Categorie

Lee Child

Traduttore: A. Tissoni
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2011
Pagine: 409 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830430785

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Bookworm

    15/10/2016 20.32.27

    Questo libro l'ho scelto a caso dopo aver visto il primo film di Jack Reacher, che mi aveva parecchio incuriosita. È il primo di Lee Child che leggo e mi ha lasciato un'ottima impressione. Reacher sembra uno Sherlock Holmes moderno, perché sfrutta le sue conoscenze per analizzare ogni singolo elemento di luoghi e persone, e grazie alla narrazione in prima persona il lettore è direttamente e immediatamente informato delle sue deduzioni.

  • User Icon

    Luca

    22/03/2015 16.11.01

    Il romanzo parte bene, col botto. Poi, però, rallenta. Nella parte centrale rischia di diventare troppo lento e noioso. Il protagonista gira in tondo alla ricerca di informazioni, per giunta braccato da tutti, senza appassionare. Le ultime pagine riprendono vigore e la narrazione torna ad essere avvincente. Troppo Hollywoodiano l'epilogo. Gettare le armi per affrontarsi in un corpo a corpo è tipico di un filmetto di quart'ordine.

  • User Icon

    Mauro

    31/07/2013 21.03.31

    Carino ma non eccezionale. Forse mi aspettavo troppo da Child

  • User Icon

    ipnosi

    07/06/2012 12.50.46

    Una delusione! Amo quest'autore ed il suo personaggio - il mitico Jack Reacher - ma questo libro è stato, a mio avviso, il peggiore tra quelli scritti da Child, anzi direi l'unico veramente modesto perchè tutti gli altri sono valutabili da buoni ad ottimi, ad eccellenti. Ho già acquistato il libro successivo "L'ora decisiva", che devo ancora leggere, e mi auguro che non sia la conferma che la "vena" di Child si sia esaurita ma piuttosto la testimonianza che "I dodici segni" sia solo un incidente di percorso. Dò come voto 2/5: 1 per rispetto a Child ed 1 per rispetto a Reacher.

  • User Icon

    max

    20/05/2012 19.52.14

    Ho letto tutti i romanzi di Child e questo sicuramente é tra i meno riusciti! inizio molto promettente poi diventa noioso...peccato l'idea era buona!

  • User Icon

    laura

    27/02/2012 12.54.49

    Ho letto altri libri di Child, finora questo è quello che mi è piaciuto meno. La storia mi è parsa macchinosa e un po' lenta. Forse solo nel finale si è "ravvivata" un po'. Ho trovato noiose molte descrizioni degli armamenti, che ho saltato a pie' pari. Comunque, a prescindere dai casi in cui è coinvolto, Reacher resta sempre il migliore!

  • User Icon

    Andy

    05/12/2011 09.08.31

    E' il primo libro che leggo di questo scrittore e devo dire che mi è piaciuto. Forse a volte un pò inverosimile, ma fa parte del gioco.... Il protagonista sicuramente è molto carismatico.

  • User Icon

    giorgio65

    31/07/2011 19.41.20

    Reacher è una garanzia. Questa volta oltre al giallo c'è anche intrigo internazionale, un po' complicato ma comunque capibile.

  • User Icon

    il trotaiolo

    10/05/2011 22.45.31

    Con la premessa che ho letti tutti i libri di Lee Child, il mio voto su quest'ultimo è tre su cinque. Se non avessi letto altre storie del mitico Reacher allora sarei salito con il voto: ho ritrovato tutte le caratteristiche che mi piacciono di più dei suoi libri, ma ho trovato la storia francamente un pò troppo contorta, difficile. Lo consiglio comunque a tutti gli estimatori, ma per gli altri forse è meglio partire da "La vittima designata" oppure "Il nemico"

  • User Icon

    cristina

    09/05/2011 16.38.56

    avevo già letto altri libri di lee child, questo mi ha un po' deluso.... la trama non è male, ma il finale esagerato e inverosimile fa abbassare il voto. comunque scorrevole.

  • User Icon

    Maurizio

    21/04/2011 21.20.03

    Tra il 2 e il 3. Mezzo punto per Reacher, che come personaggio è sempre una garanzia, ma la storia zoppica alquanto, con una trama confusa e improbabile che stranamente dedica ampio spazio agli aspetti bellici (da insolite citazioni alle armi, al punto da sfiorare lo spot pubblicitario fino ad un finale fuoco e fiamme altamente sopra le righe) che stonano ulteriormente considerata anche la qualifica poliziesca, non da ex berretto verde, del protagonista. Alla fine, se apprezzate Child è un libro discreto. Se non lo avete mai letto è uno di quei romanzi che non vi spingono a correre ad acquistarne gli altri.

  • User Icon

    Alberto Longo

    13/04/2011 13.20.00

    Senz'altro la miglior spy story letta quest'anno.Credibile,amara e che ci da un ritratto veritiero degli USA oggi.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione