Traduttore: A. Lussonzer
Editore: Mondadori
Collana: Oscar Ink
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 26 giugno 2018
Pagine: 146 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788804701200
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

"Era un piacere bruciare tutto. Era un piacere particolare veder le cose divorate... annerite. Trasformate."

Montag fa il pompiere in un mondo dove gli incendi anziché essere spenti vengono appiccati. Armato di lanciafiamme, fa irruzione nelle case dei sovversivi che conservano libri e li brucia. Montag però non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi, una moglie che gli è indifferente e un lavoro di routine. Finché, dall'incontro con una donna sconosciuta, inizia per lui la scoperta di un sentimento e di un mondo diverso. In una società in cui leggere libri e possederne è reato, riusciranno almeno le parole a salvarsi dalla distruzione, dai roghi del potere? Un raffinato graphic novel, approvato da Ray Bradbury (che ne firma la prefazione), nel quale rivivono le allucinate e poetiche atmosfere di uno dei romanzi distopici più amati.

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 17,20 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Eva

    23/09/2018 18:57:27

    Lettura perfetta per gli adolescenti, che così cominciano ad entrare nel mondo della fantascienza e della distopia con una delle opere non solo più famose di sempre, ma anche più piacevoli da leggere. Fra l'altro, è assai emblematico il fatto che siano proprio i libri gli oggetti più invisi dalle autorità: una questione che fa riflettere e che, specie per un ragazzino, può rivelarsi un motivo di dibattito, ad esempio, in classe. Questi sono i libri che gli insegnati dovrebbero far leggere in classe!

  • User Icon

    Patty

    23/09/2018 17:50:27

    Un libro molto molto carino, che con una semplicità estrema ti porta in un mondo dove i libri sono proibiti, dove tutto ciò che si può fare è deciso da entità superiori. Eppure, c'è ancora chi si ricorda del passato, chi continua di nascosto a nascondere e addirittura a leggere libri, nonostante sia impietosa la legge nei confronti dei trasgressori. Libro perfetto per i più giovani, che potranno apprezzarne sia lo stile semplice e asciutto, sia lanciarsi in riflessioni davvero importanti.

  • User Icon

    maria

    23/09/2018 15:21:52

    Un romanzo di fantascienza che descrive un ipotetico mondo futuro in cui il potere è amministrato mediante un’unica e semplice regola: il divieto di leggere e possedere libri. A garantirne l’applicazione, un efficiente corpo di “pompieri-incendiari” che non disdegnano violenza e omicidio pur di rispettare la propria missione ma che non si chiedono nemmeno perché. E’ questa in effetti la caratteristica principale degli abitanti di questo mondo futuro: nessuno si fa domande. Apparentemente felici, amano la velocità e l’azione, vivono attorniati da personaggi televisivi a grandezza naturale che scambiano per la propria famiglia e, pur di non rimanere da soli con i propri pensieri, hanno sempre auricolari ronzanti nelle orecchie. E’ quindi con il divertimento che, di fatto, gli uomini sono ridotti a meri fantocci non-pensanti, superficiali, non più in grado nemmeno di distinguere il confine tra realtà e finzione. Un romanzo che sconcerta, quindi, perché i tratti di questo mondo così irreale assomigliano drammaticamente alla realtà che ci circonda in cui i libri non si leggono non per legge ma per scelta, sostituiti da divertimenti di più facile consumo – non così dissimili di fatto dalla velocità, dagli spettacoli scacciapensieri, dal chiacchiericcio senza contenuti predetto da Bradbury. Che l’abbia fatto nel 1953, tra l'altro, non può che essere genialità. Un romanzo da leggere assolutamente per farsi qualche domanda sul mondo attuale e su come trascorriamo il nostro tempo.

  • User Icon

    Violetta Toto

    23/09/2018 09:48:59

    Per chi ama i distopici come me, questo è ovviamente un must. La trama è notissima, ma leggendo il libro si è immediatamente immersi nell'atmosfera in cui vive Montag e subito si entra in empatia. Una volta iniziato non riuscirete più a smettere!

  • User Icon

    Maria

    22/09/2018 15:43:43

    Un classico della fantascienza distopica. Al di là della trama, abbastanza semplice ed anche ripetuta in altre opere letterarie o cinematografiche c'è il giudizio sulle società a pensiero unico dove la cultura e la conoscenza sono proibite, il dibattito represso e censura e delazione incentivate. L'opera del 53 parla, ovviamente, ad un mondo non democratico come quello dei regimi comunisti ma, riletta oggi può benissimo essere applicata a quell'occidente, Italia compresa, dove si preferiscono servi sciocchi e sudditi obbedienti rispetto a politici indipendenti e cittadini maturi. Sono letture che si rinnovano, ahimè con la crisi della democrazia moderna.

  • User Icon

    mario

    22/09/2018 15:41:47

    Con la scrittura di questo romanzo l'autore , già allora, aveva capito in quale direzione stavamo procedendo. Davvero.....I media e il loro potere sull'uomo. L'appiattimento delle caratteristiche individuali dell'uomo. Infatti troviamo in questo capolavoro l'inno all'importanza della lettura, l'inno ai valori di libertà ed espressione. Viene sottolineata l'importanza di esprimere il proprio pensiero, di scambiarsi opinioni e di guardarsi negli occhi.....anziché nutrirci passivamente delle cose di poco conto che ci propina la televisione, ad esempio. In questo caso , aveva estremizzato la situazione, ma di proposito voleva farci capire come potrebbe diventare una società che rinuncia alla propria espressione, al proprio pensiero. Sottolineava l'importanza della lettura , della conoscenza e del condividere ciò che si apprende e che ci appartiene.

  • User Icon

    Mara

    21/09/2018 15:59:05

    Assolutamente uno dei miei libri preferiti in assoluto. Per chi ama il genere della distopia non potrà che apprezzare questa storia.

  • User Icon

    Luisa

    18/09/2018 21:16:51

    La storia è ormai famosissima: Montag, pompiere in un futuro distopico, invece di spegnere incendi, li appicca. Ma non appicca incendi qualsiasi: la sua professione è bruciare i libri. I libri, portatori di pensiero, sono banditi in questo tempo, perché distraggono dalla felicità vera. Non amo particolarmente i distopici, ma questo qui l'ho letto in pochissimi giorni. Credo che questo sia dovuto al fatto che il mondo di Bradbury non è presente in modo asfissiante nei suoi dettagli, ma viene presentato man mano che il protagonista va avanti. Bellissimo e consigliatissimo.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione