Categorie

Philip Roth

Traduttore: V. Mantovani
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2010
Pagine: 393 p. , Rilegato
  • EAN: 9788806178963
A metà del romanzo, nel capitolo intitolato In volo, Nathan Zuckerman – uno dei personaggi più persistenti e metamorfici della narrativa di Philip Roth, a partire da Lo scrittore fantasma (Einaudi, 2002), Pastorale americana (Einaudi, 1998), fino a Il fantasma esce di scena (Einaudi, 2008) – viene coinvolto da un giovane ebreo ortodosso nel dirottamento di un aereo diretto da Tel Aviv a Londra. L'episodio mescola tragedia e farsa, cronaca terroristica e pantomima ebraica, ed è fulcro di un racconto dove ogni tracciato narrativo è destinato a rovesciarsi nel suo contrario (o, forse meglio, nella sua immagine speculare, uguale e contraria); così come è destinata a essere messa in discussione ogni forma di identità imposta dalla società o dalla storia ("La tua 'identità' è semplicemente dove decidi di smettere di pensare").
Il dirottamento inscenato esprime un aberrante imperativo: "Dimenticate di ricordare!" è la scritta in stampatello che il dirottatore Jimmy impone di tenere sulle ginocchia al malcapitato Zuckerman. Chiudere il Museo di Gerusalemme e la Sala della rimembranza dell'Olocausto deve diventare la premessa indispensabile per affermare la forza del popolo ebraico nell'essere considerato come tale e avere una terra. "Non siamo più un popolo con una ferita tormentata e un'orribile cicatrice", sostiene Jimmy, il matto, personaggio che assomma in sé le stravaganti provocazioni dei performers ebrei alle strategie del terrorismo. "Sionismo senza Auschwitz! Giudaismo senza vittime! Il passato è passato! Noi viviamo!" sono gli slogan finali della sua grande provocazione, l'essenza di quello che egli definisce "la profezia come sta scritta nei Cinque Libri di Jimmy".
La paradossale profezia diventa allora una solenne contro-profezia in linea con l'impostazione del romanzo, e basata non sulla riemersione del tempo e della memoria nella definizione di un futuro, come in molte profezie letterarie, ma sulla sua cancellazione, sulla necessità di "disfare la storia" invece di prenderne coscienza. Il diktat di Jimmy si trova però nel contempo a essere rovesciato a sua volta, nel momento in cui la furia del personale di volo li scopre e si scatena in interrogatori e torture su di lui e su Zuckerman, entrambi perquisiti fin quasi nelle viscere e depositati nudi nuovamente a Tel Aviv, "nella Terra Promessa". Si evoca così lo spettro della forza in due direzioni uguali e contrarie: quella di una visione pantografata dell'ortodossia ebraica, da una parte, e, dall'altra, di una rimossa logica antisemita che teme quella stessa forza e si placa soltanto di fronte a forme di normalizzazione o di ostinato controllo.
Per quanto raccapricciante, la bomba che minaccia di fare esplodere Jimmy è perciò soltanto un exploit performativo, che mira a colpire al cuore la sedimentata normalità di una visione univoca delle cose. Pensiamo anche all'entrata in scena di Merry, la figlia terrorista di Seymour Levov in Pastorale americana. La scrittura, in generale, gioca su questo potere performativo, nel suo muoversi sempre in una direzione e nel suo senso contrario, con vettori contrastanti di forze creative e distruttive. È questa la logica di fondo su cui il romanzo agisce, attraverso il farsi e il disfarsi degli intrecci e nelle riflessioni dello scrittore Zuckerman.
Prima di arrivare alla distorsione di una prospettiva univoca e lineare parlando dal punto di vista della morte, come negli ultimi libri (Everyman, Einaudi, 2007; Il fantasma esce di scena; Indignazione, Einaudi, 2009), infatti, in questo romanzo (ora in traduzione italiana ma scritto nel 1988) Roth si affida a una costruzione testuale molto sofisticata all'interno di quella che potremmo definire una reversibilità speculare: tra i cinque capitoli, il primo (Basilea) si specchia nel quarto (Gloucestershire), il secondo (Giudea) nel quinto (Cristianità), mentre al terzo sono affidati la sospensione del volo e il colpo di teatro del dirottamento. Tra la Svizzera e l'Inghilterra, tra la cultura ebraica e quella cattolica in tutte le loro infinite sfumature, promesse, contraddizioni e aberrazioni, c'è l'America, New York e Newark, come centro di tutto il movimento e implicito punto di osservazione. Da una parte il mondo dell'ideologia, della politica, della storia, delle identità imposte; dall'altra, senza soluzione di continuità, l'irriducibile vita, con il sesso come pulsione essenziale. Al centro il personaggio dell'ebreo come simbolo di instabilità e fulcro di contraddizioni.
La stessa vicenda è vissuta due volte da Henry, integerrimo dentista, e dal provocatorio scrittore di Carnovsky Nathan Zuckerman, fratelli, amici affettuosi in conflitto, con due visioni del mondo e due prospettive pressoché opposte e sempre reciprocamente critiche. Nathan ha paura dell'attaccamento alla realtà di Henry; ed Henry ha paura dell'immaginazione di Nathan, "il suo uso dell'iperbole comica che minava insidiosamente alla base tutto ciò che sceglieva di toccare". Eppure, sono reversibili: "Henry è solo uno Zuckerman andato fuori di testa tardivamente". Una volta è Henry a morire, a non cavarsela dopo un'operazione al cuore per recuperare la virilità perduta, per ritrovare il suo equilibrio tra la moglie Carol, l'amante-assistente Wendy e l'amica-innamorata di un tempo, Maria, con cui sogna di vivere in Europa, a Basilea; un'altra volta è il vitale (scatenato…) Zuckerman a morire sottoponendosi a una delicata operazione al cuore per fare a meno dei farmaci che l'hanno reso impotente, sposare e amare Maria, con la quale aveva stabilito un'intensa relazione platonico-romantica ("L'uomo che ha fatto tante ironie sulle smanie del corpo… senza corpo. Tutto a rovescio, e sterile e stupido"). Che la prima storia, realisticamente incompatibile con la seconda, sia parzialmente falsa lo scopriamo insieme a Henry, quando trova il manoscritto di Nathan che ci conduce al finale del libro ricucendolo al suo inizio. E così una volta è la religione ebraica a essere al centro dell'interesse, nella parte in cui Henry redivivo fugge a Gerusalemme per seguire il culto ebraico ortodosso e Nathan lo insegue "nel cuore di tenebra ebraico", "dal caffè di Tel Aviv e dall'acido duolo dello scorato Shuki verso l'interno del paese", fino all'incontro con Lippman, "l'inflessibile capo", il "Kurtz della Giudea" nei panni "di un Achab sionista"; mentre alla fine, specularmente, è la religione cattolica – per quanto non riesca a provocare la stessa accorata partecipazione che suscita in Roth l'ebraismo – a suscitare domande e sentimenti contradditori, dalla promessa di felicità dei canti natalizi fino all'imbarazzante antisemitismo della madre di Maria, austera signora del Gloucestershire.
Una storia non soltanto vissuta ma anche narrata due volte, dove il secondo tracciato rende apparentemente contraddittorio il primo, come spesso avviene nelle narrazioni di Roth, ma che lo rende al tempo stesso originale, intrigante, tridimensionale e autocritico fino allo sfinimento. E Zuckerman, che si definisce "un ebreo tra i gentili e un gentile tra gli ebrei", con la sua capacità di disancorarsi da qualsiasi etichetta identitaria e da qualsiasi gabbia familiare e amorosa anche quando ne sembra subire il gran fascino, incoercibile scrittore fastidioso ("Questo dissacratore insidioso e impenitente […] quest'uomo che metteva la gente a disagio e la faceva imbestialire"), ne resta il migliore performer, anche da morto. Chiara Lombardi

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Agata

    03/12/2014 15.26.34

    Immenso! Non ci sono altri aggettivi per definire questo romanzo. Roth è un grande, riesce a spiegare la questione israelo-palestinese con passione e facilità a dispetto di migliaia e migliaia di saggi sull'argomento.

  • User Icon

    sbirulino

    27/08/2013 19.44.58

    I precedenti romanzi letti di Roth mi avevano lasciato un giudizio positivo sull'autore: nemesi più di tutti, con un uomo schiacciato dal peso da lui stesso assegnato alle proprie responsabilità. Ho fatto invece fatica a terminare la controvita, composto per la maggior parte di riflessioni e interrogativi sull'ebraismo.

  • User Icon

    paolo

    13/01/2013 19.15.25

    La scrittura di questo immenso autore è di quelle che non danno tregua. Roth non dà tregua al lettore così come non la dà a se stesso, nel suo eterno scavo, nella discesa al secondo e al terzo e al quarto e ai successivi livelli della coscienza dei suoi personaggi, impegnati disumanamente in una eterna autoanalisi. Forse il tema di fondo, la ricerca vera e propria condotta dall'autore sta nello sviscerare il significato ultimo del suo mestiere, l'infinita possibilità di moltiplicare le scelte e quindi le vite dei suoi personaggi, giocando con le loro identità, concedendo loro delle seconde chance, dei ritorni nel passato e delle correzioni che a noi, viventi del mondo reale, non sono concessi. Zuckerman/Roth con La Controvita pare quasi voler espiare la colpa originale di Lamento di Portonoy che gli costò un doloroso dissidio familiare che non si sanò fino alla morte dei genitori, e lo fa marcando in modo netto la differenza di significato tra l'essere ebrei negli accoglienti Stati Uniti, nella sprezzante e apertamente razzista Europa, nell'assediato e ferito Isralele. Ma i personaggi, il significato del loro agire, emerge in modo così prepotente dalle pagine che incasellare la storia in un genere o elencarne le tematiche sarebbe colpevolmente riduttivo.

  • User Icon

    enrico.s

    19/12/2012 16.01.35

    Il termine capalavoro è ormai tanto utilizzato in relazione ad opere d'arte da aver perso il suo significato vero e proprio e quindi, per rendere giustizia all'autore, bisognerebbe trovarne un altro per definire questo romanzo di Roth; in attesa che venga coniato un neologismo sostitutivo della parola consunta dall'uso, non resta che ribadire: questo romanzo è un CAPOLAVORO a lettere tutte maiuscole. Complesso; che richiede impegno e partecipazione del lettore; a tratti urticante; tutto quel che si vuole, ma averne di libri così. Il finale (le ultime due/tre pagine) che danno il senso dell'opera, non sfigura al confronto con alcuni dei più famosi monologhi di Shakespeare. Prima di pensare che esagero in preda all'entusiasmo, leggetelo. Bellissimo.

  • User Icon

    Raffaele

    11/07/2011 10.40.00

    Molto onestamente non trovo le parole per commentare adeguatamente questo ennesimo capolavoro; mi limito solo ad affermare che Philip Roth scrive meglio di chiunque.

  • User Icon

    Adriana

    30/06/2011 09.07.16

    E' questo il romanzo che mi ha fatto pensare a Roth come ad uno dei più grandi scrittori contemporanei e che mi indotto la curiosità di comprare tutta la serie di Zuckerman ed altro(praticamente quasi tutte le sue pubblicazioni). Sono lì sullo scaffale e già me li pregusto. Di questo genio però, secondo la mia esperienza, mi sento di non consigliare né 'L'umiliazione' né tantomeno quel 'pasticciaccio brutto' de 'Il seno'.

  • User Icon

    sordello

    19/04/2011 11.25.09

    Roth è un grande ma dopo i primi due bellissimi capitoli questo romanzo mi ha annoiato. A volte succede.

  • User Icon

    magnifico Roth

    05/02/2011 18.59.28

    non voglio parlare del libro ,della trama,della bravura di Roth,ma delle emozini che mi procurano i suoi libri.La controvita l'ho comprato due giorni fa avendolo trovato ,con mia grande sorpresa ,in libreria senza sapere della sua uscita.Pensare di avere un nuovo libro di Roth da leggere in borsa ,mi ha fatto camminare su di una nuvoletta dalla libreria fino a casa e poi...la lettura,certe frasi che ti arrivano al cuore ,che ti fanno sorridere e non avere più nessun desiderio di fare qualcosa se non di leggere e il dispiacere di vedere le pagine che si assottigliano e arrivare cosi' all'ultima frase finita dieci minuti fa.Leggendo i vostri commenti mi sono sentita in buona compagnia. Giulivan

  • User Icon

    Gianluca Pusceddu

    16/01/2011 14.59.12

    Un iper-romanzo secondo la definizione di Calvino nelle "Lezioni Americane": una "macchina per moltiplicare le narrazioni". Nelle 5 parti in cui si compone il romanzo, i personaggi Nathan Zuckerman e suo fratello Henry percorrono "il giardino dei sentieri che si biforcano", passano attraverso delle "sliding doors" e si propongono così in differenti e svariate vite. Un grandioso esercizio di stile, ma tutt'altro che accademicamente fine a sè stesso bensì denso di contenuti: Roth ci delizia con le sue riflessioni ironiche e profonde su ebraismo, antisemitismo, laicità, fanatismo, vita, malattia, morte, famiglia, sessualità, infedeltà. Voto 4,5

  • User Icon

    francesco v

    20/12/2010 10.35.23

    Ero all'esordio con Roth. Hanno ragione, autore di un altro livello. Per carità, puo' non piacere. Ma questa è letteratura. Da leggere

  • User Icon

    Giancarlo Tramutoli

    11/12/2010 11.51.03

    Magnifico. Ti fa capire la complessità dell'esistenza spostando continuamente il punto di vista sui personaggi e sul se stesso narratore. In più, meglio di qualsiasi saggio, prova a entrare in quel groviglio emotivo, culturale ed etnico del sionismo, con illuminanti incursioni nella psicologia di un colono insediato in terra santa.

  • User Icon

    Marco

    11/11/2010 21.52.02

    Che gioia leggere i vostri commenti, che oggi l'ho comprato per caso a scatola chiusa, in fila da Feltrinelli. 5 pallini, senza leggerlo. Per Roth si puo' fare.

  • User Icon

    carlo mei

    11/11/2010 11.38.51

    Grandissimo romanzo con una struttura originalissima. E' veramente perfetto il commento del lettore Nicola Intrevado. Mi sento di aggiungere che già ad una prima lettura si resta profondamente affascinati. I potenziali lettori di questo scrittore, assolutamente da premio Nobel, non si spaventino: è il solito gande.

  • User Icon

    Nicola Intrevado

    22/10/2010 22.29.31

    Il romnzo e' un sistema narrativo pirandelliano portato all' estremo con una dose massiccia di psicanalisi freudiana. E non e' ancor tutto. Ma proviamo a parlarne. Ecco : la realta' percepita dai nostri sensi non esiste, esiste una possibilita' di realta' o piu' realta' che ciascuno di noi merita o crede di meritare in una sua forma di riscatto della vita; cerca o spera di riconoscere in un incontro di scelte corraggiose o vili ; e che, prova a trovare con la sua quotidiana fatica di vivere. Nathan e' il geniale, freudino burattinaio che muove i fili, gia' di per se' intricati e non poco, della vita altrui conoscendono ogni piu' recondito segreto , e cosi' facendo ne cambia gli scenari, le vicende e le scelte dando uno sfondo nuovo e non casuale, ed un motivo, a tutte le possibilita' che illustra. D'un tratto, quando la nostra convinzione sulla vicenda, finalmente, e' del tutto assicurata al tono pacato di chi racconta, il registro di intellegibilita' del romanzo stesso cambia radicalmente e diventa cio' che non era o altro da cio' che eravamo arci/convinti fosse. Puro fascino narrativo per palati molto raffinati : ovviamente. Architettura arditissima del racconto, o meglio dei cinque che formano il corpus dell' Opera, degna di un equilibrista da brivido, degna del tizio che passeggio' sul filo teso tra le torri gemelle nel 1974 : Petit ?. Ed e' del tutto superfluo dire che questo romanzo di Roth sia un grande capolavoro. E' banale riportare che la misura ed il valore dello scritto non e' solo eccellente.E' persino di piu'.Ma voglio spendere un elogio a Vincenzo Mantovani, il traduttore di Roth che, senza tradire il suo pensiero e' il vero Nathan ( a sua volta alter-ego di Roth stesso ) della storia.Ma cio' che stupisce di piu' e' : se cosi' difficile risulta descrivere il romanzo, e capirne le vicende narrate ( si consigliano almeno due letture )quanto deve essere stato piu' difficile, concepirne la trama e poi tradurla sul foglio per rendere grande, a sua volta : la fatica del traduttore. Bravo Mantovani.

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione