Categorie

Jean Echenoz

Traduttore: G. Pinotti
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2009
Pagine: 148 p. , Brossura
  • EAN: 9788845924330

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    davide

    30/07/2014 11.14.14

    Il libro racconta la vita di uno dei più grandi atleti di tutti i tempi, lo fa, però, non entrando mai nel profondo della psicologia del personaggio, nelle dinamiche delle sue scelte, né argomentando troppo il contesto storico e politico nel quale il campione si muove. E' un libro che rimane freddo, fin troppo semplice. Forse tutto questo è dovuto anche alla prosa di Echenoz che è fatta di un periodare mai sorprendente, senza guizzi, senza "lampi" (per citare un suo titolo), anonima quasi. La cifra stilistica dell'autore non si evince certo da questo libro, né la figura mitica dell'atleta ceco Zatopek emerge in modo magistrale da queste pagine.

  • User Icon

    Miguel

    13/04/2010 14.09.13

    Non credo sia facile scrivere di corsa, e credo sia ancora più difficile scrivere di un grande (forse il più grande) personaggio della stessa. Ma questo libro riesca pienamente nell'impresa. La vita di un uomo nato per correre, e la corsa perfettamente descritta nella sua semplicità, facendone intuire però la grande complessità. Zatopek era un mito...adesso lo é ancora di più.

  • User Icon

    A.M.

    07/03/2010 15.33.49

    Jean Echenoz ha il grande merito di far conoscere la figura del leggendario Emil Zàtopek, formidabile corridore cecoslovacco del secolo scorso. Non si è rivelato quel polpettone che credevo, anzi si è dimostrato leggero, piacevole e scorrevole grazie ad una scrittura fluida e non dispersiva. Non l’avessi vinto, forse mai avrei conosciuto questo libro. Grazie.

  • User Icon

    Michele

    14/01/2010 22.08.01

    Sinceramente scritto male, non vedo leggerezza in frasi chilometriche costellate da infiniti incisi che ne rendono difficilissima la lettura. Quanto al contenuto poi sono sinceramente esterefatto, più focalizzato sugli aspetti penosi della vita di un campione che ha ispirato generazioni di fondisti e che da solo ha riscritto le regole di allenamenti e gare. Basti dire che la gara universalmente riconosciuta come la più combattuta ed appassionante della storia dell'atletica (5.000 mt, Helsinki '52) viene liquidata in tre righe e invece i capitoli sul declino abbondano. L'avversario gentiluomo di Zaopek, Mimoun, viene citato solo per il suo cognome (boh!) No, direi che se non fosse per la statura del personaggio, questo libro è da lasciare sullo scaffale.

  • User Icon

    marco

    21/12/2009 20.35.03

    E' un ottimo libro. Il personaggio storico di Emil Zatopek, uomo semplice e di animo nobile, vine ricostruito senza fronzoli, sullo sfondo prima delle sue ineguagliabili imprese sportive (primo ed unico atleta della storia a conseguire il successo nei 5.000, 10.000 e maratona di una stessa Olimpiade) e poi della vita grigia cui lo costrinse il regime comunista quando si ritirò dalle competizioni, situazione che Emil visse con grande dignità, fino ad essere letteralmente perseguitato per essersi schierato con gli oppositori del regime durante la c.d. 'primavera di Praga'. Mai venne meno però la simpatia popolare nei suoi confronti; sono commoventi le pagine in cui è descritto il suo lavoro di 'spazzino'. E' una lettura per tutti, ma che mi sento di consigliare vivamente a chi ama la corsa sulle lunghe distanze e quindi può capire bene a quali incredibili sacrifici si sottoponeva Emil, con i suoi singolari e solitari allenamenti.

  • User Icon

    Maurizio Crispi

    07/12/2009 10.44.56

    Il racconto di Jean Echenoz si legge con grande fluidità, quasi fosse un romanzo, perchè in poche pagine essenziali, senza troppi dettagli, crea una rappresentazione vibrante ed intensa di Emil Zatopek, uno dei grandissimi interpreti mondiali (e nella storia) del mezzofondo, del fondo e del cosiddetto fondo prolungato. Nella primissima giovinezza in epoca pre-bellica fece le sue prime esperienze di corsa che egli non amava particolarmente ma che cominciò a praticare dietro le pressioni dei suoi amici, per poi diventarne appassionato, ma quasi sempre in solitaria. Emil Zatopek fu un corridore senza maestri: fu semplicente maestro di se stesso. Praticava una corsa strana, stilisticamente orrribile. In un'epoca in cui s'affermava con la scuola finlandese (Paavo Nurmi), la teoria del ritmo costante come strategia di approccio alle gare lunghe, lui era uno che, anche nelle gare lunghissime, correva a scatti, spezzava il ritmo, disorientando gli avversari, soprattutto rivelando di possedere sempre qualche cartuccia di riserva. Si muoveva scompostamente, faceva smorfie, digrignava i denti, ancor più nel finale e stravinceva. Quando, per la prima volta, nel dopoguerra, partecipò al Campionato Interforze di Berlino, nessuno avrebbe scommesso un soldo bucato su di lui. Si presentò da solo - lui era l'intera delegazione cecoslovacca -, vestito con abiti sportivi scalcagnati, tanto da suscitare all'ingresso nello stadio di Berlino - lo stesso dei giochi olimpici del 1936 - l'ilarità e il dileggio di tutti gli astanti. Ma quando, nella gara dei 5000, passò in testa alla gara, polverizzando tutti gli avversari, 80.000 persone si scatenarono in un delirio di applausi e ovazioni. Realizzò imprese inaudite, come quella di vincere in una stessa Olimpiade l'Oro nei 5000,nei 10.000 metri piani e nella maratona. I dirigenti filosovietici cominciarono ad interpretare questa sua capacità straordinaria come espressione di un deprecabile individualismo borghese e presero ad ostacolarlo nelle trasferte sportive oltrecortina.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione