L' enigma dei tre omini

J. Franklin Bardin

Scrivi una recensione
Traduttore: T. Lord
Editore: Polillo
Collana: I bassotti
Edizione: 2
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 20 giugno 2003
Pagine: 233 p., Brossura
  • EAN: 9788881541737
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,12

€ 11,90
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Quantità:
LIBRO

€ 6,43

€ 11,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 11,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un giovane con un ibisco rosso fra i capelli si presenta nello studio di uno psichiatra e, alla domanda sul perché porti quel fiore, risponde che Joe gli ha detto di farlo. Chi è Joe? "Oh, è uno dei miei omini. Quello col vestito viola. Mi da dieci dollari al giorno per portare un fiore tra i capelli". E chi sono gli altri omini? "Harry, che porta sempre vestiti verdi e mi paga per fischiettare a Carnegie Hall. E poi c'è Eustace: lui indossa panciotti a scacchi e mi paga per distribuire monete da venticinque cent". Lo psichiatra pensa che si tratti di pure fantasie finché... lui stesso incontra uno degli omini.
3,25
di 5
Totale 4
5
0
4
3
3
0
2
0
1
1
  • User Icon

    Michele

    13/11/2008 13:11:07

    Il romanzo poliziesco è rimasto, in media , un basso genere letterario, e il filone pulp dell'America negli anni '40 del secolo scorso costituisce di ciò eclatante conferma. Questo libro appartiene al filone suddetto, anzi ne costituisce un esempio emblematico: confuso, raffazzonato, noioso. Voto più basso possibile, anatema su chi me ne parlò bene.

  • User Icon

    domina

    30/03/2008 14:25:40

    il primo romanzo di questo autore, che ingiustamente non ebbe successo e che fu presto dimenticato, si rivela un piccolo, avvincente gioiellino, scritto con competenza, mai scontato e ricco di spunti di riflessione esistenziale. il meccanismo del giallo fa leva principalmente sulle motivazioni interiori dei personaggi, ne cura le relazioni, ne scandaglia la psicologia, ma senza saccenteria "tecnica" (l'autore scrive come un vero psichiatra e non come uno che abbia orecchiato qualcosa soltanto per creare un "carattere"). la trama funziona e ogni volta che si pensa che il mistero stia per essere svelato, l'autore stupisce aprendo una nuova porta e presentando un nuovo enigma. fino alla quadratura finale quando, come in un puzzle, ogni pezzo trova il suo posto. se un difetto gli si vuole trovare, sono certi piccoli, ingenui "errori di montaggio", come se mancasse l'aggiustamento di minimi particolari prima della stampa. ma è un peccato veniale che non scalfisce il valore dell'insieme e, soprattutto, non nasconde la ricchezza interiore di un autore per il quale i personaggi, prima di esser tali, sono persone.

  • User Icon

    Standbyme

    16/05/2004 17:33:49

    È un piccolo gioiello che avrebbe meritato più fortuna. Stupisce che sia stato scritto cinquanta anni fa. Con un vago sentore kafkiano, l’Autore pone l’accento sulla psicanalisi rinunciando con intelligenza al solito stereotipato eroe. Ottima la scelta del movente che spinge il colpevole a commettere i delitti. Si prova una spontanea simpatia per il protagonista. Ben scritto anche se manca di una vera “suspence” a cui siamo abituati con i migliori thriller. La valutazione naturalmente è basata raffrontando questo libro ad altri gialli. 16 maggio 2004

  • User Icon

    Claudio

    01/10/2003 18:42:28

    Molto carino, una storia originale e per niente banale, molto diverso dai soliti gialli con il solito morto ammazzato e il detective che lo cerca. Qui la storia è piena di suspence, fino alla fine. Da leggere

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali