-15%
E l'eco rispose - Khaled Hosseini - copertina

E l'eco rispose

Khaled Hosseini

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Isabella Vaj
Editore: Piemme
Collana: I miti
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 luglio 2018
Pagine: 480 p., Brossura
  • EAN: 9788856667127
Salvato in 25 liste dei desideri

€ 6,72

€ 7,90
(-15%)

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

E l'eco rispose

Khaled Hosseini

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


E l'eco rispose

Khaled Hosseini

€ 7,90

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

E l'eco rispose

Khaled Hosseini

€ 7,90

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sulla strada che dal piccolo villaggio di Shadbagh porta a Kabul, viaggiano un padre e due bambini. Sono a piedi e il loro unico mezzo di trasporto è un carretto rosso, su cui Sabur, il padre, ha caricato la figlia di tre anni, Pari. Sabur ha cercato in molti modi di rimandare a casa il figlio, Abdullah, senza riuscirci. Il legame tra i due fratelli è troppo forte perché il ragazzino si lasci scoraggiare. Ha deciso che li accompagnerà a Kabul e niente potrà fargli cambiare idea, anche perché c'è qualcosa che lo turba in quel viaggio, qualcosa di non detto e di vagamente minaccioso di cui non sa darsi ragione. Ciò che avviene al loro arrivo è una lacerazione che segnerà le loro vite per sempre. Attraverso generazioni e continenti, in un percorso che ci porta da Kabul a Parigi, da San Francisco all'isola greca di Tinos, Khaled Hosseini esplora con grande profondità i molti modi in cui le persone amano, si feriscono, si tradiscono e si sacrificano l'una per l'altra. Seguendo i suoi personaggi e le ramificazioni delle loro vite e delle loro scelte, la storia si snoda in un quadro sempre più ampio e carico di emozioni da cui il lettore resta totalmente catturato. Un grande romanzo che si inserisce perfettamente nel solco già tracciato dai suoi romanzi precedenti, Il cacciatore di aquiloni e Mille splendidi soli.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,05
di 5
Totale 183
5
33
4
35
3
47
2
49
1
19
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Federica

    05/01/2019 22:00:46

    Romanzo intenso, scrittura molto coinvolgente. Personaggi descritti in modo molto profondo, molte storie che si intrecciano. Più complesso dei romanzi precedenti dell'autore, ma sicuramente è uno di quei romanzi che vale davvero la pena leggere. Nonostante il finale forse non sia stato come mi.aspettavo, mi ha commosso ed emozionato.

  • User Icon

    Carmen

    12/12/2018 08:47:17

    Khaled hosseini non si smentisce mai.come gli altri due capolavori,anche quest ultimo romanzo é ambientato in afganistan,anch esso con una storia molto toccante e triste,parla di un legame molto forte quello tra due fratelli.consigliatissimo questo libro e anche le altre opere!!!

  • User Icon

    Emanuele Antonio

    20/10/2018 17:09:25

    Che romanzo mi ha coinvolto sin dalla prima pagina,molto realistico nella descrizione degli eventi consigliato. Che dire Hosseini una garanzia

  • User Icon

    Diletta

    12/10/2018 20:49:11

    è il terzo libro che leggo di tale autore e conferma libro dopo libro la sua incredibile bravura nel coinvolgere il lettore nelle sue splendide storie

  • User Icon

    Melanie

    22/09/2018 01:12:36

    Hosseini conferma anche in questo libro le sue capacità e l'originalità alla base di ogni sua storia, pur non riuscendo tuttavia a uguagliare, a mio avviso, il capolavoro rappresentato da "Mille splendidi soli". Una storia avvincente che riporta le vicende di più personaggi a più riprese, creando un intreccio interessante e suo modo armonico, ma che richiede una lettura attenta e concentrata per non perdere il filo. Uno stile sublime, descrizioni dettagliati e finestre introspettive assai interessanti. Alcuni personaggi risultano essere più studiati e profondi di altri. Forti spunti riflessivi. Consigliato.

  • User Icon

    lory

    21/09/2018 12:43:47

    Il terzo avvincente romanzo di questo autore, che mentre narra con estrema maestria le tortuose vie del cuore degli uomini, in ogni sua opera ci concede il lusso di apprendere qualcosa di più sulla storia del popolo afghano e della sua società, tanto poco conosciuta quanto fondamentale nella storia degli ultimi decenni dell'Occidente. Come negli altri due suoi romanzi, la storia si dipana a partire da un evento certamente tragico eppure apparentemente trascurabile per i più. La sua abilità invece sta nel mostrare al lettore con estrema chiarezza, dandogli l'impressione di essere sempre presente lungo tutta la storia che si snoda lungo un itinerario di avvenimenti ed emozioni di cinquant'anni, dall'Afghanistan alla California, come le emozioni e i sentimenti forgino le vite nostre e di chi ci sta vicino. Ciò che per me rende davvero prezioso il libro, e il saper mostrare come anche i momenti di dolore più incomprensibile, lo smarrimento che talvolta coglie gli uomini e le donne nei momenti più impensati, la desolazione senza fine. Indubbiamente un'ottima lettura.

  • User Icon

    Arianna

    21/09/2018 12:06:52

    Sono stupita nel vedere che questo libro abbia valutazioni così basse, che ovviamente io non condivido. Forse a causa della sua struttura narrativa particolare? Che invece a mio avviso è semplicemente geniale. Il tutto infatti si snoda da una grande storia, che si dirama in tanti fili narrativi diversi, con altrettante storie e personaggi, tutti collegati da una parentela, più o meno marcata, o da un luogo, un incontro; pur spaziando da Parigi all'America, fino ad arrivare in Grecia, l'Afghanistan resta l'epicentro focale di tutti gli avvenimenti narrati. Personalmente ho trovato tutte le storie interessanti, incluse quelle legate tra loro da fili ancor più sottili rispetto agli altri (quella di Markos o di Adel e Gholam, anzi, questi sono stati tra i capitoli che ho divorato più voracemente). A mio avviso si riconferma la grandissima sensibilità e acume di Hosseini, la sua bravura nel narrare (aiutata da una traduzione fatta molto bene in italiano) e la sua rara capacità non solo di coinvolgermi completamente, di farmi commuovere e indignare, ma anche di farmi piangere. Non vedo l'ora che esca un'altra delle sue opere, sono sicura che la custodirò gelosamente nel cuore, come è accaduto con queste tre.

  • User Icon

    Rossella

    19/09/2018 17:15:38

    Tante storie che si susseguono una nell'altra , diverse e lontane nel tempo , vicine e simili per intensità e amore, tutte unite da un legame indissolubile tra due fratelli . Un altro capolavoro dalla penna di Hosseini.

  • User Icon

    ezio

    23/02/2018 21:09:34

    Questo romanzo lo definirei un grande mosaico, le cui tessere ci regalano una storia monumentale che ci parla di bambini e di adulti, di genitori e di figli, di fratelli e sorelle, di amicizia e di amore, di guerra e di pietà. L'Autore riesce a farci viaggiare nel tempo e nello spazio utilizzando il mezzo di trasporto più incredibile che ci sia: l'animo umano.

  • User Icon

    Felly66

    07/02/2017 09:01:12

    Non posso dire che non mi sia piaciuto ma non posso neanche dire che mi abbia entusiasmato e tenuta incollata alla lettura ... soprattutto dopo aver letto i suoi precedenti "capolavori". L'unico parere che mi sento di esprimere è che l'ho trovato "emotivamente impegnativo". Ovviamente la mia è una sensazione puramente personale, un modo intimo con cui ho vissuto e immaginato la storia, a prescindere dalla bellezza del racconto.

  • User Icon

    Trixter

    18/03/2016 12:25:51

    Non ritengo abbia alcun senso paragonare questo romanzo ai precedenti dello stesso autore. Il libro va giudicato come opera a se stante. Hosseini è un ottimo narratore, non c'è alcun dubbio: dimostra, ancora una volta, di possedere una penna morbida, suadente, affascinante che, pagina dopo pagina, mostra di saper usare con dovizia ed enorme capacità. La lettura, però, dopo un inizio semplicemente magnifico, si rivelerà pesante e poco emozionante, non tanto per la forma (superba) quanto per il contenuto, appunto povero di emozioni e colmo di vicende a se stanti e, a tratti, quasi inutili nell'economia della narrazione. Confesso di averlo terminato solo per il piacere di una lettura così elegante (grazie anche all'ottima traduzione), ma non certo perchè coinvolto in una (lunga) vicenda che, ahimè, non regala sussulti nè turbamenti emotivi.

  • User Icon

    Sara87

    06/09/2015 22:51:58

    La capacitâ narrativa dell'autore è innegabile, ma l'intreccio di personaggi, storie e drammi che si dilatano in un susseguirsi continuo di flashback , alla lunga sfianca il lettore, lo confonde e quasi lo costringe a dover annotare la lunga sequela di legami di parentela e nomi che costellano il romanzo. Come su di una giostra in perenne movimento, la musica cambia improvvisamente e il lettore barcolla ubriaco. Con i suoi continui cambi di registro, agonizzanti ci si sente spinti a gettare con forza il libro in un gesto di estrema liberazione. L'autore gioca magistralmente con l'emozione in modo volutamente straziante per giungere ad un epilogo di doverosa e forzata prostanza del lettore al quale viene strappato l'applauso di ringraziamento nei confronti dell'autore, il Messia, che ci depura le coscienze offuscate da schermi di smarthphone e peccaminosa superficialità. La solita storia, Afghanistan, la guerra, bambini con storie tragiche alle spalle, ci si chiede quante volte Hosseini possa riscaldare la stessa minestra, alla terza prova sta giá raschiando il fondo. Il racconto è scritto tutto d'un fiato, il ritmo è a tratti lento ma serrato, con rari divisioni in capitoli, ció costringe il lettore al doversi inoltrare nella storia senza prendere aria, in apnea si scivola nelle vite di ogni personaggio come vivi fantasmi, osservatori inermi che assistono allo scorrere delle vicende in preda a alternanti momenti di raptus di auto strangolamento. Il termine del libro è per i caparbi, l'abbandono per i coscienziosi con una buona dose di amor proprio.

  • User Icon

    Julia

    25/01/2015 17:47:15

    Senz'altro un bel libro, ma l'intreccio di trame e personaggi è un po' eccessivo;il finale poi spegne una speranza alimentata per tutto il romanzo e lascia l'amaro in bocca. Pur consigliabile, non regge il confronto coi due precedenti romanzi di Hosseini. Non male.

  • User Icon

    Ylenia

    25/01/2015 17:34:10

    Un libro eccezionale, uno dei più belli mai letti. Meno drammatico dei primi due romanzi dello scrittore ma non per questo meno profondo. Un libro da leggere tutto d'un fiato, un libro che porta a pensare, a riflettere sulla vita, sulle dinamiche che percorrono l'esistenza umana. Un intreccio scorrevole di episodi e persone, vite in divenire. Amore fraterno, famiglia, amicizia, amore, uomini e donne imperfetti, sensi di colpa, vite che potevano essere diverse o forse no. Occidente. Paesi arabi. Ricchezza e povertà. Amarsi. Tradirsi. La memoria come meccanismo determinante dell'esistenza umana. L'ho letto in 3 giorni, non riuscivo a smettere, volevo sapere tutto di qui personaggi a cui mi ero affezionata. A proposito di personaggi, sono davvero tanti, tantissimi ma tutto scorre in modo naturale, senza troppe forzature. Ho letto qualche commento negativo su questo aspetto, io non ho avuto la minima difficoltà nel ricordare i tanti nomi perchè, come dicevo, ho divorato il libro in poco tempo. Non è uno di quei romanzi da leggere poco per volta, si rischierebbe di dimenticare il filo che lega tutto, è una sorta di puzzle legato ad una grande famiglia e ai personaggi che hanno sfiorato i membri della stessa famiglia. Cambia continuamente il punto di vista in modo eccellentemente calcolato. Lo scrittore, a mio avviso, si conferma eccezionale in questo suo terzo libro, i suoi romanzi sono quanto di più toccante, struggente ed emozionante possano leggere i nostri occhi e percepire i nostri cuori.

  • User Icon

    Bruna

    25/11/2014 12:04:58

    Rispetto ai due libri precedenti che ho trovato bellissimi questo mi ha un po' deluso, tropppe storie e troppi personaggi.

  • User Icon

    Oriana

    03/09/2014 16:52:27

    Non sono per niente d'accordo con le recensioni negative che ho letto. Libro sicuramente all'altezza dei precedenti, anche se Mille splendidi soli, per me, rimane il migliore. Bel romanzo, tanti personaggi, tante storie e storie nelle storie.

  • User Icon

    Daniele

    29/08/2014 14:35:52

    Hosseini si conferma scrittore molto capace, ma in questo libro mette nell'intreccio narrativo un numero troppo elevato di personaggi. L'intero capito del medico greco è a sè stante rispetto al resto del racconto e paradossalmente, anche se non lo si leggesse per nulla, il libro starebbe in piedi lo stesso. Il finale potrebbe essere commovente, ma l'autore ha fretta di finire e in poche righe chiude il romanzo. Nel complesso però è un libro da consigliare.

  • User Icon

    Giordano

    27/08/2014 13:13:56

    Mi dispiace dare una valutazione così poco alta ad un romanzo di Khaled Hosseini. Tuttavia, devo farlo per diversi fattori. Essendo un appassionato seguace della sua letteratura, dopo aver letto Il cacciatore di aquiloni e Mille splendidi soli mi sono dedicato del tempo per leggere l'ultima opera pubblicata, naturalmente E l'eco rispose. Ho avuto aspettative molto alte, forse troppo, per questo romanzo, tanto che devo ammettere mi abbia un po' deluso. Trama inizialmente coinvolgente - grazie alla quale mi affiorano alla mente le scorse letture - che decade tragicamente fino alla fine del romanzo in un confusionario rapporto tra fabula e intreccio. Ma non sono solo la successione degli eventi e la loro narrazione a confondere la lettura. Esse trovano l'ausilio nell'abbondanza di personaggi (a volte il troppo stroppia) e nell'insostenibile cambio di narratore con la conseguente modifica della focalizzazione. Mi ritrovo nel confronto con gli altri recensori delusi quando affermano di aver portato a termine a fatica il romanzo, poiché - a differenza dei primi due best-seller dell'autore - l'epilogo non è emozionante e tanto meno commovente, come invece mi sarei aspettato. Nonostante tutto, non si può negare la maestria di Hosseini, che resta un abile scrittore con un'impeccabile prosa!

  • User Icon

    Savi

    23/07/2014 11:41:25

    Il racconto cattura fin da subito e si viene facilmente coinvolti in quello che mi sembra l'argomento che Hosseini predilige: l'intreccio dei sentimenti tra persone legati tra loro da un vincolo di parentela. Poi, dall'ottavo capitolo in poi (Autunno 2010), ho continuato a leggerlo con fatica. Perchè quel lunghissimo capitolo su Markos, Odie, Thalia ecc.? Qual è il suo apporto al romanzo? Forse non ho capito bene io, ma mi è sembrata una lunghissima narrazione di vicende che sembrano girare a vuoto in cerca di una degna collocazione nel contesto del romanzo,un racconto 'a parte' (e l'accenno a Nabi di tanto in tanto mi sembrava pretestuoso). Bello l'incontro delle due Pari, ma, anche qui, mi è sembrato che qualcosa non funzionasse; forse il mancato riconoscimento della sorella da parte di Baba/Abdullah. Forse Hosseini lo riteneva troppo 'sentimentale'?

  • User Icon

    Olivia

    15/07/2014 11:50:00

    Hosseini ancora una volta ci trasporta nel suo Afghanistan, ma questa volta non attraverso un unico protagonista. Nel romanzo si intrecciano la vita di diverse famiglie, accomunate dalle loro origini afghane. Una storia dove l'amore per la famiglia fa agire in molti modi diversi. Vite costellate da momenti difficili, da personaggi forti, che non si abbattono. Con una narrazione ricca di poesia, ancora una volta Hosseini ci fa emozionare e ci fa conoscere ancora una volta un po' di questo Paese lontano. Per la prima volta, però, gli eventi si svolgono anche al di fuori del suo Paese d'origine e l'autore dimostra una buona conoscenza anche di questi luoghi. Un romanzo intenso ed emozionante.

Vedi tutte le 183 recensioni cliente
  • Khaled Hosseini Cover

    Scrittore e medico statunitense di origine afghana pashtun. Figlio di un diplomatico e di un’insegnante, è ultimo di cinque fratelli. Nel 1980, dopo l’invasione sovietica, la sua famiglia ha ottenuto l’asilo politico negli Stati Uniti e si è trasferita a San José, in California.Laureato in medicina all’università di San Diego, nel 2003 ha scritto il suo primo romanzo, Il cacciatore di aquiloni, diventato uno straordinario caso editoriale tradotto in più di trenta paesi. Nel 2006 è stato insignito del prestigioso UNHCR Humanitarian Award da parte dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati per l’impegno profuso a favore dei bambini rifugiati.  Nel 2007, ha pubblicato il libro intitolato... Approfondisci
Note legali