DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Il corriere scomparso

E. Phillips Oppenheim

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,92 MB
  • EAN: 9788832951752
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,49

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Chi si cela dietro la maschera dell'anziano Mister Fentolin? Si scoprirà solo leggendo uno dei capolavori più inquietanti di Edward Phillips Oppenheim.
Dall’incipit del libro:
La sera del 2 aprile, alle otto e tre quarti, c’era pochissima gente sulla piattaforma n. 21 della stazione di Liverpool Street, forse perché tale piattaforma è la più fuori di mano e la meno frequentata di quella stazione capolinea. Peraltro il primo capostazione era lì presente con un ispettore di servizio. Un uomo bruno, con un lungo soprabito da viaggio e un cappello floscio e con una valigetta a mano di pelle marrone, sulla quale spiccava in lettere nere il nome di John P. Dunster, se ne stava a pochi passi di distanza, fumando un sigaro e apparentemente assorto nella lettura dei numerosi avvisi che decoravano la parete sudicia dall’altro lato di quell’unico binario. Sopra un carrello carico di una sola valigia, stavano seduti due facchini. Nessun altro viaggiatore era in vista, nessun bagaglio. Infatti, secondo l’orario, per parecchio tempo nessun treno doveva partire o arrivare su quella linea. Giù, all’altra estremità della piattaforma, la sbarra di legno veniva aperta e un altro facchino si avvicinava, trascinando rumorosamente un carrello su cui erano caricate alcune valigie. Dietro il carrello veniva un giovanotto alto, vestito di grigio e col cappello di paglia.
L’ispettore lo osservò con curiosità.
— Direi che ha sbagliato strada – disse. Il capostazione assentì.
— Mi pare quel giovanotto che ha perso il treno in coincidenza con la nave – osservò. – Forse viene qui a chiedere chiarimenti.
| Vedi di più >
Note legali