Categorie

Alf Ross

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine:
  • EAN: 9788806158132

Quest'opera di Alf Ross - edita da Einaudi per la prima volta nel 1965 - si può considerare la piú organica e significativa tra quelle della scuola di diritto che, dalla sua ubicazione, prende il nome di «scandinava».
Alf Ross propugna una teoria «realistica» del diritto, cioè una teoria che considera il diritto come una scienza empirica, respingendo pertanto ogni tipo di metafisica giuridica. Il realismo scandinavo è una concezione positivistica, ma distinta dal positivismo continentale. D'altra parte, anche se porta il nome e usa il metodo dei realisti americani, si muove in direzione diversa: là dove il realismo americano, per dissolvere le concezioni tradizionali del diritto, finisce per dissolvere il diritto stesso in concezioni socilogiche o paragiuridiche, il realismo scandinavo adatta, lima, raggiusta, per trasformarsi infine in crogiuolo delle dottrine tanto americane quanto europee, continentali o scandinave.

Introduzione di Giacomo Gavazzi. Nota bio-bibliografica. I. I problemi della Jurisprudence. II. Il concetto di "diritto valido". III. Le fonti del diritto. IV. Il metodo giudiziale (interpretazione). V. Le modalità giuridiche VI. Il concetto di diritto soggettivo. VII. Diritti in rem e diritti in personam. VIII. Le divisioni fondamentali del diritto. IX. I fatti giuridici. X. Alcuni aspetti della storia del diritto naturale. XI. Analisi e critica della filosofia del diritto naturale. XII. L'idea di giustizia. XIII. L'utilitarismo e il mito del benessere sociale. XIV. Scienza e politica. XV. L'ambito e il compito della politica del diritto: tra il fato e l'utopia. XVII. Il posto della coscienza giuridica nella politica del diritto. Indice analitico.