The Conformist

The Conformist

Alberto Moravia

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Steerforth Press
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,16 MB
  • EAN: 9781581952445

€ 12,68

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Secrecy and Silence are second nature to Marcello Clerici, the hero of The Conformist, a book which made Alberto Moravia one of the world's most read postwar writers. Clerici is a man with everything under control - a wife who loves him, colleagues who respect him, the hidden power that comes with his secret work for the Italian political police during the Mussolini years. But then he is assigned to kill his former professor, now in exile, to demonstrate his loyalty to the Fascist state, and falls in love with a strange, compelling woman; his life is torn open - and with it the corrupt heart of Fascism. Moravia equates the rise of Italian Fascism with the psychological needs of his protagonist for whom conformity becomes an obsession in a life that has included parental neglect, an oddly self-conscious desire to engage in cruel acts, and a type of male beauty which, to Clerici's great distress, other men find attractive.

From the Trade Paperback edition.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alberto Moravia Cover

    Alberto Moravia esordì giovanissimo pubblicando, a sue spese, il primo romanzo, Gli indifferenti (1929). Penetrante e spietato ritratto della borghesia italiana agli inizi del fascismo, l’opera rivelò immediatamente, nella incisività di una prosa secca e analitica, la maturità di uno scrittore capace fin da allora di far tesoro delle diverse lezioni dei grandi modelli europei, dalla oggettività di De Foe alla problematicità dei romanzieri russi (specie Dostoevskij), al realismo tipologico dei francesi dell’Ottocento. Il romanzo, accolto con ostilità dalla cultura fascista che ne proibì la diffusione, fu salutato con entusiasmo solo da pochi critici accorti (Borgese, Pancrazi, Solmi).M. cominciò poi a collaborare a riviste... Approfondisci
Note legali