Categorie

Tom Clancy

Traduttore: M. Pagliano
Collana: Superbur
Anno edizione: 1996
Formato: Tascabile
Pagine: 1000 p.
  • EAN: 9788817114981

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe Florio

    06/11/2015 00.15.49

    Nei tempi odierni la guerra è cambiata. Non si tratta di truppe schierate su più fronti. E' una guerra informatica, una guerra di economia, in cui corruzione e speculazione borsistica sono all'ordine del giorno. E' in questa situazione che si trova adesso John Patrick Ryan, nel ruolo di consigliere per la Sicurezza Nazionale, al fianco del presidente degli Stati Uniti Roger Durling. Un'azione intrapresa da un gruppo di industriali e finanzieri giapponesi, ha come intento lo sconvolgimento dell'economia americana per affermarsi come principale potenza mondiale. Al tempo stesso, una perfetta sincronia di manovre strategiche militari, riesce a creare una barriera protettiva attorno al Giappone ed alle Isole Marianne. Gli americani riportano notevoli perdite. Caccia militari vengono abbattuti, sottomarini affondati e portaerei danneggiate seriamente. Jack è costretto a far scendere in campo due dei migliori agenti operativi della CIA: John Clark, e Domingo Chavez. Questi si recano nel paese del Sol Levante, sotto copertura di giornalisti russi, dapprima soltanto per riportare a casa una giovane ragazza scomparsa, ed in seguito per prendere parte ad una vera e propria guerra. Un capolavoro di fanta-politica, un techno-thriller che costituisce un malloppo di adrenalina che va sviluppandosi in un crescendo di tensione soprattutto nelle ultime pagine. Come nell'inconfondibile firma di Tom Clancy nei suoi romanziuna storia ricca di dettagli tecnici militari ed in questo caso anche economico-finanziari. I personaggi, che nei loro ruoli diventano sempre più amabili, coinvolgono il lettore in un'avventura da cui non è possibile distaccarsi. Veramente ben scritto e congegnato, Debito D'onore rappresenta una possibile visione di conflitto alquanto prossimo. Forse un po' pesante per chi non è abituato a seguire le trame che non sono lineari. Tuttavia, una lettura di quasi mille pagine che vi terrà compagnia e che per tutti può risultare un'occasione per apprendere varie nozioni.

  • User Icon

    Enrico

    30/11/2014 15.43.28

    Insomma... un clancy un po' pesante ma meno che in "potere esecutivo". Buona idea ma forse non propriamente realizzabile. trama: 6/10 personaggi caratterizzati anche troppo! interesse generale 8/10 Trppo lungo. Mi ci è voluta un'eternità per finirlo!

  • User Icon

    Luca

    01/11/2011 21.19.35

    Che capolavoro, ragazzi! La sua lunghezza, almeno per me, non e' un difetto, bensi' un pregio, dato che ci si puo' gustare ogni pagina sapendo di averne ancora tante, e dovrebbe essere cosi' se un libro ci "prende", tanto da voler che non finisca mai... il finale e' da cardiopalma ed il seguito, gia' letto in precedenza, all'altezza di questo capolavoro!

  • User Icon

    Claudio Govoni

    29/01/2008 11.09.03

    A quasi sessant'anni di distanza da Pearl Harbour i Giapponesi ci riprovano e cercano di riconquistare la supremazia in parte del Pacifico. Dietro di loro, però, c'è un altro Paese, che ha mire ben più grandi... il primo romanzo della serie con Jack Ryan presidente (solo alla fine, però!). Interessante e a tratti emozionante, anche se un pò troppo lungo. Tutto sommato, ci mette troppo tempo per "arrivare al sodo", anche se si fa perdonare. Contiene anche un abbozzo di sotto trama di un possibile scontro, non concretizzatosi, tra la marina USA e la marina indiana. Poteva risparmiarselo, distoglie l'attenzione e allunga inutilmente.

  • User Icon

    Alessandro

    30/08/2007 14.03.21

    Una noia mortale! Se fosse ridotto ad 1/4 della sua lunghezza attuale, potrebbe anche essere passabile. Le descrizioni delle attivita' militari, piene di sigle e dettagli tecnici, sono illeggibili. I personaggi principali (Ryan, Clark e Chavez) sembrano persone perfette, senza difetti e debolezze, totalmente dediti al loro compito. Insomma non sono umani. L'autore coglie ogni occasione per sottolineare i disastri causati dalla riduzione delle spese militari, quindi e' un libro a tesi. I giapponesi sono trattati malissimo: non ricordo neanche un episodio del libro che metta in evidenza l'umanita' di qualcuno di loro. In conclusione, ne sconsiglio caldamente la lettura.

  • User Icon

    LM

    04/07/2004 17.50.28

    Un libro che supera l'inimmaginabile, un capolavoro assoluto. La trama è forse la più bella dei libri di Clancy e, nonstante le ottocento pagine, il libro si legge velocemente, divorando pagina dopo pagina per arrivare allo spettacolare finale... ciao

  • User Icon

    ANTONIO PAGANI

    11/10/2001 23.22.09

    il miglior racconto avvincente degli ultimi 4 anni dall'inizio alla fine ti tine sulla corda in bilico tra la suspence e la brama di arrivare all'epilogo per sapere il finale.

  • User Icon

    Gabriele

    11/10/2001 15.02.30

    Sono un grande appassionato di Clancy e questo per me rappresenta uno dei più bei libri dello scrittore americano. I motivi sono semplici, in questo libro Clancy arriva ad esplorare lidi della fantasia che non aveva mai toccato prima rimanendo comunque aggrappato alla realtà tramite inequivocabili legami col passato che portano i fatti della II guerra mondiale a determinare ciò che accade ai giorni nostri. Il messaggio è chiaro e ci fa percepire la Storia umana non come un insieme claustrofobico di compartimenti stagni bensì come un tuttuno armonico in cui ciò che accade oggi influisce sul mio domani. I due successivi libri non reggono con questo,perchè qui ci ha fatto vedere tutto, o quasi tutto, quello che si poteva immaginare. Il resto è nello stile di Clancy, grande capacità narrativa e succedersi di avvenimenti che ti porta a "divorare" il libro una pagina dopo l'altra.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione