Categorie

Francesco Abate

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
Pagine: 272 p. , Brossura
  • EAN: 9788806192365

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    angelo

    26/05/2014 23.33.41

    Ingredienti: una vita combattuta tra conformismo e ribellione, un risveglio dal coma come padre di famiglia per un playboy incallito, un lavoro da giornalista in bilico tra cane randagio e cane fedele al potere, una società malata piena di ambiziosi arrivisti e meschini opportunisti. Consigliato: agli ammiratori di ritratti sociali fatti di feste, crisi, casinò e finanziarie, ai ritrattisti indipendenti, cinici e spietati di un paese in declino.

  • User Icon

    gizzy

    30/04/2009 11.56.26

    Davvero scorrevole! Ironia a piene mani...era da tanto che aspettavo un libro così. Consigliato a chi piace De Silva (Non avevo capito niente) e Morozzi (L'era del porco)

  • User Icon

    Antonio

    08/01/2009 14.58.31

    Bello, coinvolgente, ritmico, a tratti geniale. Personaggi ben caratterizzati, soprattutto il mitico Momo-Mr. Magù

  • User Icon

    lalli

    09/12/2008 10.09.48

    UN BEL LIBROO GRADEVOLE, DIRETTO ,INTERESSANTE

  • User Icon

    Mr. Solomon

    23/10/2008 07.33.09

    Leggendo i libri di Abate, mi chiedo sempre perchè questo autore non abbia ancora ricevuto e ottenuto il successo che merita. Abate è uno scrittore, un artigiano della parola. Sa usare le parole, le modella come se fossero sculture di legno, le modella per fartele entrare dentro. Il processo di trasformazione da parole in emozioni è sempre perfetto. La macchina narrativa di questo romanzo non ti lascia mai a secco. Corre per le strade dell'immaginazione a trecento all'ora. Soprattutto con questo eccellente romanzo, dove ritorna Rudy Saporito, uno dei personaggi più originali e crudeli del panorama letterario italiano, Abate conferma di essere un ottimo narratore. Invito chiunque a leggere un qualsivoglia lavoro dello scrittore cagliaritano per rendersi conto di cosa vuol dire saper scrivere.

  • User Icon

    gio

    29/06/2008 19.59.33

    non all'altezza di "mi fido di te" ma comunque bello e da leggere.

  • User Icon

    Misterdipa

    15/05/2008 17.04.35

    Grande Rudy! Non lo conoscevo affatto e mi ha subito affascinato. Un bel personaggio, cinico e scaltro, in una storia che forse non è proprio il massimo come originalità e svolgimento ma che comunque appassiona e conduce fino al finale senza rimpianti. Ottima la caratterizzazione dei personaggi, divertente e fantasiosa la scelta dei loro nomi. Ho apprezzato questo mio primo romanzo di Abate, distinto da una punta di sarcasmo sempre presente e conto di cimentarmi quanto prima con altre sue letture. Consigliato sicuramente.

  • User Icon

    Dorina

    12/05/2008 17.04.51

    Sono una fan accanita del vecchio Rudy. Ho l'amaro in bocca per non aver vissuto tutte le avventure che il cattivo cronista avrebbe vissuto se non avesse passato undici anni di coma. Il coraggio di Abate di bruciare due lustri di trame e avventure si affianca ad un libro che merita il voto più alto pagina dopo pagina.

  • User Icon

    alessandra

    03/05/2008 23.24.47

    Riuscire a trovare delle banalità in questo folgorante libro di Abate è un'impresa titanica...complimenti a chi ha lasciato il commento. Un libro amaro e divertentissimo, soprattutto uno sforzo inumano di riportare in auge una tradizione di giornalismo militante e ben documentato ahimè dimenticata. Francesco Abate vola leggero ma mira al cuore. Se questo è essere banali...:-)

  • User Icon

    Andrea

    28/04/2008 11.52.32

    Ottima la trama, scrittura accattivante e ricca di piccole perle. Una amara commedia all'italiana che ti trascina fino all'ultima pagina.

  • User Icon

    il cattivo tronista

    26/04/2008 17.28.14

    Un consiglio: chi ha letto Il cattivo cronista non può perdere Così si dice. Chi non l'avesse letto però può leggere tranquillo il seguito perché sì ci sono riferimenti al precedente romanzo con protagonista l'irresistibile canaglia Rudy Saporito, ma vanno oltre l'appuntamento seriale e il romanzo si regge da solo, eccome. Ironia tagliente, gusto per la provocazione, la nuova vita del cattivo cronista saporito è davvero sorprendente e fa scoprire al lettore le magagne che si nascondono in ogni città di provincia. l'aspetto più interessante però è la chiave con cui l'autore fa capire che se il giornalismo d'inchiesta è morto, la narrativa può fare miracoli. Divertente e profondo se si hanno le capacità di andare oltre le righe

  • User Icon

    Rita Atzori

    25/04/2008 07.47.29

    Impossibile non farsi rapire da questo libro. L'ho letto in due notti! Divertente, cinico, intrigante. Un'ottima scoperta di un autore che non conoscevo se non in coppia con Massimo Carlotto in "Mi fido di te". Come non si può amare sin dalle prime pagine questa gran carogna di Rudy Saporito, il suo compagno di viaggio Vadim ma soprattutto il vecchio Mister Magù? Un'immagine della Sardegna, ma in generale della nostra Italia, davvero allarmante e disarmante. E poi, che fantasia narrativa!

  • User Icon

    Enrico

    23/04/2008 09.42.34

    Quante banalità, molto inferiore agli altri libri precedenti, deludente.

  • User Icon

    Antonino

    12/04/2008 16.35.06

    Finalmente è tornato il cattivissimo cronista. La cifra stilistica dell'autore è inconfondibile. dopo Mi fido di te ho scoperto Il cattivo cronista ma è stato complicato riuscire ad averlo. Così si dice descrive un mondo che non tutti conoscono perché c'è un'altra sardegna da conoscere e salvare: quella che d'estate si copre di lustrini per i turisti ma sotto sotto si sente l'odore di fogna, di marciume. Così si dice è un passo oltre. Scandaglia un mondo che abbiamo tutti sotto il naso ma forse non ci siamo mai fermati ad osservare. Abate ci si è soffermato il tanto giusto per farci annusare l'olezzo con la sua solita ironica penna. Si ride da matti.

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione