto KV 466)
2
II Romance (Concerto KV 466)
3
III Rondo. Allegro assai (Concerto KV 466)
4
I Allegro (Concerto KV 537)
5
II Larghetto (Concerto KV 537)
6
III Allegretto (Concerto KV 537)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Wolfgang Amadeus Mozart Cover

    Compositore austriaco. Il «bambino prodigio». i primi viaggi a monaco, parigi e londra. Il padre Leopold era maestro di cappella presso il principe arcivescovo di Salisburgo quando Wolfgang nacque, il 27 gennaio. Prima ancora di imparare a leggere e a scrivere, il piccolo M. rivelò prodigiose doti musicali, tanto che a quattro anni già suonava il clavicordo e a cinque componeva minuetti che il padre trascriveva. Anche la sorella Marianna, detta Nannerl, di cinque anni maggiore, suonava il clavicembalo con grande abilità; cosicché Leopold, perseguendo tenacemente l'educazione musicale dei figli, pensò di metterne subito a frutto le qualità precoci. Nel gennaio 1762 Leopold si recò con la famiglia alla corte dell'elettore di Monaco di Baviera, dove i due piccoli musicisti tennero concerto, suscitando... Approfondisci
  • Friedrich Gulda Cover

    Pianista e compositore austriaco. Primo premio al Concorso di Ginevra del 1946, si affermò internazionalmente come interprete del repertorio classico viennese e romantico. Spirito anticonformista, che si diverte a sconvolgere i rituali del recital pianistico, sviluppò una passione per il jazz, fondando una propria jazz band e proponendo (dal 1962) concerti misti di musica classica e jazzistica. Nel 1968 fondò a Ossiach l'International Musikforum per lo studio delle prassi dell'improvvisazione. Compose anche vari concerti in uno stile piacevole e accattivante. Approfondisci
Note legali