Di trombe guerriere - CD Audio di Antonio Vivaldi

Di trombe guerriere

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Antonio Vivaldi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Dynamic
Data di pubblicazione: 20 luglio 2015
  • EAN: 8007144077105

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Arie da Montezuma, Il Teuzzone, Tito Manliom, Catone in Utica, Scandrbeg, La fida ninfa; Concerto RV 554a, Sonata RV 779
Le composizioni vocali e strumentali con tromba di Antonio Vivaldi sono opere che associano un grande interesse musicale a una particolare brillantezza di scrittura. Per la prima volta un’ incisione discografica presenta in forma pressoché completa un repertorio ancora poco conosciuto, che abbraccia l’intera carriera del maestro veneziano. Nella prima metà del Settecento, l’aria con tromba concertante costituiva uno degli ingredienti più apprezzati dal pubblico che affollava i numerosi teatri veneziani a pagamento. Facilitato da una curiosità innata nei confronti di ogni sorta di strumento, Vivaldi ci ha lasciato una decina di pregevolissimi esempi di arie operistiche con tromba. Le più antiche risalgono al suo periodo mantovano (1718-1720), mentre quelle più recenti appartengono all’ultima fase della sua carriera teatrale (1732-1737). Stimolato dalla presenza di uno strumento che nell’immaginario collettivo era associato all’idea della guerra e del trionfo, Vivaldi plasmò un tipo di scrittura particolarmente curata e brillante, caratterizzata da un originale sincretismo di stilemi vocali e strumentali.

  • Antonio Vivaldi Cover

    Compositore e violinista.La vita. Suo padre, Giovanni Battista, era violinista della cappella di San Marco; Antonio studiò con lui e forse, per breve tempo, con G. Legrenzi. Ordinato sacerdote nel 1703 (e subito denominato, per la sua capigliatura, «il prete rosso»), fu dispensato dal celebrare la messa per le cattive condizioni di salute. Entrò come insegnante di violino nel conservatorio della Pietà, dove rimase sino al 1740; era questo uno dei quattro istituti veneziani dove, a somiglianza dei conservatori napoletani, trovavano assistenza (per lo più gratuita) orfani, figli illegittimi, malati. V. vi ricoprì di volta in volta, con interruzioni per viaggi, le cariche di maestro di cappella, maestro di coro, maestro dei concerti, dapprima alle dipendenze di F. Gasparini e poi (dal 1713) in... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali