Countdown to Extinction - CD Audio di Megadeth

Countdown to Extinction

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Megadeth
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Capitol
Data di pubblicazione: 1 aprile 2013
  • EAN: 0724359862026

84° nella classifica Bestseller di IBS Cd musicali CD - Hard Rock e Metal - Heavy Metal

Salvato in 10 liste dei desideri

€ 6,50

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 6,50 €)

Disco 1
1
Skin o' my teeth
2
Symphony of destruction
3
Architecture of aggression
4
Foreclosure of a dream
5
Sweating bullets
6
This was my life
7
Countdown to extinction
8
High speed dirt
9
Psychotron
10
Captive honour
11
Ashes in your mouth
12
Crown of worms (cd 'Train of consequences' (Holland) 1994)
13
Countdown to extinction (demo) (previously unreleased)
14
Symphony of destruction (demo) (cd 'A tout le monde' (Holland) 1995)
15
Psychotron (demo) (previously unreleased)
3,5
di 5
Totale 2
5
0
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Enrico

    18/09/2018 08:18:31

    Album successivo a rust in peace tra i migliori album nella storia del trash metal. Decisamente più commerciale, più orecchiabile, meno innovativo del precedente. Dave mustaine si conferma comunque ottimo compositore e musicista e si fa sempre accompagnare da artisti di spessore nel genere. Buon album ma sicuramente non ha la ferocia di rust in peace.

  • User Icon

    Marco 75

    02/09/2011 11:09:30

    Con Countdown to extinction cominciano ad apparire le prime crepe nel suono di Mustaine e soci. La spinta compositiva rallenta e l'album successivo sarà uno dei meno riusciti nella carriera sfolgorante di questi mostri sacri. Sembra che con gli ultimi lavori i Megadeth siano tornati al vecchio splendore, ma non ho ascoltato i dischi più recenti e quindi non posso parlare. Comunque in questo disco i Megadeth infilano tre o quattro pezzi da antologia e nonostante la ferocia dei primi album sia smorzata in favore di melodie più lente ed orecchiabili non si perde il tipico sound della band. Considerando che questo fu il disco successivo al capolavoro Rust in peace, era impossibile aspettarsi di più.

Note legali