La Création, la Fin - CD Audio di Olivier Messiaen,Darius Milhaud,Jean-Pierre Armengaud,Paul Klee Quartet,Jan Creutz

La Création, la Fin

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Blue Serge
Data di pubblicazione: 27 aprile 2009
  • EAN: 8015948301555
Salvato in 1 lista dei desideri
Le opere di due grandi compositori francesi del ventesimo secolo, presentate in questa registrazione, rappresentano in modo esplicito i due grandi misteri del paradigma e della condizione umana: la “creazione del mondo” nell’opera di Darius Milhaud, la “fine dei tempi” in quella di Olivier Messiaen. Da questa idea di affiancare due opere che rappresentando gli estremi della storia umana ne rappresentano anche l’essenza, nasce questo album che vede impegnati il pianista Jean-Pierr Armengaud, il clarinettista Jan Creutz e il quartetto d’archi Paul Klee 4tet (Alessandro Fagioli e Stefano Antonello al violino, Andrea Amendola alla viola e Luca Paccagnella al violoncello). L’album si suddivide dunque nella “Suite de concert de la Création du Monde” op 81b di Milhaud per piano e quartetto d’archi, e il “Quatuor pour la fin du Temps” di Messiaen per piano, clarinetto, violino e violoncello.
Disco 1
1
Prélude
2
Fugue
3
Romance
4
Scherzo
5
Final
6
Liturgie de cristal
7
Vocalise, pour l'Ange qui annonce la fin du Temps
8
Abîme des oiseaux
9
Intermède
10
Louange à l'Éternité de Jésus
11
Danse de la fureur, pour les sept trompettes
12
Fouillis d'arcs-en-ciel, pour l'Ange qui annonce la fin du Temps
13
Louange à l'Immortalité de Jésus
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Olivier Messiaen Cover

    Compositore francese. Allievo di M. Dupré e P. Dukas al conservatorio di Parigi, vi insegnò dal 1942. Nel 1931 divenne organista alla chiesa della Trinità a Parigi; nel 1936 fondò con A. Jolivet, Y. Baudrier e D. Lesur il gruppo Jeune France per contrastare il neoclassicismo accademico; dal 1936 all'inizio della guerra insegnò alla Schola cantorum, e poi dal 1942 al conservatorio di Parigi. Nella sua densissima produzione spiccano alcuni nuclei poetici ricorrenti: ad es. il senso religioso dell'esistenza, che si traduce in atteggiamenti contemplativi (Quatuor pour la fin du temps per clarinetto, pianoforte, violino e violoncello, composto nel 1940 in un campo di prigionia tedesco) o in mistiche vertigini nella meditazione liturgica sui misteri cristiani: L'A­scension per orchestra (1934),... Approfondisci
  • Darius Milhaud Cover

    Compositore francese. Iniziò giovanissimo lo studio della musica, con A. Gédalge, Ch. Widor, V. d'Indy e altri a Parigi. Nel 1917-18, durante un soggiorno in Brasile come segretario dell'ambasciatore francese, il poeta Paul Claudel, studiò il folclore brasiliano, che utilizzò poi largamente nelle sue composizioni. Tornato a Parigi, divenne amico di Satie e Cocteau e fece parte del gruppo dei fSei. Nel 1920 ottenne il suo primo grande successo con il balletto Le boeuf sur le toit. Da allora svolse un'infaticabile attività di compositore e di interprete (pianista e direttore d'orchestra) delle proprie opere, viaggiando in tutto il mondo. Durante la seconda guerra mondiale visse negli Stati Uniti. Dopo gli esordi sotto il segno di Satie e Cocteau, M. risentì in seguito delle influenze più disparate... Approfondisci
Note legali