Editore: Adelphi
Anno edizione: 2009
Pagine: 182 p., Brossura
  • EAN: 9788845924125
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
"Se è vero che le vicende della sua vita sono parte integrante dell'importanza di Socrate, si deve comunque dare tutto il rilievo possibile al fatto che egli morì assassinato" dichiara perentoriamente Manlio Sgalambro. Tuttavia Platone "omette pietosamente quella parola", e dal canto suo Nietzsche afferma - certo a ragione - che "Socrate volle morire". Ma chi desidera morire, osserva Sgalambro, "si trova intrappolato in una insana contraddizione", giacché nello stesso tempo vuole vivere. E così fu anche per Socrate, che delegò infatti il compito a un "benefattore" (euergetikós) - così egli definì l'assassino - e con ciò introdusse una volta per tutte nella filosofia la figura dell'omicida. Eppure la speculazione filosofica ha per lo più evitato di porsi le domande cruciali che ne derivano: quale mistero cela il delitto in se stesso? Chi è l'assassino nella sua essenza? Domande che invece non teme di affrontare qui Sgalambro, tenace esploratore delle zone impervie del pensiero, spingendo lo sguardo verso quel punto dove l'espressione "'L'uomo è mortale' non significa in primis che 'l'uomo muore' - insigne banalità concettuale -, ma che l'uomo è datore di morte".

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 13,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Silvio Minieri

    18/12/2009 15:20:28

    L’orizzonte del delitto Una lettura in chiave biblica del saggio di Sgalambro sul delitto in sé, lettura prevaricante che il saggio non autorizza (l’assassinio di un libro), riconduce il lettore al delitto (peccato) originario. Intanto, se vuole ragionare sulla forma del crimine, l’investigatore ideale, i.e. il filosofo, quello desideroso di conoscere in idea l’assassino, avrà bisogno alla maniera di Nietzsche di figure da narrare: nell’occasione, Isabelle (Eva). Si scopre così o almeno si può così sospettare che l’assassino originario non è Caino, primo esempio di una delle tante figure di assassino nella storia dell’uomo, ma l’Adamo immortale, che diventa mortale e pertanto virtuale donatore (euerghetikòs) di morte, proprio in virtù (vis, forza) del suo delitto originario, la prometeica ybris che si delinea all’orizzonte del pensiero incominciante.

Scrivi una recensione