Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le cose che non ti ho detto - Bruno Morchio - copertina

Le cose che non ti ho detto

Bruno Morchio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Garzanti
Anno edizione: 2007
Pagine: 279 p., Rilegato
  • EAN: 9788811686033
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,00

Venduto e spedito da Libreria Gullà

Solo una copia disponibile

+ 4,50 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 6,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Bacci Pagano è un uomo insieme complicato e semplice. Detesta le ipocrisie del potere ma anche il ricatto dei buoni sentimenti. Non sa dire di no alla richiesta di Mara, una delle donne della sua vita: deve tenere a bada le inquietudini del dottor Nicolò Ingroia, detto il Gigante, uno psicoanalista che vive sulle alture che sovrastano Genova Nervi. Bacci avrebbe avuto più di un motivo per rifiutare l'incarico: non è il suo mestiere occuparsi di un alcolizzato che ha tentato il suicidio; e poi il Gigante l'aveva già incontrato vent'anni prima, quando indagava sulla morte di un suo giovane paziente, misteriosamente ucciso in Thailandia. Tra memoria e presente, dall'Estremo Oriente ai carruggi della città vecchia, Bacci Pagano deve mettere alla prova tutta la sua tenacia, in una vicenda in cui all'odio e alla disperazione si oppongono l'intelligenza e la ragione, alla ricerca di una verità elusa e sepolta. Nei serrati duelli verbali tra Bacci e il Gigante, l'investigatore "analfabeta dei sentimenti" e lo psicanalista allo sbando, spesso uno sguardo e un silenzio - o magari una citazione di Proust - contano più delle parole. Un romanzo che dà voce a una città irripetibile, dove si sfiorano e s'intrecciano di continuo mondi diversi: dall'alta borghesia chiusa nel suo orgoglio alla casbah di immigrati e prostitute, passando per la memoria di una metropoli industriale che non c'è più.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 9
5
7
4
0
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    annalisa

    07/01/2009 12:46:25

    Molto bello. Da leggere senz'altro. Lo stile ti cattura e ti conquista come se vivessi passo passo con Bacci Pagano. Ho già prenotato gli altri suoi libri.

  • User Icon

    Silvia

    07/07/2008 19:24:57

    Mi tengo sul voto medio: il libro si fa leggere però manca un pò di ritmo. Ma forse è proprio il suo bello.

  • User Icon

    jerry

    23/01/2008 13:18:40

    Scritto bene , molto bene con lessico elegante e forbito. Descrizioni e dettagli con un mare di parole e radiografia psicologica dei personaggi . Un buon racconto , a volte ridondante e un pò retorico ma inesistente come thriller. Secondo me l'autore è un ottimo scrittore ma dovrebbe lasciar perdere i thriller. Infatti nel racconto le parti più deboli sono quelle in cui dovrebbe esserci suspance.

  • User Icon

    Giorgio

    03/01/2008 23:17:10

    Bel giallo e finalmente un autore che rivaluta l'uomo , l'homo , " l'ommu " . Finalmente un pò di sano revisionismo maschilista in questo mondo femminilizzato alla nausea . Narra bene il Morchio e si capisce che è un medico. Da come parla di psicoanalisi e da come radiografa i personaggi. La trama è fortunata e le descrizioni ambientali rendono bene la scena. Faccio i complimenti a Morchio e , da come scrive , alle sue idee e al suo modo di vedere il mondo. Questo è un racconto che consiglio a tutti. Tra i tanti lati positivi dell'autore si intuisce la fede genoana e l' attaccamento a Genova. Insomma ho trovato l'autore perfetto! Attendo con ansia altri suoi futuri gialli. Arrivederci " se vedemmu!"

  • User Icon

    alex di genova-sturla

    27/11/2007 00:09:49

    Ho trovato il libro strenna di quest'anno, cioè il romanzo che regalerò agli amici. Intanto è di uno scrittore che ama e descrive la mia città in modo sorprendente. E questo romanzo è molto bello. Tutto qui. Molto bello. Vi pare poco?

  • User Icon

    Mariangela

    15/11/2007 12:42:52

    Bellissimo racconto . Con uno stile particolare e coinvolgente. Son contenta anche perchè sono genovese che vi sia uno dei " nostri " che da la polvere agli altri.

  • User Icon

    Mario

    01/11/2007 18:15:45

    Avendo letto tutti i libri di Morchio mi aspettavo un'altra storia, comunque Baci Pagano è sempre il solito. Il racconto parte piano, quasi controvoglia, come l'indagine di Pagano, ma piano piano ti coinvolge come coinvolge Pagano nel dipanare la matassa tra presente e passato. Finale splendido, e ha gia lasciato le traccie per il prosssimo libro........ Qualcuno Jasmine dovrà andarla a cercare.............

  • User Icon

    luca

    31/10/2007 17:16:03

    E bravo il nostro "BASCI". Un libro da leggere al volo...da divorare, pieno di suspence che ti costringe a proseguire nella lettura.E poi che dire di questa Genova così minuzisamente riportata, sembra quasi di entrare dentro l'avventura e di conoscere personaggi che sono così vicini a noi... Come direbbe qualcuno BELLO!BELLO!BELLO!da non perdere....aspettiamo gli altri!!!!!

  • User Icon

    Vanna

    09/10/2007 23:00:07

    Questa volta Morchio ha fatto centro. Se nel primo libro si era avvicinato al massimo punteggio e se nei successivi si era mantenuto alto, devo dire che con questo romanzo avvincente, di ampio respiro e di grande attualità, l'autore, con il suo Bacci Pagano, parte per la testa delle classifiche. E forse ci è già arrivato. Mi è piaciuto e mi ha colpito. Oltre all'azione, una galleria di personaggi affascinanti e veri. Da leggere subito.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
  • Bruno Morchio Cover

    Laureato in Lettere, psicologo e psicoterapeuta. Ha pubblicato articoli su riviste di letteratura, psicologia e psicoanalisi ed è autore di numerosi romanzi (definiti di genere «noir mediterraneo»), che hanno due protagonisti: l'investigatore privato Bacci Pagano (il «detective dei carruggi») e Genova, l'amata città d'origine di Morchio. Tra gli scritti apparsi in edizione Garzanti ricordiamo: Con la morte non si tratta (2006), Le cose che non ti ho detto (2007), Rossoamaro (2008), Colpi di coda (2010), Il profumo delle bugie (2012, finalista del Premio Bancarella 2013), Lo spaventapasseri (2013, con il quale vince il Premio Lomellina in Giallo del 2014), Un conto aperto con la morte (2014), Il profumo delle bugie (2015), Fragili verità. Il ritorno... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali