Il figlio del figlio

Marco Balzano

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Avagliano
Collana: I tornesi
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 26 gennaio 2010
Pagine: 156 p., Brossura
  • EAN: 9788883092886
Salvato in 7 liste dei desideri

€ 11,05

€ 13,00
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il figlio del figlio

Marco Balzano

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il figlio del figlio

Marco Balzano

€ 13,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il figlio del figlio

Marco Balzano

€ 13,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nicola ha ventisei anni e fa l'insegnante precario a Milano. È il figlio del figlio di nonno Leonardo, un omone potente e analfabeta che un giorno porta la notizia: bisogna vendere la casa al mare. Nonno, padre e nipote partono per raggiungere la Puglia - un viaggio tra i luoghi e le memorie che hanno costruito la famiglia Russo - che poi "è il posto dove uno deve stare". Tra quelle mura ognuno ritrova le proprie tracce: Nicola gli amori estivi; il padre la scuola e la giovinezza; il nonno la sua vita di contadino. Tre uomini che tirano le somme della propria vita, tre lingue diverse per raccontare la guerra e l'impegno politico, l'emigrazione e la perdita delle radici; il bisogno di partire e la conquista di un posto in cui tornare.
4
di 5
Totale 7
5
3
4
1
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ago

    30/08/2016 10:24:19

    Lettura carina e leggera, forse anche troppo leggera... Un romanzo di formazione che si legge in una settimana: piace per le ambientazioni e la caratterizzazione dei personaggi ma molti argomenti meritavano di essere approfonditi. L'altro romanzo di Balzano che ho letto (L'ultimo arrivato) è decisamente più "maturo" di questo.

  • User Icon

    jane

    16/01/2016 18:24:04

    Un ' operina che promette molto ma lascia un po' di delusione perché gira e rigira intorno al tema nord-sud senza un vero sviluppo della storia.

  • User Icon

    claudio

    11/12/2015 10:03:02

    Una famiglia di Barletta emigrata anni prima nell'hinterland milanese. Il nonno, analfabeta, ex comunista, la moglie e quattro figli. Poi sono arrivati i nipoti e un po' per volta si è guastata l'atmosfera familiare. Ormai i quattro fratelli si ignorano se non si odiano e i cugini non si vedono più. In questo frangente viene deciso a malincuore di vendere la casa di Barletta dove i nonni e i figli abitavano prima di emigrare. Appartamento quasi diroccato, ma stella cometa per i due anziani che a malincuore accettano. Per vendere partono in auto il nonno, un figlio -diplomato alle serali- e il figlio di questi -laureato e insegnante precario. Ed è un viaggio in cui emergono i caratteri dei tre personaggi, raccontati dal più giovane, l'io errante della storia. A tratti commovente, in particolare il nonno. Da consigliare.

  • User Icon

    angelo

    12/11/2015 15:28:41

    Ingredienti: tre generazioni maschili di una famiglia di emigranti, un viaggio da Milano a Barletta per riallacciare rapporti e recuperare dialoghi, una casa estiva ormai abbandonata e cadente da vendere, un contatto con le proprie radici ancora vive ma sempre più deboli. Consigliato: a chi vuol tornare col ricordo ai luoghi del proprio passato, a chi vuol fuggire dal presente per cercare il proprio posto nel mondo.

  • User Icon

    emma

    07/10/2010 18:45:42

    un po' di fatica a recuperarlo, ma è valsa la pena insistere. avevo letto la recensione di goffredo fofi su "internazionale" e in effetti è come scrive, è un libro che può insegnarci molto su quel che siamo e su quel che siamo stati. alterna momenti di simpatia e leggerezza ad altri di malinconia, con un sentimento del tempo molto forte. si legge d'un fiato, anche perchè ci si identifica con la voce di chi scrive (il protagonista è un ragazzo laureato e ora precario) e si riconoscono soprattutto negli altri due protagonisti, il padre e il nonno, i nostri genitori e i nostri nonni.

  • User Icon

    fernando

    25/06/2010 12:49:58

    molto bello si...mi ha invogliato la buona critica che ha avuto e non me ne sono pentito. e detto da un lettore pigro come me vale il doppio (di solito faccio fatica ad arrivare alla decima pagina). lo consiglio

  • User Icon

    Anna Lucia

    21/06/2010 18:11:20

    Un libro bellissimo dalla scrittura semplice e delicata. Davvero emozionante e commovente.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
Questo è un romanzo, all'esordio, che coglie nel segno, e a cui ci si affeziona: per l'acuta sensibilità con cui sono tratteggiati i caratteri; per la sapienza narrativa; per lo stile scabro, asciutto ma senza ostentazioni. Il racconto muove dalla decisione della famiglia Russo di vendere la casa al mare, nel Sud da cui si è partiti senza fare ritorno. A comunicarlo è il nonno, con la morte nel cuore, perché quella casa, abbandonata dai figli, rappresenta lo sfascio della famiglia: e allora non resta, con dolore, che disfarsene. Per andare a venderla, a Barletta, affrontano il viaggio il padre, il figlio, e il figlio del figlio: Nicola, il nipote del titolo, protagonista e narratore. Un viaggio nella memoria dei luoghi e degli affetti, attraverso tre generazioni, ciascuna con il suo passato con cui fare i conti. E insieme, a incrociare memorie e destini, il racconto delle relazioni fra i tre, mai così vicini.
Nicola è insegnante precario, per questo in famiglia ancora lo considerano un ragazzo, scioperato per di più: a suo modo oggi un simbolo, nell'opinione di molti, delle generazioni ultime. Il nonno, "grande e grosso come un guerriero", di grana ruvida e spessa, rappresenta il passato arcaico. Il padre, della generazione di mezzo, non più giovane e ancora figlio, è quello che si adombra, affacciato al balcone, con il suo tarlo segreto, i lunghi silenzi a dividerlo da Nicola, il figlio, perché può accadere, al figlio con il padre, come con la propria immagine allo specchio: tanto ci è familiare che finisce per diventarci estranea; e si smette a quel punto di parlare, fino a farci l'abitudine. "A tavola adesso si parla poco (…) Il bene che ci teneva uniti in quei secoli d'infanzia e prima adolescenza ora non lo sentivo più". Giunge un tempo, in ogni famiglia, che nulla più è come prima, e la cosa più dolorosa è che non ci si può far nulla.
Il libro racconta il ritorno al paese di chi è partito, e per lasciarlo per sempre, paese dove, nel frattempo, si è diventati "il milanese"; mentre a Milano, sempre, si sarà considerati "il meridionale": ritrovandosi così nella strana condizione di forestiero dappertutto. Come per molti, al Nord, dal Sud emigrati. Più in particolare, è il racconto di quella condizione di spaesato sradicamento che coglie a ogni ritorno, e ancor più ora, quando per la famiglia Russo l'ultimo legame – la casa, verghianamente – è sul punto di essere reciso. Il dubbio, per chi è andato via, l'interrogativo che si porterà sempre dentro, è cosa sarebbe stato se solo si fosse rimasti. Domanda destinata a restare senza risposta, in un'incertezza sospesa che può giungere, come nel caso di Nicola, ai limiti della disillusione: "Illuso di aver studiato e viaggiato per avere di più di un contadino analfabeta, di più di un ragazzo emigrante presto invecchiato". Il protagonista-narratore, nel suo viaggio di ritorno nei luoghi della memoria, legge – e non potrebbe quasi essere altrimenti – Proust. Quello di Nicola, in effetti, è un tempo ritrovato alla rovescia, nella sua personale Recherche. Essa conduce non a ritrovare, ma a distaccarsi, e per sempre, dal passato da cui proviene. Un requiem delle origini, si direbbe, attraverso epifanie della memoria, e attraverso il padre e il nonno (tre diverse gradazioni di nostalgia, di legame, di attaccamento: "le tre lingue di casa Russo" le chiama il narratore): "Questa fu la cosa più bella di quel viaggio, tradurre per capire quello che ancora mi appartiene. Quello che è mio nonostante sia soltanto di riflesso".
Alla fine i tre si dividono: da solo, ciascuno, è chiamato a fare i conti con la propria nostalgia, il proprio passato, la propria irriducibile solitudine. Il viaggio si conclude, per il figlio del figlio, con la visita alla nonna materna: in lei Nicola troverà la contentezza e la pace che basta a se stessa di chi è rimasto.
Marcello D'Alessandra
  • Marco Balzano Cover

    Marco Balzano è nato a Milano nel 1978, dove vive e lavora come insegnante di liceo. Ha esordito nel 2007 con la raccolta di poesie Particolari in controsenso (Lieto Colle, Premio Gozzano). Nel 2008 è uscito il saggio I confini del sole. Leopardi e il Nuovo Mondo (Marsilio, Premio Centro Nazionale di Studi Leopardiani). Il suo primo romanzo è Il figlio del figlio (Avagliano 2010, finalista Premio Dessì 2010, menzione speciale della giuria Premio Brancati-Zafferana 2011, Premio Corrado Alvaro Opera prima 2012), tradotto in Germania presso l’editore Kunstmann.A questo primo romanzo hanno fatto seguito Pronti a tutte le partenze (Sellerio 2013), L'ultimo arrivato (Sellerio 2014), con il quale vince nel 2015 il premio Campiello. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali