Dubliners - James Joyce - cover

Dubliners

James Joyce

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Wordsworth Classics
Anno: 1992
Rilegatura: Paperback / softback
Pagine: 192 p.
Testo in English
Dimensioni: 198 x 129 mm
Peso: 125 gr.
  • EAN: 9781853260483
Salvato in 43 liste dei desideri

€ 2,83

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Introduction and Notes by Laurence Davies, Dartmouth College, New Hampshire. Living overseas but writing, always, about his native city, Joyce made Dublin unforgettable. The stories in Dubliners show us truants, seducers, gossips, rally-drivers, generous hostesses, corrupt politicians, failing priests, amateur theologians, struggling musicians, moony adolescents, victims of domestic brutishness, sentimental aunts and poets, patriots earnest or cynical, and people striving to get by. In every sense an international figure, Joyce was faithful to his own country by seeing it unflinchingly and challenging every precedent and piety in Irish literature.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandra

    05/06/2019 14:05:42

    Per gli amanti di Joyce questo libro è un must. Dubliners raccoglie racconti, appunto, degli abitanti di Dublino, che Joyce vede come immobili ed incapaci di cambiare. Lo stile è quello dello “stream of consciousness”, ovvero del flusso di coscienza, ma non ancora così estremizzato come invece è in “Ulisse”. Questi racconti offrono una perfetta panoramica della società irlandese al tempo dell’autore.

  • User Icon

    Ari

    23/09/2018 15:01:49

    personalmente non ho gradito i temi che ha trattato, soprattutto per il modo in cui li ha trattati.... però è una questione di punti di vista... da leggere non quando si è piccoli ma quando si è abbastanza consapevoli di certi argomenti delicati come omosessualità, prostituzione, ecc.

  • James Joyce Cover

    James era il primogenito di una numerosa famiglia della buona società irlandese, di forte tradizione cattolica e nazionalista che lo iscrisse nei migliori collegi cattolici della città. Poi le condizioni della famiglia andarono peggiorando, fino ad arrivare a uno stato di assoluta povertà dopo la morte della madre (1903). L’educazione gesuitica influenzò la sua formazione, tanto da provocare in lui una temporanea vocazione sacerdotale, presto abbandonata. Dopo la pubblicazione dei primi lavori letterari, ancora all’università, conobbe Yeats ed ebbe uno scambio epistolare con Ibsen. Dopo la laurea, spinto dal vago proposito di studiare medicina alla Sorbona, trascorse un breve periodo a Parigi, dove approfondì anche le sue nozioni di scienze... Approfondisci
Note legali