Categorie
Traduttore: M. Bodini, R. Nerito
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2012
Pagine: 750 p. , Brossura
  • EAN: 9788806200800
Disponibile anche in altri formati oppure usato:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    augusta

    02/08/2015 22.45.28

    Il libro è molto bello e coinvolgente, non do' il massimo dei voti perché all'inizio, strutturalmente parlando, l'ho trovato difficile, si passa da discorsi diretti a discorsi indiretti da una riga all'altra, cambi di soggetto repentini confondono non poco ma dopo un pò ci si abitua e si entra nella storia. Anche se avrei preferito un altro finale e' un libro che consiglio, non mi stupirei se ne traessero spunto per un film

  • User Icon

    Maurizio Crispi

    23/11/2013 20.17.27

    Un po' inferiore a "Tre secondi", ma caratterizzato da uno stile simile, molto di mestiere, credibile, ma forse non verosimile (qualcuno ha commentato che, leggendo i cosiddetti "giallisti" scandinavi, ci si fa l'idea di una Scandinavia che non esiste e dove si verificano di continuo efferati delitti). Qui, compaiono alcuni dei personaggi della storia precedente forgiata dalla coppia di scrittori, ma la situazione è diversa (e, in parte, simile). Infatti, una parte del romanzo è ambientato in una struttura carceraria svedese, mentre il resto della narrazione è incentrato su di una sanguinosa fuga dalla detenzione d'un gruppo di adolescenti che hanno deciso di agire "contro" e di andare all'arrembaggio del vertice ambito delle bande giovanili. In sostanza, il motivo conduttore è quello delle bande giovanili e dei meccanismi dinamici relazionali che vigono al loro interno, ma anche tra di esse e gli interlocutori istituzionali. Nello stesso tempo, vi si parla del meccanismo di cooptazione dei collaboratori di giustizia, come unico strumento per debellare veramente l'organizzazione di queste bande giovanili, dove puri e semplici balordi, si trasformano sempre di più in delinquenti strutturati e pericolosi. Vi è una riflessione, infine, sul fatto che per distruggere alcuni organismi deviati, bisognerebbe andare alla radice e cancellare del pari l'ambiente che ne ha favorito la crescita: anche se questa non sarà mai una soluzione valida per il lungo termine. Gli errori dei padri ricadono sui figli e, in un cero senso, i figli sono costretti ad espiare compiendo lo stesso percorso compiuto dai loro genitori. Non c'è un riscatto possibile: questa sembra essere la pessimistica conclusione. Il romanzo - devo ammettere - si legge faticosamente: costruito in maniera ostica, si presenta con continui cambi di scenario e personaggi che lo rendono frammentato, anche perché il soggetto al centro della narrazione cambia di continuo. Ma, nello stesso tempo, si fa leggere.

  • User Icon

    Dario F.

    13/10/2013 19.48.18

    Questo libro è davvero noioso, prolisso all'inverosimile, deludente, ripetitivo. E' stato davvero faticoso arrivare alla fine del romanzo. A dire il vero, ho saltato delle sezioni perché altrimenti non sarei proprio riuscito a sopportarne la lettura. I dialoghi sono insulsi, i personaggi sono mal caratterizzati, ci sono troppe descrizioni inutili. Lo stile narrativo non stimola alla lettura, anzi!, il contrario. Avete presente quando iniziate a leggere un romanzo e già dopo le prime pagine siete sempre più invogliate a proseguirne la lettura (ad es. con libri di Michael Connelly, Lee Child, ecc.), beh, questo libro è proprio l'opposto. Non ne consiglio la lettura.

  • User Icon

    Federica

    29/05/2013 00.00.08

    Bellissima la prima parte. Noioso, ripetitivo e scocciante dalla parte in cui è comparso Evert Grens. tolto tutto ciò che riguarda lui... SPETTACOLAREEEEE!!!!!!!!!!

  • User Icon

    AndreaSereSara

    28/03/2013 12.36.35

    Non mi trovo d'accordo con alcune delle recensioni precendenti.Premetto che non ho letto "tre secondi" e quindi non so dire se sia migliore o peggiore di questo libro.Però posso dire che secondo me "Due soldati" è invece molto bello. Ammetto che dopo le prime 100 pagine, dove avevo veramente fatto fatica a capire alcuni dialoghi e situazioni, stavo per abbandonare la lettura.Ma per fortuna ho proseguito.750 pagine sono sicuramente tante, ma l'ho trovato via via più scorrevole e invitante. E neppure scontato.A me è piaciuto.E proverò a recuperare anche il precedente libro degli autori.

  • User Icon

    Vittoria

    11/03/2013 17.36.26

    Concordo pienamente con Roberto e Francesco. Mai letto nulla di peggiore. Non si capiscono i dialoghi, la trama... i personaggi. Linguaggio difficile da comprendere. Anni luce da "tre secondi". Delusione massima e 22,00 Euro sprecati

  • User Icon

    roberto

    22/02/2013 17.22.26

    sono arrivato a pagina 395 con grande sforzo....noioso ripetitivo all'inverosimile...scritto in modo...astruso. originalità è un'altra cosa...lontano anni luce dal precedente.....mi auguro solo che cambi un po nell'ultima parte sennò sarò costretto ad arrendermi....

  • User Icon

    Francesco

    20/02/2013 18.44.33

    Mi era piaciuto molto il precedente libro "Tre secondi" ma questo sinceramente è deludentissimo. Un linguaggio aspro e spigoloso che non invoglia alla lettura. La storia non riesce a coinvolgere, i personaggi ti respingono. L'ho lasciato a metà.

  • User Icon

    dario

    17/12/2012 20.28.42

    Un libro meraviglioso, scritto in modo originale e bellssimo con una trama cruda ed avvincente. Lo consiglio

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione