Categorie

Rosa Mulè

Editore: Il Mulino
Collana: Studi e ricerche
Anno edizione: 2007
Pagine: 168 p. , Brossura
  • EAN: 9788815120243
Chi dovrà fare storia del Pds, e dei Da che ne sono seguiti, dovrà giovarsi di inchieste sociologiche più che dei verbosi verbali tanto in voga presso gli antenati del Pci, e questa di Rosa Mulé occuperà un posto di rilievo. Il sondaggio di cui si dà conto è stato effettuato tra il giugno e il novembre del 2003, anche se i dati sono basati su un campione ricavato dal tesseramento 2000, "l'unico anno – si precisa – per il quale era disponibile un archivio centralizzato e interamente digitale". Non c'è dunque da stare allegri per ricerche cronologicamente più estese. Il quadro che risulta è tracciato con sicurezza e persuasività. Ad esempio, si mette in guardia dall'enfatizzare il tema dell'"alleggerimento" della struttura organizzativa. Con i loro seicentomila iscritti, i Ds erano in grado di far leva su una notevole massa per le mobilitazioni elettorali. Quanto alla cultura politica dei Ds, si notava – fa effetto scrivere al passato – il predominio di "elementi di tradizionalismo e conservatorismo". Si direbbe percepibile un effetto nostalgia: che spiega i tentennamenti della leadership. Insomma il "nuovo inizio" annunciato dopo la Bolognina (1989) con tanto ardore non ha potuto fondarsi su un vero rinnovamento di mentalità, e spesso sono stati i nuovi aderenti a chiedere con maggior forza attaccamento ai simboli e a parole d'ordine del passato. Si capisce, allora, perché abbia attecchito gradualmente il modello del "partito personale", e comunque un'elevata dose di personalizzazione della politica. La deradicalizzazione ideologica ha incentivato un giudizio favorevole alla personalizzazione, surrogando in termini mediatici e semplicistici il rapporto tra capi e cittadini. La ricerca è da apprezzare anche per la sua originalità, dal momento che in Italia ad avere il massimo grado di attenzione sono state finora le inchieste dedicate ai quadri intermedi dei partiti e non agli iscritti. Roberto Barzanti