Exodus di Otto Preminger - DVD

Exodus

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 1960
Supporto: DVD
Salvato in 26 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A metà degli anni Quaranta, un profugo ebreo, prigioniero degli inglesi, organizza una fuga per giungere a Israele dove si sta combattendo contro gli arabi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,67
di 5
Totale 6
5
3
4
0
3
2
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Luca Ballati

    12/07/2007 14:57:57

    Altro capolavoro di Preminger

  • User Icon

    pennyjo

    11/05/2007 18:17:15

    La storia, le ragioni di ebrei e palestinesi, non voglio addentrarmi in un argomento che conosco poco per poter dire di stare dalla parte di uno o dell'altro, ma da quando ho visto il film per la prima volta e per quanto lo rivedo tutte le volte che lo mandano in onda in tv io penso sempre la stessa cosa: che le guerre sono tutte ingiuste! Il film è ben interpretato da ottimi attori, diretto da un altrettanto ottimo regista, e tutte le maestranze che vi hanno preso parte hanno svolto ottimamente i propri ruoli.

  • User Icon

    Vittorio

    27/07/2006 16:44:55

    Miti: sui miti si fonda la storia. La "leggenda" della nascita dello Stato di Israele non deve essere così leggenda, se gli storici la raccontano anche loro in maniera epica; il film è più enfatico del libro, peraltro sterminato, ma va detto che è ben diretto e recitato in maniera grandiosa. Quanto alle ragioni dei palestinesi, erano quelle dei nazisti; e le potenze vicine soffiavano sul fuoco. Chi ha scritto le altre recensioni, mi dispiace, non sa distinguere un film da un annaffiatoio.

  • User Icon

    Matzpen

    04/10/2005 22:59:30

    Il film è artisticamente valido, i personaggi sono ben costruiti e rappresentano efficacemente i vari punti di vista e le varie spinte alla base del movimento sionista. in più risulta ancora oggi coinvolgente. Da un punto di vista storico è interessante in quanto è una summa di come il movimento sionista si autopercepiva (e soprattutto di come percepiva gli arabi palestinesi: sostanzialmente assenti come movimento nazionalista o pedine nelle mani di altri, le loro ragioni non vengono prese minimamente in considerazione) e costituisce un'autentica rassegna apologetica dei miti fondatori dello stato di Israele. Miti che oggi, dopo la radicale revisione operata dai "nuovi storici" israeliani, si sono rivelati, appunto, miti.

  • User Icon

    maurizio

    23/04/2005 20:54:31

    Non è un capolavoro, ma una discreta trasposizione di un classico romanzo di Uris, che "glorifica" alcuni aspetti della nascita di Israele. Visione di parte ma, nell'insieme, soddisfacente.

  • User Icon

    goldameir

    16/12/2004 22:39:26

    E'la parte più orribile che poteva fare, è il film fa schifo!!!!!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Produzione: MGM Home Entertainment, 2004
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 220 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Surround 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Paul Newman Cover

    "Attore statunitense. Dopo varie esperienze teatrali studentesche e un soggiorno all'Actor's Studio, esordisce a Broadway nel 1953 e sullo schermo nel 1955 (con Il calice d'argento di V. Saville), imponendosi subito dopo in Lassù qualcuno mi ama (1956) di R. Wise. Sul piccolo schermo si fa notare in The Left-Handed Gun di A. Penn (poi trasferito in film con Furia selvaggia, 1958, sempre per la regia di Penn) e in una versione musicale di La piccola città. Nel 1958 sposa l'attrice J. Woodward, al cui fianco recita sulle scene nel 1965 in Baby Want a Kiss e in diversi film (La lunga estate calda, 1958, di M. Ritt; Missili in giardino, 1958, di L. McCarey; Dalla terrazza, 1960, di M. Robson; Un uomo, oggi, 1970, di S. Rosenberg). Come regista ha diretto, rivelando grande sensibilità e acuto spirito... Approfondisci
  • Ralph Richardson Cover

    Attore inglese. Dopo un'infanzia anomala e avventurosa (vive su una carrozza ferroviaria sulla spiaggia), esordisce giovanissimo sul palcoscenico intraprendendo una carriera che non abbandonerà mai e affermandosi in pochi anni come uno dei massimi interpreti shakespeariani. Al grande schermo arriva solo dopo il 1930 e ben presto si impone in ruoli da caratterista grazie a una voce ben impostata e a un sorriso ironico quasi beffardo. Lo si ricorda serioso colonnello Winstalney nella commedia L'uomo dei miracoli (1937) di L. Mendes, sprezzante commilitone nell'avventuroso Le quattro piume (1939) di Z. Korda, maggiordomo considerato straordinario dal bambino che accudisce nel dramma psicologico Idolo infranto (1948) di C. Reed, padre dispotico dell'ingenua protagonista nel jamesiano L'ereditiera... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali