Domande, risposte, domande. Autobiografia di uno scienziato marxista

Robert Havemann

Traduttore: G. Panzieri Saija
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 1971
Pagine: 243 p.
  • EAN: 9788806322434

€ 7,90

€ 9,30

Risparmi € 1,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Il libro in cui il grande «eretico» tedesco, autore di «Dialettica senza dogma», prosegue la sua battaglia contro le interpretazioni rigide e scolastiche del marxismo: un documento di coraggio intellettuale, una appassionata proposta per un «socialismo dal volto umano».
Nell'inverno 1963-64 alla Università Humboldt di Berlino Est piú di mille studenti affollano le lezioni di chimica fisica di Robert Havemann sul tema «Aspetti scientifico-naturali di problemi filosofici». Havemann si oppone ad un marxismo scolasticamente rigido che sotterra il socialismo nella stessa fossa dello stalinismo. Le dispense circolano in fogli ciclostilati per le scuole e le università della Repubblica Democratica Tedesca. Il partito chiede spiegazioni, ma Havemann, scienziato ormai affermato, comunista dal '32, condannato a morte sotto Hitler, deputato alla Camera popolare della RDT, non ritira le sue affermazioni. In interviste con giornali occidentali egli ritorna a chiedere il rinnovamento del socialismo, poiché «si deve operare in maniera aperta e legale se si vuole, come comunisti, lottare politicamente nel proprio Stato». Perde la cattedra, la sua appartenenza al partito e all' Accademia delle Scienze. Si ritrova disoccupato. La polizia lo sottopone a un pesante interrogatorio, tre volte per otto ore di seguito e una volta per due ore.Nel suo racconto delle fasi dell'interrogatorio Havemann ricostruisce l'iter tormentato delle proprie esperienze, dal penitenziario hitleriano fino all'ufficio ove si svolge l'istruttoria del Servizio di sicurezza della RDT. Riaffiorano i momenti della storia piú recente: la resistenza di operai ed intellettuali a Hitler, pagata con la tortura e la morte; la protesta contro l'armamento atomico con conseguenze particolarmente gravi per questo scienziato che viene esonerato dalla sua carica dagli americani; i faticosi inizi della RDT come Stato; le discussioni ideologiche in vista di un socialismo piú libero; la primavera praghese; i moti spontanei di protesta e l'ondata di processi dopo l'intervento del 21 agosto '68.La figura di Havemann è ben nota ai lettori italiani: il suo Dialettica senza dogma, dedicato al rapporto tra marxismo e scienze naturali, ebbe ampia eco anche da noi. Questo volume ne approfondisce i temi, confermando le migliori qualità del suo autore: la vivacità intellettuale, il coraggio e la fermezza della polemica contro l'immobilismo burocratico e i condizionamenti politici della ricerca scientifica, l'appassionata fiducia nella costruzione di un socialismo dal volto umano.