Categorie

Marianne Fredriksson

Traduttore: R. Bacci
Editore: TEA
Anno edizione: 2007
Pagine: 492 p., Brossura
  • EAN: 9788850213948
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 7,50

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maria Vittoria

    17/10/2012 14.01.43

    Per una donna questo libro è davvero molto bello ed emozionante. Non che per un uomo sia brutto ma è pieno di aneddoti riguardanti la psicologia femminile quindi è più facile per una donna sentirsi coinvolta! Di questa autrice ho letto nell'ordine Simone, Verità separate e poi questo romanzo! L'ho scoperta da poco ma per fortuna che l'ho scoperta!

  • User Icon

    iLaiLa

    04/03/2011 18.38.32

    Un libro molto piacevole da leggere, che scorre bene. Un libro che mi ha lasciato qualcosa dentro, e non capita spesso.

  • User Icon

    omar1982

    29/06/2004 19.51.37

    la narrariva di quasto genere,si sa,è infarcita di luoghi comuni e di ripetizioni narrative,e in un certo qual senso questo romanzo non fa eccezione...ma la cosa che lo rende,se non unico,raro è la descrizione obiettiva di donne e uomini che hanno vissuto la loro vita nella quotidianità e sono morti come tutti o quasi,cioè soli.Quindi le vite dei personaggi non vengono spettacolarizzate come spesso succede,ma umanizzate e non retoricizzate.Meglio la prima parte.

  • User Icon

    Gianna

    29/10/2002 00.02.46

    ho trovato questo libro BELLISSIMO...non conoscevo questa scrittrice e ne sono rimasta incantata...forse simile all'Allende di Eva Luna ma particolare per queste ambientazioni nei paesi del Nord....ho comprato anche Passato Imperfetto che mi è piaciuto ma meno ed ora sono alla ricerca di SIMON per farmene una idea globale.

  • User Icon

    Luna49

    31/08/2001 09.52.33

    Con questo libro si entra nell'universo femminile del "profondo nord" europeo. l'autrice ci fa conoscere donne caparbie, determinate, ma ognuna, a modo suo, condannata a vivere..... "una vita di donna"! La narrazione si svolge su piani diversi: parte con Anna, la nipote, che assiste la madre, Johanna, alle soglie della morte. Prosegue poi con la storia di Hanna, nonna di Anna, la cui adolescenza è stata segnata da uno stupro che forgerà il suo carattere. Rientra Anna come protagonista alla ricerca del filo che la lega alla nonna e alla madre e, nel contempo, c'è la sua storia presente, diversa, ma non meno problematica e conflittuale di quella delle sue antenate. Poi di nuovo indietro: ed è la storia di Johanna raccontata in prima persona. Consigliato a chi ama le saghe familiari, che ti fanno entrare nella cultura di un paese e ti fanno percorrere interi decenni di storia. Consigliato anche a chi ama la psicologia femminile. Buona lettura!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione