Curatore: A. Cola, F. Troccoli
Collana: Fermenti
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 24 maggio 2013
Pagine: 182 p., Brossura
  • EAN: 9788862761079
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Abbiamo chiesto agli autori di questa raccolta di immaginare un mondo collocato in un futuro non troppo lontano. Abbiamo chiesto loro di raccontarci una storia ambientata in una qualsiasi regione terrestre e in un periodo posto a un massimo di cento anni dalla "più grande recessione planetaria di tutti i tempi". La crisi del 2014. Uno degli scopi del libro è quindi quello di proiettare alcuni scenari di un futuro nel quale la crisi sia vissuta dai protagonisti delle varie narrazioni come un pericolo ormai superato, che ha però condizionato in modo drastico la storia degli individui, delle loro famiglie, delle aggregazioni e delle comunità, così come le vicende e gli equilibri sociali, politici ed economici su scala planetaria. Sono queste le sole indicazioni fornite agli autori, all'insegna di una tonalità di fondo che fosse il più possibile "positiva", incentrata sulla capacità dell'essere umano di superare le prove più difficili. Un essere umano che, a dispetto della spinta distruttiva di macrosistemi sociali ed economici, tornasse al centro del comune sentire, interprete di una fantascienza in grado di renderlo unico e indiscusso protagonista del proprio destino.

€ 10,12

€ 11,90

Risparmi € 1,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gian Filippo Pizzo

    12/06/2013 12:18:54

    La fantascienza cerca di immaginare il futuro basandosi sul presente, ma evidentemente ai curatori di Crisis questo non bastava, così - non contenti della crisi che stiamo vivendo - ne hanno immaginata una più grave nel 2014 ed hanno chiesto ad alcuni autori di ipotizzare un avvenimento non troppo remoto nel futuro. Otto autori noti e meno noti della fantascienza italiana si sono lanciati in speculazioni anche non troppo ardite - considerando il presente di adesso - sul nostro futuro. Tra i racconti, fra storia e immaginario quello di Giulia Abbate su un immigrato albanese che poi torna nella sua terra: toccante e ottimamente scritto, forse il migliore della raccolta. Donato Altomare, da par suo, immagina un futuro in cui la vittoria di una partita di calcio dà diritto al saccheggio della città avversaria...! Francesco Grasso ci offre una specie di giallo futuristico ben condito da considerazioni economico-finanziarie, tutto sommato lieve e non troppo pessimista, mentre Alessandro Morbidelli lancia un monito di speranza: forse nel futuro più tragico ci sarà la possibilità di ripresa e il sogno di pochi potrà trasformarsi nella rivincita di tutti attraverso una nuova corsa allo spazio. Gli altri racconti sono di Luigina Sgarro, la collaudata coppia Garello / Angiolino, Alessandro Vietti (con "Lo spread spiegato a mio figlio", un titolo che è già un programma) e Gabriele Falcioni. In conclusione i due curatori Alberto Cola e Francesco Troccoli - che, pur essendo anche ottimi scrittori, si sono pudicamente astenuti dal partecipare come autori - hanno confezionato una buona antologia, i cui racconti sono vari come stili e trame e ben equilibrati tra visioni pessimistiche e ottimistiche pur partendo da una base comune che è, purtroppo, l'Italia disastrata dei nostri giorni. Quindi un'ottima raccolta tutta italiana nell'ambito della fantascienza più speculativa, quella che fa riflettere sull'uomo e sulla società.

Scrivi una recensione