Dormiremo da vecchi

Pino Corrias

Editore: Chiarelettere
Collana: Narrazioni
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 1 ottobre 2015
Pagine: 252 p., Brossura
  • EAN: 9788861907911
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,12
Descrizione
Vincitore del premio Ultima Frontiera “Carlo Cassola” 2016 della città di Volterra

Da questo libro il film prodotto dalla Casanova di Luca Barbareschi


«Una feroce commedia all’italiana, alla Age e Scarpelli dei momenti migliori, rivisitata con intelligenza, sul filo del rasoio di una tensione sarcastica. La vera faccia della Grande bellezza.»Goffredo Fofi

Oscar Martello, il produttore della Incudine Film, viene dalla strada e ha scalato il Supermondo sino in cima. Ha la faccia da bandito scavata dall'insonnia. Vive di corsa, pensa di corsa. Per salvare il suo film ha un piano. Per salvarsi da Roma no. Andrea Serrano, il suo migliore amico, sceneggia amori e omicidi per vivere. Sa come trasformarli in cibo per gli spettatori. Conosce i tre tempi del cinema, ma ha imparato che nulla vale quello luminoso dell'intervallo. Jacaranda Rizzi è l'attrice. Ha gli occhi color miele e un vuoto da riempire. Il vuoto è il suo segreto che da molti anni la tormenta. Vorrebbe un destino da governare e ha una vendetta da compiere. Ma non ha un posto al mondo dove guarire. Radiografia della nuova dolce vita romana, più amara di sempre. Cronaca di un'amicizia avvelenata dal tradimento. Di un amore che diventa cinema. Di costose solitudini senza rimedio. Di personaggi senza scampo. Il Tevere che sempre scorre è la didascalia che li accompagna.

€ 10,14

€ 16,90

Risparmi € 6,76 (40%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    cesare

    06/12/2015 09:39:38

    74. Dormiremo da vecchi ** di Pino Corrias. La resistibile ascesa di un carrierista per diventare un grande produttore di film senza scrupoli, disposto ad uccidere per fare successo, donne trattate come oggetto, una bryttussuma imitazione del grande film La grande bellezza che qui viene chiamata la Dolceroma. Una scrittura che ti fa sentire sporco solo leggendolo. Pagg. 249 dic.2015

Scrivi una recensione