Categorie

Brunella Schisa

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2006
Pagine: 233 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811685661

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudia

    10/05/2014 19.10.51

    Amo il romanzo storico ma non quando tratta del mondo dei pittori. Ho iniziato questo libro poco convinta del risultato finale. Ho dovuto ricredremi. Che storia d'amore romantica! Berthe posa per ore o ore immobile con gli occhi fissi su Manet, cercando di carpirne la tecnica e lo sguardo. Una storia d'altri tempi dalla quale non riesci a staccarti. Brava Brunella Schisa! Scrivi molto bene!

  • User Icon

    Motoskipho

    09/01/2008 14.28.32

    Questo libro mi ha lasciato con sentimenti contrastanti. Da un lato è affascinante per come ricrea la persona (personaggio?) di Berthe Morisot e il suo ambiente, dall'altro ho trovato la conduzione della storia un po' zoppicante, con molte parti descrittive ma poca psicologia. Ad esempio non si capisce bene come e quando nasce il sentimento per Manet, ad un certo punto scopriamo che Berthe è perdutamente innamorata. E sappiamo anche molto poco dei moti interiori di Manet e di suo fratello. Berthe rifiuta l'amore di Eugène ma alla fine nell'epilogo scopriamo in due righe che poi lo ha sposato. Sappiamo anche molto poco sulla concezione artistica della Morisot. Insomma troppe ellissi, troppo non detto, troppi vuoti. E' vero che è pur sempre un romanzo storico, per di più focalizzato su una parte della vita della pittrice, e quindi certe informazione potranno essere reperite altrove. Ma un "romanzo" è sempre e comunque un universo a se stante e dovrebbe essere perfettamente autosufficiente. Qui è come essere a metà strada tra romanzo e biografia senza che nessuna di queste due anime prenda veramente corpo. Peccato.

  • User Icon

    alberto altamura

    30/12/2007 14.44.32

    gran bel libro questo di brunella schisa : colto, intelligente, agréable. l'ambiente storico-culturale è ben rappresentato, i personaggi indagati con profondità psicologica, la scrittura vivace ed accattivante. insomma, un modo nuovo di accostarsi al mondo dell'arte e di gustare nello specifico il travaglio culturale e gli affetti e la passione di due protagonisti della stagione più intrigante e coinvolgente della storia dell'arte europea. certo, quella della schisa è un'avvincente ipotesi circa la liaison fra Manet e Morisot, ma sul piano storico fu veramente così? i documenti al riguardo sono avari (per quel che io sappia), ma la penna e il cuore di brunella sono stati prodighi...

  • User Icon

    Barbara

    28/06/2007 23.39.24

    Bellissimo libro, a mio parere. Un libro che permette, in poche pagine, di avere un quadro dettagliato di un momento storico e artistico della Parigi della seconda metà dell'800. Berthe e Manet, due personaggi intriganti: appassionano, fanno sì che il fiato resti sospeso per pagine e pagine, e che l'attesa cresca, per poi essere ripagata. Un bel lubro, che si legge con molta facilità e che non ti fa venir voglia di spegnere la lampada del comodino.

  • User Icon

    claudio arzani (arzy)

    21/03/2007 02.13.33

    Votata ad un destino da zitella. Così almeno pensava Berthe Morisot, fascinosa trentenne dedita all’arte del dipinto, olio su tela ed acquarello le tecniche privilegiate. Ma ecco: sulla porta di casa Morisot, complice un amico di famiglia, si presenta nientemeno che Edouard Manet, l’artista più insultato, più denigrato di tutta Parigi. Non troppo alto, fronte larga, naso dritto, sguardo malizioso con un’ombra cupa che alcune donne trovavano malinconica. Sposato con la grassa Suzanne, ma donnaiolo impenitente. Orgoglioso d’essere dannato! Dannato ma, quando si tratta delle scelte d’arte, testardo come un mulo, il nostro Manet. Nulla lascerà di intentato pur d’ottenere l’assenso di Berthe a diventare modella per quadri che saranno di volta in volta sempre più avvolti nel fuoco d’una irrefrenabile inconfessata passione. Amore negato, amore impedito, ma si fermerà l’onda irruenta della passione?

  • User Icon

    FEDERICA

    17/11/2006 12.52.31

    L'ambientazione è descritta molto bene anche se a volte in modo fin troppo dettagliato. Alcuni personaggi sono "flat" alla Dickens, non hanno una tridimensione psicologica: Berthe, al contrario è descritta con passione e risulta vera. Putroppo il libro non "decolla", pagina dopo pagina si spera di trovare il climax, il momento clou, come ad esempio nella "ragazza con l'orecchino di perle", ma non è così. Carino. ma nulla di più

  • User Icon

    Newe

    15/11/2006 16.51.13

    Berthe Morisot è un personaggio davvero affascinante! Il libro è ben scritto, scorrevole e per nulla scontato. Consigliato a tutti, in particolare a chi ha voglia di conoscere questi artisti da una prospettiva più intima.

  • User Icon

    Maria Pamela

    21/10/2006 15.58.36

    Che posso dire? Bello. Mi è piaciuto molto, e ho visto sotto un'altra luce, quasi familiare, artisti che ho conosciuto solo sui libri d'arte. Mi sono affezionata ai personaggi, e ho visto in Berthe una grande forza, e una grande crescita interiore nel corso del libro. Forse il ritratto più bello che le abbiano mai fatto, l'ha fatto proprio Brunella Schisa! Bravissima.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione