Down on the Upside - CD Audio di Soundgarden

Down on the Upside

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Soundgarden
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: A&M
Data di pubblicazione: 10 maggio 1996
  • EAN: 0731454052627
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 10,50

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 8,20 €)

Disco 1
1
Pretty Noose
2
Rhinosaur
3
Zero Chance
4
Dusty
5
Ty Cobb
6
Blow Up The Outside World
7
Burden In My Hand
8
Never Named
9
Applebite
10
Never The Machine Forever
11
Tighter & Tighter
12
No Attention
13
Switch Opens
14
Overfloater
15
An Unkind
16
Boot Camp
4,67
di 5
Totale 3
5
2
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giancarlo M.

    24/09/2019 00:20:56

    Trascorrono soltanto due anni fra il precedente lavoro dei Soundgarden, Superunknown (1994), e questo Down on the upside (1996), ma il sound della band di Seattle pare essersi in qualche modo ammorbidito, pur non essendosi piegato del tutto alle logiche del music business. Le chitarre ancora abbondano, il cantato prepotente di Chris Cornell la fa da padrone in brani come No attention, Burden in my hand e Rhinosaur e i ritmi furibondi di pezzi come Ty cobb o Never the machine forever negano drasticamente qualsiasi possibilità di conversione al pop più smaccatamente radiofonico; eppure i Soundgarden sembrano comunque aver fatto un passo indietro rispetto a certi eccessi in odore di metal che nel passato ne caratterizzavano la cifra stilistica. Una canzone come Blow up the outside world, ad esempio, è stata la giusta scelta come singolo, con la sua vellutata, avvolgente strofa che lancia un ritornello dalla melodia indimenticabile; allo stesso modo va riconosciuto il potenziale commerciale di Pretty noose, traccia di apertura e azzeccatissimo primo singolo. Nemmeno gli episodi definibili minori del cd, come Applebite o An unkind, deludono, in una scaletta folta di titoli, di idee sonore e di arrangiamenti complessi come ai Soundgarden piace architettare; una nota di merito infine va spesa per l'elegante solennità di Boot camp, ultimo titolo in scaletta, chiusura eccellente di un ottimo album.

  • User Icon

    paul

    30/10/2018 16:07:59

    Canto del cigno della band di Seattle: dopo quest'album si prenderanno una "pausa" di 16 anni. Il più psichedelico e ipnotico della loro discografia, il sound si è ammorbidito ma è comunque interessante, le composizioni sono le più articolate e complesse di sempre, i tempi dispari e composti compaiono un po' ovunque. Da avere assolutamente.

  • User Icon

    Rizzatin

    05/06/2006 15:24:37

    Ultimo album della band, inferiore al precedente ma comunque di buon impatto. Canzoni come Pretty Noose, Ty Cobb e Boot Camp meritano da sole per l'acquisto.

Note legali