Categorie

Silvio Berlusconi

Editore: Mondadori
Collana: Ingrandimenti
Anno edizione: 2001
  • EAN: 9788804494201
Usato su Libraccio.it € 8,08

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca Bellardini

    03/08/2008 18.39.41

    Come è possibile che la maggioranza dei voti dati a questo libro sia 1/5? Facile: l'egemonia culturale della sinistra bolscevica è presente anche nella Rete! Vergogna, gente che sa solo disprezzare l'avversario e bollarne gli scritti come "spazzatura" senza sforzarsi di commentare! Posso senz'altro dire che questo libro testimonia la fede spassionata di un uomo nella libertà, nell'anticomunismo e (cari compagni, leggete bene) anche nell'antifascismo. Lo stile è senz'altro abbastanza elevato, veramente degno di un politico che, riconosciamolo, è uno dei migliori oratori e comunicatori del mondo. Io penso che, al di là delle pendenze giudiziarie che a me interessano ben poco perché sicuramente fittizie, Berlusconi una cultura ce l'abbia davvero e che la sua adesione intellettuale al liberalismo politico, al liberismo fisiocratico economico, all'antropocentrismo umanista (si veda la prefazione del Cavaliere all'"Elogio della Follia" di Erasmo da Rotterdam) sia autentica e motivata da scelte precise (che non sono certo, come dice la sinistra, quelle di difendere le sue aziende). Va ricordato inoltre che Berlusconi è uno dei pochi politici a scrivere direttamente e personalmente i propri discorsi, e questo è assai apprezzabile. Fantastico l'orazione per il decennale della caduta del Muro: rivela un'eccezionale conoscenza critica della filosofia marxista. Il miglior discorso, tuttavia, rimane secondo me quello della discesa in campo, il 26 gennaio 1994: lì Berlusconi ha espresso in poche battute il pensiero politico non personale o del suo partito, bensì, penso, di tutta la cultura liberale (bellissimi i richiami alla pace sociale, cioè alla "concordia ordinum" ciceroniana, alla solidarietà spontanea e non imposta dallo Stato, alla libera impresa in libero Stato, alla tolleranza politica (il cui maestro fu nientepopodimeno che il grande Voltaire!). "Discorsi per la democrazia" è dunque la sublimazione del pensiero di uno statista che, prima che un potente, è stato innanzitutto un Lavoratore. VIVA IL BERLUSCONISMO!

  • User Icon

    Beppe il Brema

    26/07/2007 12.32.59

    Non v'è dubbio che Berlusconi sia un oratore facondo che può incantare e trascinare qualsiasi pubblico, e, anche scrivendo, queste sue qualità eccellono, ma il suo pensiero, la sua politica, il suo modo di voler governare l'Italia sono quelli di un plutocrate, e conseguenti sono le sue azioni, basta notare il viscerale suo odio verso il comunismo, il quale ormai non fa più paura a nessuno, è solo più uno spauracchio buono per propaganda elettorale, salvo quello italiano che al più passando il tempo diventa sempre più rompiballe e basta, veda Cavaliere, è da qualche anno che i comunisti hanno smesso di mangiare i bambini! Poi per colui che taccia di comunisti nostalgici chi vota 1 è meglio che giustifichi in altro modo la sua povertà di argomenti, non tutti coloro che non seguono politicamente Berlusconi, come il sottoscritto, sono comunisti.

  • User Icon

    MarcoB

    24/05/2005 18.53.03

    Non mi è piaciuto il libro anche se sicuramente non è noioso e si fa leggere. Non mi piace neanche chi associa il fatto che chi vota 1/5 sia necessariamente un comunista nostalgico, questo non è corretto. Io voto 1/5 perchè non mi piace il contenuto di questo libro e non l'autore in generale. Berlusconi non necessariamente è l'alternativa al comunismo, chi lo pensa fa lo stesso errore di chi considera chi critica Berlusconi per forza un comunista.

  • User Icon

    Michele

    27/12/2004 15.27.15

    Spazzatura.

  • User Icon

    Giacomo

    23/02/2004 17.47.39

    Senza dubbio un volume unico nel suo genere, l'opera propagandistica di un uomo politico pubblicata in grande stile dalla SUA casa editrice. Paradossale e illuminante; ma di scarso valore letterario, se non si è completamente accecati dagli spot elettorali.

  • User Icon

    Nicola

    25/01/2004 15.13.40

    A distanza di quattro anni, questa raccolta di discorsi è la testimonianza della coerenza dell'autore e rappresenta incontestabilmente, per la semplicità di linguaggio e per l'incalzante forza espressiva, uno degli esempi più alti e nobili di oratoria parlamentare nella storia della Repubblica Italiana. Scompare il politichese utilizzato dai parlamentari della prima repubblica e da gran parte di quelli attuali, e viene sostituito da un nuovo modo di comunicare con gli elettori: limpido, diretto e sincero.

  • User Icon

    Juan Maria

    27/06/2003 19.46.08

    se chi dà 1/5 è un comunista nostalgico (mio dio, il pericolo rosso!), come si dovrebbe definire uno che dà 5/5? Forse un servo della gleba non ammaestrato (con nessuna possibilità di emancipazione!!). A parte questo, il libro è veramente trash.

  • User Icon

    giuseppe

    07/06/2003 15.41.28

    Peccato che la democrazia di cui parla l'autore sia cosi´ lontana dalla sua linea politica che si rivela arrogante e pericolosa.

  • User Icon

    Davide

    29/04/2003 15.19.12

    Berlusconi è un mediocre ma grandissimo comunicatore... Il problema - abbastanza grave - è che la maggior parte degli italiani lo stanno ad ascoltare a bocca aperta e addirittura l'hanno votato.

  • User Icon

    Stefano

    23/01/2003 20.33.44

    Un imprenditore che scrive un libercolo e lo fa stampare al suo editore per farsi campagna elettorale. Un paradosso italiano.

  • User Icon

    Giuseppe

    06/05/2002 20.21.33

    Il libro conferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, le eccellenti doti di comunicatore del suo autore. Ancora di estrema attualità i discorsi sui cinque anni di malgoverno di centro-sinistra. Stile brillante e fluido; consigliato.

  • User Icon

    Massimiliamo

    09/03/2002 17.50.03

    Un ottimo libro per capire la coerenza della linea politica di Silvio Berlusconi. Ben strutturato e gestito; è inutile dire che chi dà il voto 1 su 5 è solamente un comunista nostalgico.

  • User Icon

    francesco

    26/01/2002 18.24.19

    Bravo Napoleone ma ti preferivo a Sant'Elena. L'autore dev'essere un esaltato.

  • User Icon

    Fas

    05/09/2001 23.26.57

    Non e' il migliore dei libri di barzellette che ho letto, ma se volete sghignazzare un po' prima di appisolarvi questo libro e' perfetto..

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione