La fine di una stagione. Memoria 1943-1945

Roberto Vivarelli

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Mulino
Collana: Intersezioni
Anno edizione: 2000
Pagine: 136 p.
  • EAN: 9788815078131
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 3 persone

€ 5,02

€ 9,30
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Sono figlio di un morto ammazzato": questa è la "confessione" che dà avvio al libro in cui Roberto Vivarelli racconta per la prima volta, con partecipazione ma anche con stupefacente lucidità, la sua esperienza di repubblichino adolescente. Il padre di Vivarelli fu ucciso dai partigiani jugoslavi nel 1942. Alla caduta del fascismo e dopo l'8 settembre 1943, rimanere fascisti per i due figli sarà anche una questione di fedeltà all'ombra paterna. Ma dal 1948 egli avvierà una propria "ricostruzione" culturale e politica, che lo condurrà su posizioni assai lontane da quelle di partenza. Ma solo dopo mezzo secolo riuscirà a far combaciare le stagioni della propria vita e a vedere il filo unitario che le lega.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Salvatore Fazio

    11/09/2013 18:25:23

    Libro estremamente interessante e di grande onestà intellettuale. Da leggere senz'altro.

  • User Icon

    Lelio Dall'Osso

    12/09/2008 18:00:23

    Assolutamente interessante. Imperdibile, per chi si interessi ad una delle fasi più oscure e tragiche della storia italiana.

Note legali