I favolosi anni '85

Simone Costa

Editore: Spartaco
Collana: Dissensi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 5 ottobre 2017
Pagine: 153 p., Brossura
  • EAN: 9788896350676
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 5,40
Descrizione
Marco Cocco, autore deluso, ex alcolista, dopo anni di rifiuti riesce finalmente a piazzare la trasmissione vincente: "I favolosi anni '85". La nostalgia è la chiave del programma, che ha subito un gran successo. L'idea semplice e per questo geniale sta nella costruzione di ricordi positivi in cui tutti possano riconoscersi: il profumo del piatto preferito da bambini, l'amore sbocciato da adolescenti su una spiaggia, la vittoria della Nazionale ai Mondiali di calcio. A dare voce alle storie è lo speaker arrivista, calcolatore ma bravissimo, Charlie Poccia. Sulle sue tracce cerca di mettersi Irene Castello. Manager in carriera, al culmine dell'affermazione professionale la giovane donna si ammala di una sindrome unica: non riesce più a decifrare le parole della gente, che per lei suonano come bisbiglii incomprensibili. Chissà se la dolcezza amara delle frasi ascoltate alla radio riuscirà a riportarla alla normalità.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    liberandoci

    05/05/2018 16:30:47

    La radio è il medium che più di tutti utilizza e valorizza la forza della parola. I dialoghi, la musica, il ritmo accompagnano l’ascoltatore in un percorso dentro se stesso. Simone Costa ne “I favolosi anni ‘85” ci racconta di Marco, un autore radiofonico con una storia fatta di ricordi e di delusioni, di soddisfazioni fatue e illusioni che minano la sua autostima. Il contraltare di Marco è Irene, una creativa in carriera che perde la capacità di ascoltare e con essa la capacità di ascoltarsi. Come in un vortice a imbuto, le due storie scendono piano piano verso il buio della disperazione e solo attraverso la radio e la forza della parola entrambi i protagonisti possono trovare un barlume di salvezza. Costa costruisce un racconto intenso, le parole e le descrizioni si susseguono in una armonia che evoca il sentimento dei ricordi: la nostalgia. La nostalgia, un tema onnipresente nella trama del libro, diventa così condanna e cura, esaltazione e umiliazione, donando a tutto il testo un sapore malinconico che lascia qualcosa di sospeso in bocca. Un libro da leggere con il cuore, un testo con un finale aperto.

Scrivi una recensione