I falò dell'autunno

Irène Némirovsky

Traduttore: L. Frausin Guarino
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 18 aprile 2012
Pagine: 240 p., Brossura
  • EAN: 9788845926747
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,72
Descrizione
"Vedi," dice la nonna alla nipote, immaginando di prenderla per mano e condurla attraverso vasti campi in cui vengono bruciate le stoppie "sono i falò dell'autunno, che purificano la terra e la preparano per nuove sementi". Ma Thérèse è giovane, non ha la saggezza della nonna: ancora non sa che prima di poter ritrovare Bernard, l'uomo che ama da sempre, a cui ha dedicato la vita intera, le toccherà attraversare con pena e con fatica quei vasti campi, e subire le dolorose devastazioni provocate da quegli incendi. Perché Bernard, l'adolescente intrepido, impaziente di dar prova del proprio coraggio, partito volontario nel 1914, è tornato dalla guerra cinico e disincantato: quattro anni al fronte l'hanno trasformato in uno sciacallo, uno che non crede più a niente, che aspira solo a diventare ricco, molto ricco - e che per farlo si rotolerà nel fango della Parigi cosmopolita del dopoguerra, in quella palude dove sguazza la canaglia dei politicanti, dei profittatori, degli speculatori. Alla dolce, alla fedele e innamorata Thérèse, e ai figli che ha avuto da lei, preferirà sempre il letto della sua amante e lo scintillio dei salotti parigini. Ci vorranno la fine delle grandiose illusioni della Belle Epoque, la rovina finanziaria, e poi un'altra guerra, la prigionia, la morte del primogenito, perché Bernard ritrovi la sua anima: la cenere degli anni perduti servirà a purificare il terreno per una vita diversa.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    19/03/2014 14:26:33

    Sebbene sempre incantata dal suo stile magnifico, non ho amato questo romanzo al pari di altri capolavori della meravigliosa Nemirovsky. A tratti appare eterogeneo, slegato, lievemente ripetitivo. Si fa avvincente nella terza parte e torna magnifico nella descrizione del tormento interiore di Therese e del suo amore incrollabile. Per certi versi, in nuce, mi sembra di individuare analogie con gli affreschi di Suite francese.

  • User Icon

    giorgio g

    15/12/2013 10:43:32

    Un altro capolavoro della scrittrice franco-russa tragicamente scomparsa durante la seconda guerra mondiale. Il libro si sviluppa attraverso diversi piani temporali: la prima parte durante la Grande Guerra: la descrizione della vita e della morte al fronte è vivida, una delle più realistiche che io abbia letto (incredibile che sia stata scritta da una donna che al fronte non c'è stata); la seconda parte si svolge durante gli anni del dopoguerra quando una folla di profittatori trovò il modo di arricchirsi spudoratamente appoggiandosi ai politici (ogni riferimento al presente è del tutto casuale); il capitolo finale racconta il crollo della Francia sotto l'attacco dell'esercito di Hitler. Le descrizione della fuga di militari e civili ricorda "Suite francese" il libro che ci rivelò la Nemirowsky. Questo per quanto riguarda l'ambiente. I personaggi,primi tra tutti Thérèse e Bernard, i loro travagli interiori, i loro amori e i loro dolori sono descritti con la consueta maestria.

  • User Icon

    Roberta

    30/08/2013 10:08:23

    E' il primo romanzo che leggo di questa autrice. Mi e' molto piaciuto il modo che ha di scavare nell'animo delle persone reendendo questo racconto emozionante ed appassionante. In piu' l'ambientazione storica e' quella di un periodo molto difficile ma che e' stato descritto molto bene. Leggero' sicuramente altri suoi racconti.

  • User Icon

    Rita

    01/11/2012 12:15:28

    E'il primo romanzo che leggo di questa autrice. Mi ha molto emozionato. Mi è piaciuto molto. Credo che ne leggerò altri.

  • User Icon

    marilina

    31/08/2012 15:46:52

    Ho finito adesso di leggere questo libro, che come tutti i romanzi della Nemirovsky, mi ha colpito, commosso ed emozionato....le sue parole le sue descrizioni, i suoi personaggi, tutti da quelli cinici a quelli sentimentali, hanno il potere di rimanere dentro di me e di creare una sorta di legame con la mia anima e cosi' i suoi libri mi restano dentro per sempre ....alcuni libri si leggono e si trovano anche piacevoli ma poi si dimenticano, i libri della Nemirovsky non si puo' dimenticarli....piccoli gioelli di letteratura

  • User Icon

    Paola

    08/08/2012 00:02:00

    Ho letto questo libro carica di aspettative e sono rimasta inevitabilmente un po' delusa. Dato lo spessore dell'autrice pensavo che si trattasse di un romanzo piú profondo.In realtà è incentrato su una storia d'amore che si svolge durante la guerra, abbastanza noioso nella prima parte sicuramente in crescendo fino alla fine.

  • User Icon

    adriana

    25/06/2012 15:53:32

    Bellissimo e tristissimo. Pensare che la scrittrice parla di avvenimenti che a breve la porteranno a una morte atroce fa accapponare la pelle.

  • User Icon

    fabien

    06/06/2012 10:22:14

    I libri di Irène, a mio avviso,non si commentano:si leggono e ti rimangono dentro come un tizzone che ti accende lo spirito e ti riscalda i sentimenti.Forse,io dirò parole superflue e desuete ma come non attraversare, con Iréne,la terribile agonì dello spirito che ti coglie durante la descrizione della disfatta morale causata dalla guerra?Forse,e dico forse,solamente Frank, nel suo Minuit en Paris, ha saputo descrivere-quasi similmente la depravazione intelletuale allora che i tedeschi hanno occupato Paris. Straordinaria Irène;ogni suo libro contiene il precedente e lo arrichisce. fabien

  • User Icon

    emanuela

    15/05/2012 22:24:14

    Che gioia un altro libro di Irène! Temo che ormai stiano finendo, che la sua morte precoce ad Auschwitz non le abbia permesso di scrivere ancora molto di più. Sarà un grosso dolore quando Adelphi non avrà più nuovi racconti da pubblicare. Quanto a questo "I falò dell'autunno", gli do il voto massimo. Magari all'inizio non è esaltante come altri, ma via via cresce e il finale è altissimo. Con sublime semplicità la scrittrice trasmette l'orrore inutile delle guerre, la sbornia di vita che le accompagna, la forza e la fragilità di chi le vive dentro o fuori dal fronte. Grande Irène.

  • User Icon

    marcello

    02/05/2012 08:40:46

    Sempre affascinante l'atmosfera e lo scrivere di qesta donna che tanto deve aver odiato i francesi e la loro imprenditoria politica e dirigente. Un romanzo su due guerre di perdizione e redenzione di una modernità ed attualità sconvolgenti. Inizia come un romanzo di appendice ma via via cresce e si nutre dell'amore di una donna. Quante Therese ci vorrebbero!!! Quanti uomini via via dovrebbero Bernard..izzarsi!!!!! Bella lettura.

  • User Icon

    Romolo Ricapito

    02/05/2012 01:35:12

    Straordinario capolavoro I Falò dell'Autunno di Irène Némirovsky, uscito nel 1957 ma rimaneggiato con le indicazioni lasciate in archivio dall'autrice, scomparsa in un campo di concentramento durante la Seconda Guerra Mondiale. L'argomento principale del romanzo è la guerra; o meglio, gli effetti di essa nei caratteri , maschili e femminili. Ambientato tra la prima e la seconda guerra mondiale a Parigi, assistiamo in esso (principalmente) all'evoluzione del personaggio di Bernard. Da valoroso e giovane soldato a sopravvissuto. E dunque uomo fatto che assapora i piaceri e le trasgressioni come risarcimenti dei drammi della battaglia. Tali trasgressioni implicano malversazioni finanziarie e speculazioni, in una cronistoria paradossalmente molto attuale. Ecco dunque la vendita di materiali scadenti per costruire aerei da guerra, azione che si ripercuoterà sugli affetti di Bernard come in una nemesi. Il personaggio di Therese è quello di una giovane vedova di guerra che, incapace di solitudine, si avvicinerà all'oggetto del suo amore (Bernard) subendone i capricci e raccogliendone infine i cocci ,in un succedaneo della mitica Penelope. Ma c'è anche Benoit, medico e personaggio valoroso che scompare all'inizio del libro. Il suo valore, il suo sacrificio si ripercuoteranno come esempio per Yves, figlio di Bernard, incapace di capire il padre naturale per amare a distanza il primo marito della madre, appunto Benoit . Lo stile della Némirovsky si apprezza perché esso è un misto di fascinazione psicologica che coniuga ironia, atmosfere magiche e dialoghi insinuanti. I protagonisti, ma anche i figuranti, sono veri nei loro vizi così come nelle virtù. Ma soprattutto nelle debolezze. E' presente anche la consapevolezza della realtà della vita, che si trasforma cammin facendo nell'inevitabile vecchiaia.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Dopo i I doni della vita, un’altra grande saga familiare di Irène Némirovsky. Un romanzo tradotto a partire dall’ultima versione del testo ritrovata tra le carte dell’autrice.

Al centro di questo romanzo c’è un sogno: quello in cui, poche ore prima di morire, la vecchia nonna della protagonista vede se stessa prendere per mano la nipote e insieme a lei attraversare i vasti campi in cui ardono dei falò: «"Vedi," le diceva "sono i falò dell'autunno; purificano la terra, la preparano per nuove semine. Voi siete giovani. Nella vostra vita, questi grandi falò non hanno ancora cominciato ad ardere. Si accenderanno. Devasteranno molte cose…"» Così sarà: come molti altri della sua generazione, dalle atrocità della Grande Guerra il «piccolo eroe» Bernard Jacquelain è stato trasformato in un «lupo» avido di piaceri e di denaro, cinico e disincantato, e unicamente attratto dal mondo luccicante dei faccendieri, degli affaristi, dei politici corrotti. A niente servirà la presenza dolcissima della giovane moglie: lui ha voglia di avventure, e di quella mediocre vita piccolo borghese non ha che farsene. Ma il fuoco di molti incendi verrà a devastare i campi della sua vita: un amore sordido, una débacle finanziaria, un’altra guerra, un lutto atroce. Solo allora Bernard capirà cosa vuole davvero e saprà che da quel cumulo di ceneri può nascere una vita nuova.
Scritto a Issy-L’Évêque tra il 1941 e il 1942 e uscito postumo nel 1957, I falò dell’autunno è stato tradotto a partire dall'ultima versione del testo ritrovata tra le carte dell’autrice, versione che – ricostruita grazie alle ricerche di una studiosa italiana, Teresa M. Lussone – è stata accolta nelle Oeuvres complètes apparse in Francia nell’autunno del 2011.