Un ebreo marginale. Ripensare il Gesù storico. Vol. 2: Mentore, messaggio e miracoli.

John P. Meier

Traduttore: A. Nepi, L. Ferrari, E. Gatti
Curatore: F. Dalla Vecchia
Editore: Queriniana
Edizione: 3
Anno edizione: 2007
Pagine: 1344 p., Brossura
  • EAN: 9788839904201
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 84,58

€ 99,50

Risparmi € 14,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

85 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Melina Rulli

    20/05/2015 15:28:55

    Mi entusiasma

  • User Icon

    Diego Mauri

    18/02/2015 02:38:43

    Ottimo testo per comprendere i miracoli operati dal Gesù storico. Uno solo è il medico, corporeo (sarkikós) generato (gennetòs) nella carne, nella morte (en thanàto) nato da Maria (ek Marias) prima passibile (pathetòs) e spirituale (pneymatikòs) e ingenerato (agènnetos) Dio (en sarki genòmenos theòs), vita vera (zoè alathinè) e da Dio (ek theù) e poi impassibile (apathès) Gesù Cristo nostro Signore, luce che guarisce.

  • User Icon

    Franz

    10/02/2015 01:53:19

    Questo libro implica uno "scuotimento delle fondamenta" e sicuramente non è il facile prodotto di un "teologo da tavolino". Da rilevare che in alcuni punti l'opera si allontana dalla tradizionale dottrina cattolica, per questo motivo il sottotitolo "ripensare il Gesù storico" appare come un valido indizio per svelare l'arcano, anche se l'opera di John Paul Meier è, ormai, da molto tempo considerata imprescindibile nel mondo degli specialisti e appassionati della materia, come altresì l'opera di Bernard Tyrrell "Gesù luce che guarisce. Cristoterapia". Entrambi sono buoni conoscitori della psicologia e della psichiatria, oltre che filosofi e teologi di formazione gesuita ed allievi di Bernard Lonergan e di Karl Rahner.

  • User Icon

    Fabrizio Porro

    27/09/2012 04:12:04

    Alcuni tentativi per spiegare i miracoli di Gesù. L'abilità di Gesù:in questo caso Gesù sarebbe stato veramente troppo abile.Riuscire di prim'acchito ,sempre, all'aria aperta,in modo impreveduto, senza che nessuno sospettasse sul suo ciarlatanesimo odioso e riuscisse a prenderlo in fallo.Le forze occulte:esistono ed esistevano anche al tempo di Gesù.Egli le conosceva, ma non se ne servi'; non aveva il radium né l'apparecchio per l'elettrolisi.Non ha certo inventato il mezzo naturale per calmare la tempesta o la medicina per restituire la vita ai morti, come promette la scienza che vuole mettersi al posto dell'Onnipotente.La forza occulta dell'agire segue leggi generali e particolari, e non annulla le forze ben note.I miracoli si spiegano unicamente con l'Onnipotenza della Forza Divina che, se si vuole, era "occulta" e che in quegli istanti diventa manifesta.La fede che guarisce: non si può spiegare come la fede abbia potuto calmare una tempesta o moltiplicare i pani d'orzo. Inoltre, assieme a John P.Meier notiamo che la cura attraverso la suggestione clinica guarisce soltanto quello che ha fatto la suggestione morbida; la cura mediante la suggestione ha limiti molto angusti; quanto tempo richiede ! E quanti insuccessi va incontro e quante ricadute non è in grado di prevenire! Se la fede naturale facilita la guarigione di certe malattie, non ha nulla in comune con la fede religiosa che Gesù stesso richiedeva dai suoi malati o dai loro amici.Il meraviglioso diabolico: Gesù lottava contro satana e per D-o, non cercava né di evitare sofferenze, né di attirare gli sguardi, né d' abbagliare i suoi nemici.I miracoli di Gesù sono l'immagine stessa,il simbolo vivente della sua opera spirituale che è bella e nettamente divina, e i miracoli hanno questa bellezza e questo carattere divino perché Gesù ha vinto il peccato. I miracoli di Gesù sono parte integrante di racconti degni di fede, sono evidentemente connessi con la missione e la testimonianza del Salvatore per eccellenza

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione