Corri

Ann Patchett

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: S. Piraccini
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 1 gennaio 2008
Pagine: 284 p., Brossura
  • EAN: 9788879289481
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 8,10

€ 15,00

Punti Premium: 8

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

All'uscita di un raduno democratico, in una Boston paralizzata dalla neve, l'ex sindaco Bernard Doyle discute con i figli adottivi Teddy e Tip, nella vana speranza che almeno uno dei due voglia continuare la sua carriera politica: ma basta un istante di distrazione e il casuale passaggio di una donna nera e della sua splendida bambina a cambiare sette vite per sempre. Concentrato come una tragedia classica nell'arco di ventiquattr'ore, "Corri" mette in scena un dramma eterno - quello di esistenze separate da decenni di segreti che tornano d'un tratto vicine - in un contesto modernissimo, di lealtà profonde che non coincidono con le attese sociali, le parentele di sangue, i legami anagrafici. Fra i più acuti, commoventi e spregiudicati omaggi alla famiglia che la letteratura degli ultimi anni ci abbia offerto, "Corri" è un libro profondamente personale, che riguarda le poche cose veramente importanti per ciascuno di noi: l'essere genitori, figli, compagni; la continua ricerca della nostra reale vocazione, del nostro vero significato nel mondo; la nostra radicata e inevitabile speranza in una società più giusta.
3,2
di 5
Totale 5
5
1
4
1
3
1
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    dany

    14/09/2011 16:17:26

    Francamente non capisco queste votazioni così basse. E' un romanzo scritto magnificamente bene (una J. Franzen al femminile) che tocca diverse problematiche con tocco lieve e profondo allo stesso tempo anche se detto così sembra contraddittorio. Questo è uno di quei rari libri che resta nella memoria e che è difficile lasciare da parte per dedicarsi ad altro. A un autore non si può chiedere di più.

  • User Icon

    Roberta

    10/05/2010 10:15:00

    Famiglia, figli e religione sono i tempi principali di questo racconto. Se l'autrice, avesse approfondito di piu', quello sull'adozione, la storia sarebbe stata piu' coinvolgente.

  • User Icon

    roberta

    17/01/2010 15:58:49

    Insomma!! mi ha lasciata perplessa, la storia in sè non sarebbe male ma la profondità dei personaggi mi è sfuggita. Sarà che lavoro nel campo delle adozioni ma il tutto mi è sembrato fuori centratura. peccato

  • User Icon

    Elisabetta

    02/11/2008 20:57:47

    Un libro originalissimo, attuale, delicato e commovente. Una vera scrittrice, che permette al lettore di affezionarsi ai personaggi e di salutarli con rimpianto quando finisce il romanzo. Per chi non si vergogna dei sentimenti.

  • User Icon

    M. T.

    25/09/2008 15:59:30

    L'intenzione dell'autrice è quella di scrivere una bella storia a lieto fine ricca di buoni sentimenti ma alla fine a me è rimasto un che di artificioso e banale, condito da espressioni volgari che hanno l'effetto di "pugni" nello stomaco quando meno te lo aspetti.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Ann Patchett Cover

    Nata in una famiglia dove ha trovato terreno fertile per sviluppare la sua capacità narrativa (la madre, Jeanne Ray, era una scrittrice), Ann Patchett collabora da anni per periodici tra cui Harper’s Magazine, New York Times Magazine, Vogue e Washington Post. Vive a Nashville.È autrice di romanzi accolti da grandi consensi di critica e tradotti in ben trenta lingue. Le è stato assegnato l'Orange Prize for Fiction e il PEN/Faulkner Award nel 2002 per il suo romanzo Bel Canto.In Italia sono stati tradotti: Corri (Ponte alle Grazie 2008) e Stupori (Ponte alle Grazie 2012).Sotto: Ann Patchett fotografata nel suo studio  Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali