Editore: Sigismundus
Collana: Madeleine
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 1 ottobre 2011
Pagine: 272 p., Rilegato
  • EAN: 9788897359067
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Cosa unisce Omero e la Duchessa Anna Vreizh di Bretagna alle mafie che sottendono lo spettacolo italiano contemporaneo? Chi sono i membri del Boddah e quale patto, stipulato nel maggio del 1929 nel Cimitero di Hazlehurst, condannò a morte il grande chitarrista Robert Johnson? Da dove nasce la maledizione del 27? Inoltratosi in un labirinto umano di musicisti e matematici, scrittori e papponi, giudici e poeti, editori e psichiatri, il caporedattore del periodico Gelb è vittima di un rompicapo creato, con sadica perversione, da una donna maniacale spalleggiata da una cerchia di anime compiacenti. Nello spazio limitato di ventisette giorni, la sua indagine fornirà materiale crudo e vivo per un resoconto che affonda l'occhio nella parte più oscura del mondo delle arti e dello spettacolo.

€ 14,25

€ 15,00

Risparmi € 0,75 (5%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniele Assereto

    02/11/2011 14:05:01

    Ci sei riuscita. Ci sei riuscita davvero, Milla. Il tuo romanzo è finalmente uscito in libreria, pubblicato dalla Sigismundus Editrice, ed è un vero e proprio spettacolo. Uno spettacolo per gli occhi e per la mente: a cominciare dalla copertina, firmata all'artista Degen Barden [autore tra l'altro anche dello splendido trailer promozionale del libro], che introduce il fortunato lettore nel mondo che sei riuscita a raccontare con parole semplici e dirette, chiare e disilluse, colme di metafore ma giammai pretestuose. Ho riso ricordando gli episodi che narri e che ti hanno visto protagonista, ho tremato leggendo capitoli in cui la tua storia si lega indissolubilmente alla realtà del mondo dell'Arte che affronti ogni giorno e di cui denunci le nefandezze e le ipocrisie, ho brindato con te all'Alba che ti vedrà protagonista di tutto quello che meriti. Ho sperato che fosse un libro senza fine, tanto sono riuscito a perdermi tra le tue pagine e le tue parole. Ricordi, Milla? Ricordi quanti discorsi fino al mattino sulle realtà italiane, quelle realtà quotidiane che ti straziano l'anima e contro cui continui a lottare? Ricordi quante risate mentre ti raccontavo di quella volta in cui, dopo una gara di Pastis, entrai nel frigorifero della mia cucina? Leggendo la storia che sei riuscita così agilmente a costruire e orchestrare, mi sono tornate alla mente tutte le persone che ho conosciuto in questi dieci anni, da quando ci siamo incontrati per la prima volta a Crevari, sul palco del Tomerc. Ho rivissuto l'allegria con cui passavamo dal dialogare di Pratchett e di Pampero, di Bowie e di Baudelaire, di sushi e di Sheldon, e ho rivissuto immediatamente ogni singolo secondo scomparso. Immergendomi nelle pagine che compongono l'Eretista, mi sono trovato imprigionato in una trama affascinante e ammaliante, colma di colpi di Scena e Sipari scolpiti, che mi hanno trascinato per l'ennesima volta nel tuo mondo e nella tua vita.

Scrivi una recensione