Dai un bacio a chi vuoi tu

Giusi Marchetta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Terre di Mezzo
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 31 maggio 2004
Pagine: 173 p., Brossura
  • EAN: 9788861890336
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 3,78

€ 7,00

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un giovane pedofilo che odia i pedofili, un bambino che vuole i capelli tagliati cortissimi per sfuggire alla "presa" del padre violento, un professore che doveva fare il contadino e invece no, uno strano incidente in cui muore il figlio del boss. Dalla pedofilia alla camorra, la giovane Giusi Marchetta tocca temi scomodi con uno stile asciutto e sorprendente. In questi racconti "l'anomalia psichica o sociale scaturisce da un meccanismo inesorabile, fino a una risoluzione conclusiva freddamente necessaria". Tutti i personaggi di questo libro pensano di potersi salvare aggrappandosi a qualcosa ma, come nella vita vera, non si rendono conto che non possono cambiare le cose. Come nella famosa filastrocca: i bambini cantano "dai un bacio a chi vuoi tu", ma sarà la conta a decidere per loro.
3,83
di 5
Totale 6
5
2
4
2
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sampei

    21/06/2008 00:37:21

    Ok, comincio da Limbo, o da Camilla, che poi è il primo racconto che ho letto, di questa raccolta. Qui uno dei temi è centrale: il paradosso della diversità che si deve infilare nella regolarità, in questo caso, del codice stradale. Il risultato è ironico, un po’ tragico. Ma il fatto è che questa Giusi Marchetta ha un chè: riesce a toccare liscia liscia tutte le profondità di noi anime che leggiamo non per rilassarci e nemmeno per distrarci, ebbene lo fa, senza neanche darlo a vedere, una che sa far ridere non si sganascia, lei è così.. È come una che batte il centro di un tamburo da molto lontano o come un acuto che allontana il microfono mentre spalanca la bocca. Qui, in Limbo, ci sono dei picchi, tipo: com’è successo che non cammini più, zio? eh, sì, l’immaginazione eleva. Specialmente nelle storie più crude. Come fa la canzone della sposa (Formiche rosse) E poi ti trovi di picchiata in basso. Riecco lo zio che dice: Mi sogno in piedi…. C'è un salto che m'ha preso molto, ma molto, è "Scarti". poi ci sono quelli che stanno dentro, gli "insospettabili" fan venire i brividi, o fanno infuocare il petto, ricordo certi tg, che invece muti stettero,dentro 'na marea di chiacchiere. Le telecamere servono altro, e alla fine ti sembra sì di aver preso il sole in faccia, quello che fa male….ci sono quelli che cercano di starci, dentro, come il protagonista di Dai un bacio a chi vuoi tu. Un Altro che si affanna a compiere gesti, fare finta, ma proporzionalmente al suo sforzo per essere dentro, si trova fuori. Infine ci sono quelli che se ne stanno convinti fuori, e per loro va tutto bene: come Michele (incidente) che si è fatto giustizia da solo, contro lo strapotere dell’ingiustizia e, sta zitto e aspetta, sa che ha sbagliato ma non poteva fare altrimenti, il bello è che tutto si rivela una fregatura, glielo rivela Ciccio, che "sta dentro", ormai, dopo un sospiro: “È che, Michè… se non è quello è un altro”. Poi ci sono i fantasmi:La vipera,e: Salvo era il più grande. Indubbiamente…”“Forse è andato veramente in America".

  • User Icon

    Camilla

    26/05/2008 09:50:33

    Lo ammetto, sono un po' di parte, essendo il personaggio (più che altro, direi la umile protagonista) di uno dei racconti del libro (anche se sono affettivamente legata ad "incidente", che sempre rappresenterà un punto importante della mia vita). Ora mi tocca dire qualcosa che spinga voi lettori ad acquistare il libro. Potrei far ricorso alle seguenti argomentazioni: 1. il filo conduttore dei diversi racconti: l'angoscia che deriva dal non poter fare a meno di seguire regole imposte; 2. la forza dei personaggi: quel tentativo di raggiungere un'apparente normalità che continua a non farsi neanche sfiorare; 3. la città sullo sfondo: orribilmente invadente; 4. il prezzo: solo 7 euro. Insomma, ci sono un sacco di buoni motivi per leggere questo libro. Per leggere, tra le tante, la mia storia, che un po' come la vostra è la testimonianza che le cose possono andare davvero male, a volte. E altre volte, dannatamente bene. In mezzo, tra le righe di questo libro, c'è poi tutto il resto. E di questi tempi di metrature sopra i cieli, di storie di gamorra, di numeri primi soli soli... di questi tempi, dicevo, scusate se è poco.

  • User Icon

    Angie

    16/05/2008 10:42:16

    Avete mai provato a mettervi nei panni di un'altra persona? I personaggi del libro sono tratti dal nostro quotidiano e fortemente condizionati dalla realtà circostante, uniti tra loro da un filo i cui estremi sono rappresentati dalla speranza, che qualcosa o qualcuno possa salvarli da una vita che non hanno scelto, e da un dramma in atto. Sono brevi racconti che ci mostrano il rovescio della medaglia, la realtà da un punto di vista diverso dal solito, cosa che ci consente di avere un quadro completamente nuovo di un qualcosa che avremmo sicuramente giudicato senza conoscere, e che ci fa allo stesso tempo scavare e cercare dentro noi stessi.

  • User Icon

    Arcangelo

    13/05/2008 16:21:24

    Gran bel libro!La lettura scorre via velocissima e nonostante si sfiorino temi di grande attualità e rilevanza,le storie vertono sempre sugli uomini,sulle loro esistenze e sensazioni.Inoltre,nonostante siano racconti slegati l'uno dall'altro,si evince un tema di fondo che è quello dell'ineluttabilità che pervade ogni aspetto della vita,compresa l'ineluttabilità del senso di colpa di dostoevskijana memoria.Su tutti,i racconti "formiche rosse" e "limbo".

  • User Icon

    vincenzo

    01/05/2008 21:55:33

    Si salva solo "limbo". Il resto è debolissimo, poco interessante e banalmente triste.

  • User Icon

    alex

    29/04/2008 14:16:52

    Il libro è carino ma non merita più di tanto.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Giusi Marchetta Cover

    Giusi Marchetta, è nata a Milano nel 1982, ma è cresciuta a Caserta, per poi trasferirsi a Napoli. Oggi vive a Torino dove è insegnante. Per Terre di Mezzo ha pubblicato le raccolte di racconti Dai un bacio a chi vuoi tu (2008), con la quale ha vinto il Premio Calvino, e Napoli ore 11 (2010). Il suo primo romanzo, L'iguana non vuole, è stato pubblicato nel 2011 da Rizzoli. Nel 2015 è uscito per Einaudi Lettori si cresce. Sempre per Rizzoli ha pubblicato nel 2018 il suo secondo romanzo, Dove sei stata. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali